GORI estende la rete fognaria di Nocera Inferiore

Continuano le azioni per il risanamento del bacino idrografico del fiume Sarno. Hanno appena preso il via i lavori di un’altra importante tappa del grande progetto Energie per il Sarno, finalizzato alla bonifica del fiume campano, tristemente noto per i suoi elevati livelli di inquinamento. Progetto frutto della sinergia tra Regione Campania, Ente Idrico Campano (EIC) e GORI, il gestore idrico di 76 comuni tra le province di Napoli e Salerno.

 

L’estensione della rete

I lavori appena partiti interessano la cittadina di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno. Prevedono:

  1. l’eliminazione di una serie di scarichi inquinanti nei canali di bonifica
  2. la costruzione della rete fognaria in una zona che ne è completamente sprovvista.

Nello specifico, le opere consentiranno la realizzazione di una nuova rete fognaria della lunghezza di 3,6 km. Questo permetterà di estendere il servizio di raccolta e depurazione dei reflui a 2600 abitanti che prima non potevano beneficiare di tale servizio. Un tassello importante che si aggiunge al grande obiettivo della bonifica del fiume da concludere entro il 2025.

I costi dei lavori sono pari a 2,5 milioni di euro e sono finanziati nell’ambito del Piano Operativo Ambiente Fsc 2014-2020 del quale EIC è soggetto beneficiario.

 

Un grande progetto di risanamento ambientale

L’intervento si inserisce tra le opere di risanamento ambientale e igienico- sanitario del bacino idraulico sotteso al versante occidentale del Monte Citola. Queste, insieme a quelle in corso nel territorio Agro Nocerino-Sarnese, perseguono l’ambizioso obiettivo del potenziamento del servizio e del superamento dell’emergenza ambientale che affligge il fiume Sarno e i suoi affluenti.

Un progetto, del quale GORI è soggetto esecutore, che complessivamente prevede:

  • ammodernamento degli impianti di depurazione
  • estensione delle reti fognarie
  • realizzazione dei collettamenti tra queste e gli impianti di trattamento dei reflui.

Un’opera tra le più imponenti in Europa, del valore totale di 247 milioni di euro, che sta già portando a un netto miglioramento delle acque nel Golfo di Castellammare.

 

Una sfida da vincere

«A Nocera Superiore è stato lanciato un altro segnale importante nella direzione della concreta risoluzione delle principali criticità ambientali della Campania – ha commentato Luca Mascolo, presidente dell’EIC -. In questo territorio la sinergia con la Regione Campania e il gestore del servizio idrico Gori sta producendo risultati concreti. Risultati sia per il risanamento delle reti idriche e fognarie sia nella battaglia per la bonifica integrale del bacino idrografico del Sarno che vogliamo vincere entro il 2025».

 


Leggi anche

Sono due i progetti presentati dal gestore idrico di 76 comuni tra le province di Napoli e Salerno al bando del Piano e ammessi ai finanziamenti. Il primo riguarda il potenziamento dell’impianto di Nocera Superiore, che riceverà 10 milioni di euro. Il secondo, finanziato con 8 milioni, riguarda invece la realizzazione di un polo integrato di valorizzazione energetica e riduzione dei fanghi presso il depuratore di Scafati…

Leggi tutto…

Nonostante gli aumenti di materie prime e di energia, il gestore idrico del lato veronese del Garda conferma il programma di interventi previsto nel Piano degli Interventi che si concluderà proprio nel 2023. 28 milioni sono destinati al potenziamento dei sistemi fognari, circa 5 alla depurazione e oltre 7,6 a rendere più efficienti le reti idriche. Tra le grandi opere che l’azienda sta realizzando il Collettore del Garda, fondamentale per la salvaguardia del Lago …

Leggi tutto…

Si sviluppa per ben 11 chilometri la nuova infrastruttura fognaria realizzata dal gestore idrico della provincia di Lecco, che consentirà di convogliare i reflui di Oliveto e Civenna nell’impianto di Valmadrea. Un intervento sfidante sotto il profilo economico, la sua costruzione ha richiesto un investimento di 9 milioni di euro, e tecnico, con la maggior parte delle tubazioni posate sul fondale del lago di Como…

Leggi tutto…

Portati avanti con un investimento complessivo di 4,1 milioni di euro, i lavori hanno come obiettivo di risolvere l’infrazione comunitaria che grava sulla frazione del comune di San Casciano in Val di Pesa. Concluse le opere di potenziamento del depuratore, la cui capacità di trattamento è stata portata da 1300 a 1950 ae, mentre entro fine anno saranno completate quelle sulla rete fognaria finalizzate a eliminare gli scarichi in ambiente e a estendere il servizio di raccolta dei reflui…

Leggi tutto…

25 km di nuove condotte, il potenziamento degli impianti di depurazione, un investimento di 16 milioni di euro, più altri 35 milioni, in 5 anni, sempre per la depurazione. Sono i numeri del grande progetto del gestore idrico per completare la rete di raccolta e collettamento dei reflui e il loro trattamento nella città della Torre. Una grande opera che permetterà di eliminare gli scarichi in ambiente e di garantire un servizio di alta qualità su tutto il territorio cittadino …

Leggi tutto…