Green bond da 500 milioni per Hera

Nuova operazione di finanza sostenibile per Hera. La multiutility, tra le prime aziende italiane a emettere nel 2014 una obbligazione “verde”, ha lanciato con successo il suo terzo green bond

La nuova obbligazione green ammonta a complessivi 500 milioni di euro, rimborsabili in 7 anni con una cedola dello 2,5% e un rendimento pari a 2,639%. L’operazione ha riscontrato grande interesse, con una rilevante partecipazione di investitori internazionali in buona parte green e sustainable, in particolare da:

  • Gran Bretagna
  • Francia 
  • Germania.

A testimoniarlo la rilevante domanda, pari a 3,4 volte l’offerta, e la qualità degli ordini ricevuti, che hanno quindi permesso di fissare il prezzo a livelli molto interessanti. 

 

A sostegno di progetti green

I fondi raccolti saranno usati da Gruppo Hera per finanziare o rifinanziare numerosi progetti, già effettuati o previsti nel Piano industriale al 2025. Si tratta di progetti selezionati sulla base di quanto previsto dal Green Financing Framework (GFF), le linee guida messe a punto dal gruppo stesso per l’emissione di nuovi green bond e finanziamenti bancari green, certificate in linea con la Tassonomia Europea. Progetti che dunque mirano al raggiungimento di uno o più degli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, o gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs), articolati in 3 ambiti.

 

I tre ambiti
  • 1° ambito: riguarda il ciclo idrico (allineato agli SDGs 6, 13 e 14) e comprende progetti di gestione e trattamento delle acque reflue, infrastrutture fognarie e idriche per la resilienza e l’adattamento ai cambiamenti climatici.
  • 2° ambito: riguarda l’economia circolare, la prevenzione e il controllo dell’inquinamento (che risponde agli SDGs 11, 12 e 13). In questo caso le risorse vanno a sostenere progetti innovativi del Gruppo nella fabbricazione di materie plastiche, nella produzione di biogas e biocarburanti per l’impiego nei trasporti, i sistemi di raccolta dei rifiuti, la digestione anaerobica e il compostaggio dei rifiuti organici, le flotte dei mezzi per i servizi ambientali.
  • 3° ambito: tocca l’efficienza energetica e infrastrutture (SDGs 7, 11 e 13). Si tratta dunque di progetti che vanno dalla produzione di energia elettrica tramite fotovoltaico e geotermia alle reti di teleriscaldamento. Ma non solo perché rientrano in questo ambito diverse attività che Hera sta portando avanti, dall’installazione di dispositivi e apparecchiature per la regolazione e il controllo delle prestazioni energetiche alle tecnologie per le energie rinnovabili, dalle reti per l’introduzione dell’idrogeno alle reti di trasmissione e distribuzione di energia elettrica.

 

Trasparenza sui fondi

Inoltre, per garantire la massima trasparenza nella destinazione dei fondi, il Gruppo ha attivato un processo di monitoraggio e rendicontazione. Tale processo prevedrà anche:

  1. la pubblicazione sul Bilancio di Sostenibilità 2022 del Gruppo di quanto effettivamente assorbito da ogni intervento
  2. l’evidenza delle performance ambientali raggiunte.

 


Leggi anche

Realizzato da Snam4Environment, l’impianto è il primo di questo tipo in Sicilia e a pieno regime consentirà di recuperare circa 36.000 tonnellate/anno di FORSU, producendo 3,6 milioni di metri cubi di biometano e 10.000 tonnellate di digestato da usare come concime. Permetterà così di migliorare la gestione dei rifiuti nella provincia e di evitare l’immissione in atmosfera di 7.000 tonnellate di CO₂…

Leggi tutto…

Nel gennaio 2022, AMNU SpA, Azienda nota nel mondo dei Rifiuti in quanto premiata diverse volte negli ultimi 10 anni da Lega Ambiente come 1° Classificata in termini di % differenziata > 80% nella sua Categoria < = 100.000 ab, ha ufficializzato la sua fusione in STET SpA (Ente che gestisce l’Idrico) facendo nascere una unica società denominata AmAmbiente SpA. ...

Leggi tutto…

La società, partecipata dal Comune di Palermo, che gestisce la distribuzione gas, i servizi energetici e l’illuminazione pubblica in città, ha chiuso il 2021 con un utile di 827.000 euro, il miglior risultato degli ultimi 5 anni. Adesso punta a rinnovare i contratti con l’amministrazione comunale, puntando su efficienza e transizione energetica, mentre in ambito gas lavora a un progetto sull’idrogeno…

Leggi tutto…

Il Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, ha firmato il decreto che mette a disposizione 450 milioni di euro per lo sviluppo della filiera italiana dell’idrogeno green. Le risorse puntano a sostenere la produzione di elettrolizzatori e componenti per la generazione del combustibile green, per una potenza complessiva annua di almeno 1 gigawatt, capace di soddisfare la domanda nazionale…

Leggi tutto…

Sensibilizzare sull’importanza di una buona raccolta differenziata e informare sulle potenzialità del biometano: questi gli obiettivi che ZeroC si propone per rendere i cittadini i veri protagonisti della transizione ecologica….

Leggi tutto…