Gaia: opere per oltre 7 milioni nel comune di Massarosa

Partiranno in primavera i lavori di Gaia per la sostituzione di circa 3,9 chilometri di condotte della rete idrica di Massarosa, in provincia di Lucca. Lavori programmati dall’azienda che gestisce il servizio idrico in 48 comuni delle province di Lucca, Pistoia e Massa, per porre definitivamente fine al problema dell’acqua torbida che giunge alle utenze. Un problema che si manifesta da tempo a cadenza regolare e legato alla vetustà di parte della rete realizzata con condotte di ferro.

L’intervento, che sarà realizzato con un investimento di circa 800.000 euro, riguarda la località di Piano di Conca e segue a quello già effettuato nel 2017, sempre per lo stesso problema, in località Piano di Mommio, con la sostituzione di circa 2/3 delle tubazioni esistenti in acciaio per un importo di circa 1,2 milioni di euro.

Non si tratta però del solo cantiere che il gestore ha in programma nello stesso territorio. Gaia infatti provvederà anche alla ristrutturazione del serbatoio di Piano di Mommio, mentre il piano di investimenti prevede la realizzazione di opere per circa 6,5 milioni che interesseranno altre frazioni del territorio massarosese. In aggiunta a queste somme, la società e l’amministrazione comunale sono al lavoro per reperire altri fondi da destinare a ulteriori interventi sempre destinati a porre fine al problema dell’acqua torbida.


Leggi anche

Il gestore del servizio idrico di 52 comuni veneti lancia un ambizioso piano per ridurre le perdite idriche sulle sue infrastrutture del 3% all’anno. Piano che prevede l’impiego delle più avanzate tecnologie, quali il sistema di ricerca satellitare di Utilis, che ha sperimentato lo scorso anno su 5000 chilometri di condotte, e investimenti per 10 milioni all’anno per la riparazione delle tubazioni…

Leggi tutto…

C’è tempo fino al prossimo 10 giugno per presentare l’offerta per il bando di gara del gestore idrico della Basilicata per l’affidamento per un periodo di 5 anni del servizio di raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti degli impianti di depurazione. Il bando riguarda 173 impianti ed è stato suddiviso in 10 lotti, ognuno dei quali accorpa depuratori geograficamente vicini …

Leggi tutto…

L’azienda che gestisce il servizio idrico in 55 comuni toscani ha approvato il bilancio 2018 che vede i ricavi saliti a 120 milioni e l’utile a oltre 13 milioni. Ancora più significativo il livello degli investimenti, pari a 63,8 euro per abitante, che la collocano a livello delle migliori realtà europee. Risorse impiegate per il rinnovo di reti e impianti, soprattutto nel comparto fognature e depurazione…

Leggi tutto…

Al lavoro nel depuratore di Lecce, impianto tra le eccellenze nazionali, il piccolo robot si occupa della rimozione dei fanghi di depurazione dalle vasche di accumulo. Dotato di cingoli, lungo circa 2 metri, è in grado di muovere una grande quantità di materiale consentendo ai mezzi per lo smaltimento dei fanghi di operare a pieno regime…

Leggi tutto…

L’opera garantirà l’approvvigionamento idrico dei comuni di Commessaggio e Sabbioneta, in provincia di Mantova, ancora privi di acquedotto. I lavori prevedono la posa di oltre 8 chilometri di condotte in ghisa sferoidale e costituiscono il prolungamento dell’adduttrice di Campitello di Marcaria, collegando lo schema acquedottistico di Mantova con l’area del Viadanese …

Leggi tutto…