GORI: 18 milioni dal PNRR per i progetti nella depurazione

La riduzione dell’impatto ambientale legato al trattamento dei reflui nel territorio Sarnese-Vesuviano è un obiettivo prioritario cui GORI, Regione Campania ed Ente Idrico Campano lavorano da tempo. Un obiettivo che ora appare meno lontano, grazie al PNRR dei cui finanziamenti beneficeranno due dei progetti più rilevanti messi a punto dal gestore idrico.

Si tratta di:

  1. potenziamento del depuratore di Nocera Superiore
  2. realizzazione di un polo integrato di valorizzazione energetica e riduzione dei fanghi urbani presso il depuratore di Scafati.

Progetti che puntano a potenziare i sistemi di gestione dei reflui. Come? Attraverso la creazione di strutture più innovative ed efficienti. Il tutto comprendendo anche il trattamento dei fanghi, in ottica di economia circolare. Entrambi hanno ottenuto il massimo punteggio tecnico nell’ambito dell’Avviso PNRR relativo all’Investimento 1.1 Linea C – Realizzazione di nuovi impianti e ammodernamento di impianti esistenti

 

Il potenziamento dell’impianto di Nocera superiore

Il primo progetto, condiviso e definito con l’Ente Idrico Campano, è stato ammesso a un finanziamento di quasi 10 milioni di euro. Punta alla produzione di biometano attraverso il trattamento dei fanghi urbani generati da circa 300.000 abitanti equivalenti. Inoltre, prevede:

  • il potenziamento e la rifunzionalizzazione di alcuni comparti strategici dell’impianto di depurazione
  • l’implementazione di sistemi fotovoltaici per la riduzione dei consumi energetici.

 

Efficientare la gestione dei fanghi

8 milioni di euro sono stati poi concessi al progetto sviluppato dal gestore idrico di 76 comuni tra le province di Napoli e Salerno per il depuratore di Scafati. Gli interventi in questo caso prevedono innanzitutto il complessivo efficientamento della linea fanghi dell’impianto. A questo si somma lo sviluppo di una piattaforma centralizzata che tratterà i fanghi in uscita dal depuratore e da altri impianti della Penisola Sorrentina, generati dai reflui di oltre 500.000 abitanti equivalenti. Il trattamento dei fanghi permetterà di ridurne i volumi da smaltire in discarica e la produzione di biogas. Per chiudere il cerchio verrà implementato anche in questo caso un impianto fotovoltaico.

 

Rimettere a posto l’intero sistema idrico

«L’ammissione dei progetti di GORI a questi due finanziamenti rappresenta un nuovo, significativo risultato, conseguito anche grazie alla sinergia con Regione Campania ed Ente Idrico Campano – ha commentato l’amministratore delegato di GORI, Vittorio Cuciniello -. Questi interventi si aggiungono a quanto stiamo già realizzando attraverso i programmi Energie per il Sarno e Azioni per l’Acqua, volti al potenziamento degli schemi fognari e depurativi e al risanamento delle reti idriche, e sono frutto di un’intensa attività di studio e ricerca».

I nuovi finanziamenti si sommano a quelli già ottenuti da GORI lo scorso anno. Il gestore si era infatti aggiudicata 100 milioni di euro dai fondi React-Eu e PNRR per la realizzazione di un vasto piano di interventi finalizzati alla riduzione delle perdite di rete.

 

 


Leggi anche

Ireti Gas, società del Gruppo Iren, ha ricevuto da ARERA un finanziamento da 1,9 milioni di euro, come riconoscimento per lo sviluppo di un impianto di “Reverse-Flow” e per un sistema sperimentale di decarbonizzazione delle reti di distribuzione del gas. I contributi verranno reinvestiti in progetti per la gestione e il rinnovamento delle infrastrutture del gas, in un’ottica di transizione energetica….

Leggi tutto…

Il campione della distribuzione gas e la principale organizzazione degli imprenditori agricoli hanno siglato un’intesa finalizzata a sostenere la produzione del gas rinnovabile e la sua immissione in rete. Un accordo che si inserisce nel percorso europeo di transizione energetica e nel nuovo scenario internazionale, apertosi a seguito dello scoppio della guerra in Ucraina, che hanno dato ulteriore centralità al biometano….

Leggi tutto…

Realizzato a Spilamberto, nel modenese, da Biorg, l’impianto trasforma in metano green i rifiuti organici provenienti dalla raccolta differenziata e gli scarti dell’industria agroalimentare. Costruito con un investimento di 28 milioni, l’impianto produce 3,7 milioni di metri cubi di biometano all’anno, che viene immesso nella rete gas….

Leggi tutto…

L’impianto, dove vengono trattati i rifiuti organici dell’Alto Adige, attualmente produce biogas utilizzato per la produzione di energia termica ed elettrica. Quest’ultima però sfruttata solo in piccola parte, in quanto il sito è troppo distante da agglomerati urbani e reti di teleriscaldamento. Da qui la decisione della Provincia di Bolzano di ottimizzare l’impianto producendo biometano da immettere nell’infrastruttura gas….

Leggi tutto…

Quasi 10 milioni di euro di finanziamento UE, 23 partner e 5 Paesi coinvolti, compresa l’Ucraina, per l’ambizioso progetto che mira ad aumentare la produzione di biometano sfruttando le potenzialità dell’idrogeno e a stoccare l’energia prodotta dalle fonti rinnovabili….

Leggi tutto…