Grandi attrezzi per grandi raccordi

 
 
Il peso è senz’altro il primo aspetto che condiziona il modo di gestire un raccordo piuttosto che un altro, ma ad esso si aggiungono altri due aspetti: la qualità del giunto saldato e la sicurezza sul lavoro.

In questa sede approfondiremo solo il primo punto: la qualità del giunto saldato, considerato che la questione relativa alla sicurezza sul lavoro necessita di un maggiore approfondimento.

 

Il processo di saldatura di raccordi di grande diametro, per esempio dal diametro 630 mm in poi, è uguale a quello necessario alla saldatura di raccordi di piccole dimensioni? Ovviamente no!  L’esperienza sul campo dimostra che l’utilizzo dei giusti attrezzi è di fondamentale importanza per ottenere una giunzione affidabile nel tempo.

Plastitalia ha sviluppato una serie di attrezzi per tubazioni di grande diametro, che aiutano le imprese e gli installatori nel lavoro quotidiano fornendo loro i mezzi per il raggiungimento di due obbiettivi: una giunzione affidabile e il risparmio di tempi di lavoro.

Tra le azioni fondamentali da compiere durante l’installazione di raccordi di grande diametro (e non solo) vi è l’eliminazione dello strato esterno ossidato dai tubi in PE prima di inserirli nel bicchiere del raccordo ove è presente l’area di fusione. Molti attrezzi sono disponibili sul mercato per raccordi di “piccole” dimensioni ma solo pochi prodotti sono stati progettati per operare su tubi di grande diametro. Plastitalia ha progettato e sviluppato il raschiatore per un lavoro veloce e affidabile in cantiere. Esso può essere utilizzato su tubi di differente SDR con diametri compresi tra 900 e 1.200 mm. Un sistema di auto-centraggio assicura che la lama agisca sull’intera superficie esterna del tubo con la medesima forza dovuta al precarico e dando garanzia che la giusta quantità di materiale degradato sia asportata (circa 0.2 mm) in maniera uniforme. L’utilizzo è molto semplice e una robusta madrevite e barra filettata sono in grado di garantire una lunga vita di servizio all’attrezzo rendendo soddisfatto, al contempo, l’utilizzatore.

 

Certamente i tubi di grande diametro sono anche pesanti e l’uso di specifici rulli progettati per alzare, spostare di lato o abbassare i tubi possono rendere semplice la vita degli addetti negli scavi.

Questa è la ragione per cui il reparto di Ricerca e Sviluppo di Plastitalia ha speso tempo e risorse nel progettare questo tipo di rulliere/allineatori in cui i pistoni idraulici, comandati manualmente, possono essere usati per regolare la posizione dei tubi che vi sono appoggiati sopra.

Sono disponibili per tubi di diametro da 400 a 1.200 mm e per ogni classe di SDR.

Duttilità e flessibilità sono due caratteristiche fondamentali nel mondo delle tubazioni in PE. Per questi grandi vantaggi, a volte, c’è un prezzo da pagare. Il più comune, a causa della flessibilità, è l’ovalizzazione del tubo.

Un tubo che mostra questo tipo di difetto (che per una certa quantità è previsto nella norma di prodotto) potrebbe non essere facilmente utilizzato con i raccordi elettrosaldabili ma, in ogni caso, le dimensioni dei tubi sono progettate per resistere alle forze interne dovute all’applicazione della pressione quando sono perfettamente circolari.

Allo scopo di aiutare gli operatori in cantiere a far scivolare facilmente i tubi nel bicchiere dei raccordi elettrosaldabili, Plastitalia ha preparato uno speciale riarrotondatore fatto in acciaio zincato.

La struttura è veramente robusta e rende questo attrezzo utilizzabile su tubi aventi SDR 11 e superiore e con un diametro esterno da 800 a 1.200 mm. Sono necessari solo una normale chiave inglese e la forza umana per riportare alla loro forma originale tubi che non si presentano più circolari.


Leggi anche

Il gestore della rete gas nazionale ha ottenuto un finanziamento di 25 milioni di euro dalla Banca europea per gli investimenti per alcuni progetti nel campo della mobilità sostenibile a gas e biometano. Le risorse serviranno a realizzare 101 stazioni di rifornimento di gas naturale compresso e 9 di gas liquefatto e compresso in tutta Italia…

Leggi tutto…

L’AD Paolo Gallo ha presentato il nuovo Piano 2019-2025. Quattro i pilastri fondanti: sviluppo e ammodernamento della rete; digitalizzazione; sviluppo della rete di distribuzione gas in Sardegna; estensione della rete e del numero di utenze con l’acquisizione di altre realtà, in attesa che partano le gare per le concessioni …

Leggi tutto…

Entra nella fase operativa il Cluster tecnologico nazionale “Energia”, che riunisce 72 realtà, tra imprese università, centri di ricerca ed enti territoriali, con l’obiettivo di sviluppare nuove soluzioni per il sistema energetico nazionale. Smart grid e sistemi di accumulo da una parte e produzione di elettricità ed energia termica con il solare a concentrazione dall’altra, i primi due progetti-pilota avviati…

Leggi tutto…

Di fronte alla sfida imposta dai cambiamenti climatici e dalla trasformazione sempre più veloce delle città, la tecnologia e la digitalizzazione svolgeranno un ruolo centrale. Negli interventi istituzionali gli specialisti di enti e utilities mostreranno come le nuove tecnologie siano indispensabili per garantire la continuità dei servizi erogati, riprogettarli e migliorarne la gestione e la qualità in funzione delle nuove esigenze e in un’ottica di sostenibilità ambientale, anche grazie a una più efficiente e capillare raccolta dati….

Leggi tutto…

Di fronte alla sfida imposta dai cambiamenti climatici e dalla trasformazione sempre più veloce delle città, la tecnologia e la digitalizzazione svolgeranno un ruolo centrale. Negli interventi istituzionali gli specialisti di enti e utilities mostreranno come le nuove tecnologie siano indispensabili per garantire la continuità dei servizi erogati, riprogettarli e migliorarne la gestione e la qualità in funzione delle nuove esigenze e in un’ottica di sostenibilità ambientale, anche grazie a una più efficiente e capillare raccolta dati….

Leggi tutto…