Gaia in arrivo 105 milioni di euro per i lavori sulle reti


Con la firma, siglata a Roma, degli atti finali del contratto che dispongono l’erogazione effettiva del capitale finanziato è stato concluso l’ultimo passaggio dell’operazione di finanziamento che porterà nelle casse di Gaia, il gestore idrico per i comuni delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia, 105 milioni di euro da utilizzare per lavori sulle infrastrutture acquedottistiche e fognarie.
«Abbiamo raggiunto l’obiettivo principale verso cui l’intera società ha indirizzato il proprio lavoro in questi mesi – ha dichiarato il presidente di Gaia Vincenzo Colle -. Si tratta di un risultato storico perché ci fornisce gli strumenti idonei alla realizzazione di tutti gli investimenti previsti dal Piano di ambito, ovvero circa 330 milioni di euro per i 45 comuni gestiti, nei prossimi 15 anni.
A erogare le risorse il pool di sette banche che lo scorso aprile si erano aggiudicate il bando del finanziamento, Mps Capital Service, Monte dei Paschi di Siena, Banca Imi, Intesa San Paolo, Ubi Banca, Banco Bpm e Credito Valtellinese, ma all’operazione hanno partecipato anche Banca europea per gli investimenti (Bei) e Cassa depositi e prestiti, finanziando il 60% della somma a tasso vantaggioso, contribuendo a contenere maggiormente i costi complessivi con conseguente ulteriore risparmio per la società.
Grazie a queste risorse la società può contare su solide basi per portare avanti il suo Piano industriale, che prevede significativi traguardi nel medio periodo. Il programma prevede infatti la realizzazione di opere per un valore di 112 milioni di euro fino al 2022 nei tre settori chiave dell’acquedotto, fognatura e depurazione. Grande attenzione sarà rivolta al potenziamento degli impianti di depurazione e alla posa di nuove infrastrutture fognarie nelle aree che ancora ne sono prive, per tutelare l’impatto ambientale di tutte le attività gestite e contribuire a migliorare la qualità delle acque del mare. Il 40% degli investimenti è riservato alla manutenzione della rete acquedottistica con l’obiettivo di superare le criticità esistenti e assicurare l’erogazione di acqua di qualità, attraverso un servizio costante e continuo. In questo ambito l’azienda ha programmato diverse campagne di ricerca perdite e interventi per l’ottimizzazione delle pressioni in rete e la sostituzione di tubazioni obsolete a causa dell’età media molto elevata delle condotte.


Leggi anche

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

Inserito nel sistema del trattamento dei reflui a servizio della città di Brescia e di alcuni paesi della sua provincia, l’impianto, costruito con un investimento di 700.000 euro, è alimentato con biogas generato dal processo di depurazione. Produce energia elettrica e termica da utilizzare nello stesso processo, garantendo un risparmio sui consumi ed evitando l’emissione di 850 t di CO2 annue …

Leggi tutto…

Un’opera imponente che prevede la realizzazione di oltre 600 km di fognature per raccogliere e convogliare al depuratore i reflui della cittadina Misterbianco e di altri 10 comuni del catanese. Fondamentale per porre fine alla procedura di infrazione europea, la progettazione dell’infrastruttura ha un costo di 4 milioni di euro, mentre la realizzazione della rete e l’adeguamento del depuratore richiederà un investimento complessivo di 200 milioni …

Leggi tutto…

Lo stanziamento, approvato dalla Giunta, riguarda interventi sul territorio destinati a sanare la posizione dei comuni sotto procedura di infrazione comunitaria e, più in generale, a migliorare il sistema idrico regionale. Tra le principali opere finanziate, il collettamento della Valle Serina (500.000 euro), in provincia di Bergamo, e la vasca volano sfioratore del collettore a Monza (600.000 euro) …

Leggi tutto…

Un mega progetto dal costo di 67 milioni di euro. È quello che porterà avanti nei prossimi quattro anni l’azienda nel comune bresciano, per realizzare le infrastrutture idriche del tutto assenti: una rete acquedottistica, un collettore fognario e un impianto di depurazione con una capacità di trattamento pari a 13.000 abitanti equivalenti. A oggi il fabbisogno idrico è assicurato da oltre 3000 pozzi privati…

Leggi tutto…