Gaia in arrivo 105 milioni di euro per i lavori sulle reti


Con la firma, siglata a Roma, degli atti finali del contratto che dispongono l’erogazione effettiva del capitale finanziato è stato concluso l’ultimo passaggio dell’operazione di finanziamento che porterà nelle casse di Gaia, il gestore idrico per i comuni delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia, 105 milioni di euro da utilizzare per lavori sulle infrastrutture acquedottistiche e fognarie.
«Abbiamo raggiunto l’obiettivo principale verso cui l’intera società ha indirizzato il proprio lavoro in questi mesi – ha dichiarato il presidente di Gaia Vincenzo Colle -. Si tratta di un risultato storico perché ci fornisce gli strumenti idonei alla realizzazione di tutti gli investimenti previsti dal Piano di ambito, ovvero circa 330 milioni di euro per i 45 comuni gestiti, nei prossimi 15 anni.
A erogare le risorse il pool di sette banche che lo scorso aprile si erano aggiudicate il bando del finanziamento, Mps Capital Service, Monte dei Paschi di Siena, Banca Imi, Intesa San Paolo, Ubi Banca, Banco Bpm e Credito Valtellinese, ma all’operazione hanno partecipato anche Banca europea per gli investimenti (Bei) e Cassa depositi e prestiti, finanziando il 60% della somma a tasso vantaggioso, contribuendo a contenere maggiormente i costi complessivi con conseguente ulteriore risparmio per la società.
Grazie a queste risorse la società può contare su solide basi per portare avanti il suo Piano industriale, che prevede significativi traguardi nel medio periodo. Il programma prevede infatti la realizzazione di opere per un valore di 112 milioni di euro fino al 2022 nei tre settori chiave dell’acquedotto, fognatura e depurazione. Grande attenzione sarà rivolta al potenziamento degli impianti di depurazione e alla posa di nuove infrastrutture fognarie nelle aree che ancora ne sono prive, per tutelare l’impatto ambientale di tutte le attività gestite e contribuire a migliorare la qualità delle acque del mare. Il 40% degli investimenti è riservato alla manutenzione della rete acquedottistica con l’obiettivo di superare le criticità esistenti e assicurare l’erogazione di acqua di qualità, attraverso un servizio costante e continuo. In questo ambito l’azienda ha programmato diverse campagne di ricerca perdite e interventi per l’ottimizzazione delle pressioni in rete e la sostituzione di tubazioni obsolete a causa dell’età media molto elevata delle condotte.


Leggi anche

Realizzato con un investimento di 3,7 milioni di euro, il nuovo impianto sostituisce il vecchio depuratore a servizio del comune di Casamassima (BA), sottodimensionato e ormai obsoleto. Equipaggiato di tecnologie avanzate, è dotato di un sistema di trincee drenanti per il rilascio delle acque trattate, che potranno essere riutilizzate in agricoltura …

Leggi tutto…

La sperimentazione di Gruppo CAP per ridurre i consumi di acqua potabile parte dalla pulizia delle strade. Primo Comune interessato è Assago: 7.720 litri di acqua potabile risparmiati in poco più di sei mesi utilizzando acqua depurata presso lo stabilimento di Assago dove le acque reflue vengono appositamente trattate e depurate. E con la nuova tariffa si promuove l’incentivazione a tutto l’hinterland milanese…

Leggi tutto…

Aperto il cantiere di via Ponte Pignolo dove verrà realizzato un nuovo collettore in vetroresina del diametro di 1,4 m. La condotta sarà installata con la tecnica trenchless all’interno di un controtubo in acciaio, attualmente in fase di posa, del diametro di 1,5 m. I lavori fanno parte del piano strategico per la messa in sicurezza idraulica della Veronetta, storico quartiere da sempre soggetto ad allagamenti …

Leggi tutto…

Un investimento da 500.000 euro per il nuovo impianto a servizio del comune in provincia di Frosinone, finora del tutto privo di sistema di trattamento dei reflui. Il depuratore ha una capacità di trattamento di 1500 abitanti equivalenti. I lavori avevano preso il via lo scorso novembre per concludersi a fine giugno…

Leggi tutto…

L’opera permetterà di convogliare i reflui provenienti dai comuni di Morrovalle, Montecosaro e parte di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, al depuratore di Civitanova, eliminando gli scarichi diretti nel fiume Chienti. L’opera ha richiesto la posa di quasi 4 chilometri di nuove condotte in PVC, in sostituzione di quelle ammalorate, e il recupero di circa 500 m di vecchie condotte per una spesa di 2 milioni di euro…

Leggi tutto…