Gas for Climate chiede all’UE di introdurre un target vincolante sui gas rinnovabili

Imporre una percentuale di gas rinnovabili sul totale della domanda europea di gas. È quanto chiede alla Commissione Europea Gas for Climate, il consorzio europeo nato nel 2017 e del quale fanno parte 13 aziende e associazioni attive nelle infrastrutture del gas naturale e nel gas rinnovabile di 9 Paesi.

     

 

La proposta è contenuta nel nuovo policy paper pubblicato dal consorzio e darebbe un fondamentale contributo al raggiungimento degli obiettivi climatici dell’Unione Europea. Tali obiettivi prevedono la riduzione delle emissioni di gas serra del 55% entro il 2030. Per questo, per il consorzio, sarebbe da introdurre nella Direttiva sulle energie rinnovabili dell’UE.

Secondo Gas for Climate, più esattamente, il target vincolante da introdurre sarebbe una percentuale di gas rinnovabili dell’11%, ovviamente da tradurre poi in obiettivi differenziati nei vari Paesi. Ciò risulta indispensabile per favorire un’accelerazione della crescita del mercato dei gas rinnovabili all’interno dell’Unione.

La quota prevista dell’11% dovrebbe poi essere sostenuta da due sotto-obiettivi vincolanti e relativi all’idrogeno verde e al biometano. Almeno l’8% del gas utilizzato nella Unione al 2030 deve essere biometano e una percentuale di almeno il 3% deve essere rappresentata dall’idrogeno verde. I sotto-obiettivi si basano da una parte sul fatto che il biometano è già disponibile e scalabile a livello commerciale in maniera sostenibile. Dall’altra, l’idrogeno verde può cominciare a crescere nei prossimi anni.

Il policy paper sui gas rinnovabili è il primo di una serie di documenti che il consorzio pubblicherà nel corso di quest’anno. Segue la pubblicazione del report Gas Decarbonisation Pathways 2020-2050, dello scorso anno, e rappresenta una delle nuove iniziative intraprese da Gas for Climate, tra le quali l’incubazione della Biomethane Alliance e l’aggiornamento dell’analisi sulla domanda di idrogeno.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

Con l’acquisizione della partecipazione di maggioranza di FAST Spa, il Gruppo Pietro Fiorentini integra un’azienda attiva nei sistemi di automazione e controllo di processo per l’industria e per i servizi di produzione, gestione e distribuzione delle utilities, compiendo un passo decisivo nel consolidamento della leadership nei settori dello Smart Metering e delle Smart Grids….

Leggi tutto…

Con l’Università di Bologna e Rezatec, Hera sta testando un algoritmo che individua i punti della rete a maggior rischio di rottura, per pianificare le sostituzioni mirate delle condotte. Dopo una prima sperimentazione nei comuni di Santarcangelo di Romagna, Riccione e Cattolica, quest’anno il progetto si estende anche nel territorio di Forlì-Cesena, coinvolgendo in totale 2.800 km di rete…

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

I lavori prevedono una serie di implementazione tecniche, di interventi sulla linea acque e sulla linea fanghi e la costruzione di nuove sezioni di processo, per portare la capacità di trattamento dagli attuali 4.000 a 7.000 abitanti equivalenti. Gli interventi, per un investimento di 2,5 milioni di euro, prenderanno il via in primavera per concludersi per la fine dell’anno o l’inizio del 2022…

Leggi tutto…

Nasce il RAB, organo autonomo e indipendente che garantirà la condivisione delle informazioni, il dialogo e il confronto sulle attività della Biopiattaforma, la struttura carbon neutral dedicata all’economia circolare che riunirà il termovalorizzatore e il depuratore di Sesto San Giovanni….

Leggi tutto…