GORI presenta Idrability, il suo primo bilancio di sostenibilità

I risultati di GORI in campo ambientale
  • 5,8 milioni di metri cubi d’acqua recuperati attraverso gli interventi alla rete idrica
  • 11 milioni di bottiglie di plastica in meno grazie alle Case dell’Acqua e al progetto PlasticFree
  • quasi 8 milioni di chilowattora risparmiati con i lavori di efficientamento degli impianti.

Sono alcuni dei risultati ottenuti da Gori in campo ambientale, messi nero su bianco nel primo bilancio di sostenibilità dell’azienda, che gestisce il servizio idrico in 74 comuni della Campania, quelli del distretto Sarnese Vesuviano, intitolato Idrability.

Bilancio che fa il punto sulle azioni di sostenibilità messe in campo dall’azienda nel 2019 e improntate a una strategia di “sostenibilità integrata” la Gori 5D. La strategia è infatti articolata su cinque dimensioni: acqua, comunità, ambiente, persone e innovazione.

La digitalizzazione delle reti

Centrale in questa strategia è la digitalizzazione delle infrastrutture aspetto sul quale Gori sta investendo molto negli ultimi anni. Sono quasi 5.000, per l’esattezza 4.967, i chilometri di rete digitalizzati alla fine dello scorso anno, dei quali 811 chilometri di rete di adduzione e 4.156 chilometri di rete di distribuzione, così come sono stati digitalizzati tutti gli impianti e i loro schemi funzionali.

Azioni per tutelare la risorse idrica

Per quanto riguarda, invece, la tutela della risorsa idrica, diverse le azioni portate avanti. 

  1. intenso piano di sostituzione di condotte, individuate tra quelle colpite da elevati tassi di guastabilità
  2. creazione di distretti idrici per l’installazione di idrovalvole automatiche per il controllo di portate e pressioni, anche con doppia regolazione giorno/notte
  3. istituzione di una unità denominata Gestione Contatori, dedicata al rinnovo del parco contatori
  4. sostituzione massiva di misuratori di utenza vetusti oppure guasti, per migliorare la contabilizzazione dell’acqua distribuita e, quindi, il bilancio idrico.
Le parole del Presidente di GORI

Riportiamo la nota del presidente della società, Michele Di Natale.

«GORI, attraverso il suo primo bilancio di sostenibilità, Idrability, intende offrire un contributo culturale alla causa ambientale, inserendo il proprio tassello nel più ampio mosaico delle società che pubblicano annualmente questo documento. Un’iniziativa che si rifà ai principi della responsabilità sociale d’impresa, intesa come azione volontaria di responsabilità delle imprese per l’impatto sulla società derivante dalle loro operazioni commerciali e dai loro rapporti con le parti interessate».


Leggi anche

Sarà completato nel 2022 l’impianto di biodigestione che consentirà ad Alia Servizi Ambientali, che gestisce i servizi di igiene ambientale nell’ATO Toscana Centro, di produrre biometano dalla frazione organica dei rifiuti. L’impianto, che sarà il più grande d’Italia con questa tecnologia, sarà realizzato con un investimento di 30 milioni e permetterà di ottenere 11 milioni di metri cubi di gas green all’anno, attraverso il trattamento di 160.000 tonnellate di rifiuti organici….

Leggi tutto…

Sono 7 i focus sulle best practice della water utility lombarda, protagoniste dell’evento annuale dedicato all’innovazione industriale e all’economia circolare che quest’anno diventa full digital. Tra i temi affrontati durante l’evento: digitalizzazione, simbiosi industriale, riutilizzo delle acque depurate. Doppio appuntamento sulla Biopiattaforma di Sesto San Giovanni, il primo polo green e carbon neutral in Italia per il riutilizzo dei fanghi di depurazione e della FORSU in biometano, energia pulita ed eco-fertilizzanti. …

Leggi tutto…

Le relazioni che ascolteremo al Servizi a Rete TOUR apriranno un focus sulla situazione territoriale del nord-est, ad oggi definita una fucina di attività e progetti. Come i gestori del servizio affronteranno i cambiamenti? Ma soprattutto come verranno sostenuti dalle istituzioni? Tutti coloro che rappresentano le istituzioni ci esporranno le indicazioni e le linee guida da seguire. Di questi tempi non è importante sentire quel che si DOVREBBE fare, ma crediamo sia fondamentale sapere quello che c’è e quel che SI PUÒ FARE… perché il domani è già iniziato!…

Leggi tutto…

Crescere a livello nazionale e diventare tra i maggiori operatori nel comparto ambientale gli obiettivi del nuovo piano industriale di Iren. Il documento incrementa del 12% gli investimenti, rispetto all’ultimo piano, con circa 600 milioni di euro all’anno fino al 2025. Suo perno centrale sarà la multicircle economy, una visione industriale a lungo termine focalizzata sull’uso consapevole ed efficiente delle risorse che enfatizza la natura multi-business del Gruppo.

Leggi tutto…

La depurazione di acque reflue rappresenta un’attività di enorme importanza in chiave di sostenibilità ambientale ma per operare richiede risorse, energetiche e non (acqua e reagenti chimici) e produce importanti quantitativi di rifiuti (fanghi di depurazione)….

Leggi tutto…