Geal estende la rete fognaria di Lucca

Prenderanno il via entro la fine dell’anno i lavori per l’estensione della rete fognaria nell’Oltreserchio e in altre zone della città di Lucca ancora sprovviste di un sistema di raccolta dei reflui. Un progetto atteso da decenni, quando sembrava dovesse concretizzarsi la realizzazione di un impianto di depurazione capace di servire tutta questa ampia zona del territorio comunale, ma che poi venne accantonato, così come la costruzione della rete fognaria. Progetto che ora si trasforma in realtà, grazie all’impegno del gestore idrico, Geal, e al Comune di Lucca. Le due realtà, infatti, finanzieranno insieme l’opera, che ha un costo totale di circa 6 milioni di euro: 2,8 milioni di euro sono infatti stati messi a disposizione da parte del Comune, mentre la quota restante sarà a carico di Geal.  

Un investimento rilevante per un’opera che non è da meno. Il progetto messo a punto dalla società prevede la posa di oltre 5 chilometri di condotte, che garantiranno l’allaccio alla rete fognaria di più di 1000 utenti.

I lavori saranno divisi in due fasi. Si comincerà appena ultimate le procedure per l’affidamento dell’appalto, che dovrebbero concludersi entro fine mese, con la realizzazione del collegamento tra le frazioni di Nozzano e Pontetetto, con la parte di opere che interessano l’area tra la destra del fiume Serchio e la frazione di Pontetetto. Le opere saranno terminate per l’inizio del 2021. Per il via ai primi interventi sulle zone alla sinistra del fiume, invece, si dovrà attendere la seconda metà del 2020. Anche per questi il temine dei lavori è fissato per l’anno successivo.


Leggi anche

Investimenti in crescita del 10% nel nuovo piano industriale. Iren destinerà i due terzi ai servizi regolati, in particolare l’idrico, per potenziare, ammodernare e digitalizzare le infrastrutture. La parte restante pari a 1,3 miliardi di euro sarà riservata alla crescita dimensionale del Gruppo: nel settore ambientale, con lo sviluppo di impianti di selezione e trattamento; nel teleriscaldamento, con l’estensione delle reti; nel gas …

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Brescia ha presentato il progetto messo a punto per potenziare le infrastrutture della capitale della Franciacorta: 7 milioni di investimenti e due anni di lavoro per estendere la rete fognaria in tutte le frazioni, dove vive circa un terzo dei residenti, e rinnovare l’acquedotto nel centro storico…

Leggi tutto…

I bandi riguardano il potenziamento delle reti idriche e fognarie e degli impianti di depurazione; prevedono, inoltre, investimenti in innovazione. Tra gli interventi più significativi il progetto Smart Meter, con i primi 240.000 misuratori da installare nelle province di Taranto e Brindisi, per un importo a base d’asta di 21,2 milioni di euro, e i lavori di manutenzione straordinaria all’impianto di sollevamento fogna di Torre del Diavolo, alla periferia Sud di Bari …

Leggi tutto…

Prenderà il via a breve per concludersi entro la fine dell’inverno l’intervento che prevede la realizzazione di due nuove tratte fognarie dell’estensione rispettivamente di 156 e 446 metri. Consentirà di collegare al servizio di fognatura 46 utenze i cui reflui, trattati in vasche Imhoff o vasche settiche, finiscono al momento nel sottosuolo e nella rete idraulica superficiale…

Leggi tutto…

L’Ente ha autorizzato il progetto di Acquedotto pugliese per potenziare la rete sul lungomare di Ponente della città, che la stessa Autorità finanzierà con circa 3 milioni di euro. I lavori prenderanno il via nel 2020 e prevedono la posa di 5 km di nuove condotte che permetteranno di risolvere il problema degli allagamenti e degli scarichi a mare che interessano l’area quando piove …

Leggi tutto…