Gaia in arrivo 105 milioni di euro per i lavori sulle reti


Con la firma, siglata a Roma, degli atti finali del contratto che dispongono l’erogazione effettiva del capitale finanziato è stato concluso l’ultimo passaggio dell’operazione di finanziamento che porterà nelle casse di Gaia, il gestore idrico per i comuni delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia, 105 milioni di euro da utilizzare per lavori sulle infrastrutture acquedottistiche e fognarie.
«Abbiamo raggiunto l’obiettivo principale verso cui l’intera società ha indirizzato il proprio lavoro in questi mesi – ha dichiarato il presidente di Gaia Vincenzo Colle -. Si tratta di un risultato storico perché ci fornisce gli strumenti idonei alla realizzazione di tutti gli investimenti previsti dal Piano di ambito, ovvero circa 330 milioni di euro per i 45 comuni gestiti, nei prossimi 15 anni.
A erogare le risorse il pool di sette banche che lo scorso aprile si erano aggiudicate il bando del finanziamento, Mps Capital Service, Monte dei Paschi di Siena, Banca Imi, Intesa San Paolo, Ubi Banca, Banco Bpm e Credito Valtellinese, ma all’operazione hanno partecipato anche Banca europea per gli investimenti (Bei) e Cassa depositi e prestiti, finanziando il 60% della somma a tasso vantaggioso, contribuendo a contenere maggiormente i costi complessivi con conseguente ulteriore risparmio per la società.
Grazie a queste risorse la società può contare su solide basi per portare avanti il suo Piano industriale, che prevede significativi traguardi nel medio periodo. Il programma prevede infatti la realizzazione di opere per un valore di 112 milioni di euro fino al 2022 nei tre settori chiave dell’acquedotto, fognatura e depurazione. Grande attenzione sarà rivolta al potenziamento degli impianti di depurazione e alla posa di nuove infrastrutture fognarie nelle aree che ancora ne sono prive, per tutelare l’impatto ambientale di tutte le attività gestite e contribuire a migliorare la qualità delle acque del mare. Il 40% degli investimenti è riservato alla manutenzione della rete acquedottistica con l’obiettivo di superare le criticità esistenti e assicurare l’erogazione di acqua di qualità, attraverso un servizio costante e continuo. In questo ambito l’azienda ha programmato diverse campagne di ricerca perdite e interventi per l’ottimizzazione delle pressioni in rete e la sostituzione di tubazioni obsolete a causa dell’età media molto elevata delle condotte.


Leggi anche

“Una rete per fare impresa”. Questo il titolo dei Seminari IWS realizzati il 17 e 18 ottobre 2018 in occasione dell’ultima edizione di H2O a Bologna. L’iniziativa ha coinvolto utilities, ricercatori, ingegneri, tecnici e progettisti, registrando una grande affluenza di pubblico specializzato….

Leggi tutto…

Un maxi progetto, unico in Italia, che prevede l’installazione di 1000 apparecchi di misurazione lungo 2.700 km. di condotte. Prima, la modellazione idraulica. Poi, le videoispezioni. E adesso, il monitoraggio costante delle portate. BrianzAcque sta eseguendo un check up completo dell’intero sistema delle reti fognarie. Obiettivo? Conoscerne lo stato di salute, individuarne potenzialità e punti deboli, così da riuscire a intervenire in via preventiva e in modo sempre più mirato sull’intero sistema di sottoservizi. …

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico del Lazio meridionale utilizzerà la tecnologia no-dig per realizzare un attraversamento ferroviario e della via Appia nell’ambito dei lavori, che sta concludendo, di ammodernamento ed estensione della rete fognaria nei quartieri C8 e C9 del comune in provincia di Latina. Inoltre, provvederà anche alla sostituzione di 900 metri di condotte idriche, ormai obsolete …

Leggi tutto…

Obiettivo dei lavori è la messa in sicurezza del collettore fognario e delle relative derivazioni di utenza e di rete. Prevedono la sostituzione di 500 metri di condotte esistenti con nuove tubazioni in cemento armato vibrocompresso ad alta resistenza. L’intervento, che secondo cronoprogramma dovrebbe concludersi nel maggio del 2020, permetterà di bonificare un’area dal quadro idrogeologico molto compromesso…

Leggi tutto…

Rete Ronsas è la rete di impresa costituita dal gestore idrico pugliese con Green Ecol e Agrosistemi per sperimentare nuove tecniche per trasformare i fanghi di depurazione dei reflui urbani in fertilizzante correttivo dei suoli agrari. Finanziata da Regione Puglia con un milione di euro, la sperimentazione sarà effettuata negli impianti di depurazione di Foggia e Barletta …

Leggi tutto…