Geal estende la rete fognaria di Lucca

Prenderanno il via entro la fine dell’anno i lavori per l’estensione della rete fognaria nell’Oltreserchio e in altre zone della città di Lucca ancora sprovviste di un sistema di raccolta dei reflui. Un progetto atteso da decenni, quando sembrava dovesse concretizzarsi la realizzazione di un impianto di depurazione capace di servire tutta questa ampia zona del territorio comunale, ma che poi venne accantonato, così come la costruzione della rete fognaria. Progetto che ora si trasforma in realtà, grazie all’impegno del gestore idrico, Geal, e al Comune di Lucca. Le due realtà, infatti, finanzieranno insieme l’opera, che ha un costo totale di circa 6 milioni di euro: 2,8 milioni di euro sono infatti stati messi a disposizione da parte del Comune, mentre la quota restante sarà a carico di Geal.  

Un investimento rilevante per un’opera che non è da meno. Il progetto messo a punto dalla società prevede la posa di oltre 5 chilometri di condotte, che garantiranno l’allaccio alla rete fognaria di più di 1000 utenti.

I lavori saranno divisi in due fasi. Si comincerà appena ultimate le procedure per l’affidamento dell’appalto, che dovrebbero concludersi entro fine mese, con la realizzazione del collegamento tra le frazioni di Nozzano e Pontetetto, con la parte di opere che interessano l’area tra la destra del fiume Serchio e la frazione di Pontetetto. Le opere saranno terminate per l’inizio del 2021. Per il via ai primi interventi sulle zone alla sinistra del fiume, invece, si dovrà attendere la seconda metà del 2020. Anche per questi il temine dei lavori è fissato per l’anno successivo.


Leggi anche

Infrastrutture, sostenibilità e innovazione al centro del documento, presentato a Grosseto nella sede del gestore idrico dell’Ato 6 Toscana. Insieme al potenziamento di reti e impianti previsto un forte impegno nella digitalizzazione dei servizi, alla quale è destinato l’11% del budget, con l’installazione di 130.000 smart meter, nella riduzione dei fanghi di depurazione e nello sviluppo di progetti di economia circolare…

Leggi tutto…

Ammonta a 6 milioni di euro l’investimento previsto per potenziare la rete di raccolta dei reflui a servizio della località balneare toscana. Un progetto che consentirà di evitare i potenziali rischi di sversamento delle acque nere nella Gora, il piccolo fiume che attraversa la cittadina il cui mare si fregia della Bandiera Blu. A marzo la pubblicazione del bando…

Leggi tutto…

L’azienda che gestisce il servizio idrico nella città di Messina ha presentato al ministero dell’Ambiente il piano di opere, con la richiesta di finanziamento. Questo prevede interventi per oltre 50 milioni per le reti di approvvigionamento e distribuzione dell’acqua potabile e il resto per fognature e depurazione. Tra questi ultimi la realizzazione dell’impianto Tono, da 40 milioni di euro…

Leggi tutto…

Gli interventi del valore complessivo di 3,2 milioni di euro interesseranno i comuni di Martignano e Nardò, in provincia di Lecce. A Martignano saranno posati 7,5 chilometri di nuovi tronchi fognari e sarà prolungata una condotta di distribuzione dell’acqua. A Nardò saranno completate le reti idriche e fognarie a servizio della frazione di Pagani, con la realizzazione di, rispettivamente, 3,5 e 3 chilometri di tubazioni …

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…