Gruppo CAP innova il proprio codice appalti per promuovere la sostenibilità e sostenere le imprese del territorio

Il 2022 si era aperto con una ventata di ottimismo per quanto riguarda la gestione e gli effetti della pandemia, ma con una prospettiva difficile per le imprese, a causa dell’inflazione, dell’aumento dei costi dell’energia e delle materie prime e della difficile congiuntura internazionale. Una situazione che diversi media hanno definito emergenziale, per la quale le istituzioni hanno cominciato a muoversi nei mesi seguenti.

Da sempre Gruppo CAP considera le aziende appaltatrici dei partner essenziali per la gestione efficiente del servizio idrico. Già nel 2020, di fronte alla crisi pandemica, CAP adottò una serie di iniziative all’insegna della semplificazione:

  • accelerando le procedure di gara
  • eliminando inoltre l’obbligo di sopralluoghi
  • riducendo l’obbligo di prestare garanzie fidejussorie e cauzioni.

Questo pacchetto di misure straordinarie, adottato in accordo con Assimpredil ANCE, ha l’obiettivo di preservare la continuità dei cantieri e delle attività dei propri fornitori, e assicurare ai cittadini un servizio pubblico essenziale. Consentirà inoltre all’azienda di non applicare eventuali penali in caso di dilazione o ritardo dei lavori (salvi i casi in cui l’attività da svolgere non sia indifferibile per preservare la continuità di un servizio pubblico essenziale), indicando inoltre le modalità per riconoscere velocemente agli appaltatori misure di compensazione.

Ma Gruppo CAP ha deciso di fare un ulteriore passo per promuovere i valori di:

  • inclusività
  • parità di genere
  • sicurezza sul lavoro
  • innovazione sostenibile anche tra i partner.

 

Michele Falcone, direttore sviluppo strategico di Gruppo CAP

 

Attraverso questa iniziativa intendiamo coinvolgere tutti i nostri fornitori nella promozione
di un modello di business sostenibile e responsabile nel tempo, impegnandoci nel supportarli
il più possibile in questo percorso virtuoso”.

CAP infatti, non solo ha introdotto strumenti di revisione dei prezzi che tengano conto delle variazioni congiunturali, ma anche il criterio della sostenibilità attraverso un vero e proprio programma di investimenti destinati ai fornitori, che è stato inaugurato a cominciare dalla gara per l’assegnazione dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle reti dell’acquedotto, per un valore complessivo di 50 milioni di euro.

Per la prima volta, la gara ha incluso un vero e proprio premio di collaborazione, del valore di 2 milioni di euro, per i partner che decidono, lungo tutto il periodo di durata dell’appalto, di iniziare un percorso virtuoso per condividere le politiche di sostenibilità dell’utility pubblica, attivando iniziative a favore dei dipendenti nelle quattro aree:

  1. Legalità
  2. Inclusività e Gender Procurement
  3. Innovazione
  4. Ambiente

Questo approccio riguarda anche le successive due gare su lavori di fognatura e depurazione: un totale di 105 milioni di lavori pubblicati con circa 5 milioni di euro che Gruppo CAP destina ai partner che investono in sostenibilità. L’obiettivo è triplice:

  1. prima di tutto, sensibilizzare nel tempo i fornitori, accompagnarli in un percorso di crescita sostenibile attraverso la promozione di politiche green, con ricadute positive sull’intera filiera
  2. in secondo luogo, promuovere gli investimenti sull’innovazione e la ricerca;
  3. infine, promuovere politiche di sostenibilità attraverso il Procurement o tramite accordi di collaborazione

CAP affiancherà le aziende nel raggiungimento degli obiettivi stabiliti, verificando l’avanzamento del progetto ogni sei mesi. Per lo sviluppo e la gestione del progetto, CAP ha adottato un nuovo processo di valutazione della sostenibilità degli operatori economici del proprio Albo Fornitori, attraverso l’introduzione di criteri di sostenibilità nei parametri di valutazione del Vendor Rating, e creato una nuova figura aziendale, il Manager della Collaborazione, che si occuperà di affiancare le aziende partner nel raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Gruppo CAP

Gruppo CAP è la realtà industriale che gestisce il servizio idrico integrato sul territorio della Città metropolitana di Milano secondo il modello in house providing, cioè garantendo il controllo pubblico degli enti soci nel rispetto dei principi di trasparenza, responsabilità e partecipazione. Attraverso un know how ultradecennale e le competenze del proprio personale coniuga la natura pubblica della risorsa idrica e della sua gestione con un’organizzazione manageriale del servizio idrico in grado di realizzare investimenti sul territorio e di accrescere la conoscenza attraverso strumenti informatici. Per dimensione e patrimonio Gruppo CAP si pone tra le più importanti monoutility nel panorama nazionale. Nel 2022 si è aggiudicato il premio Top Utility Ten Years come Utility italiana più premiata negli ultimi dieci anni. 

 


Leggi anche

Il progetto, firmato da Claudio Lucchin e Architetti Associati, mira a ripensare l’identità di un intero quartiere all’insegna della sostenibilità e dell’innovazione tecnologica…

Leggi tutto…

L’esposizione ai fenomeni meteorologici incide sulla funzionalità, efficienza e sicurezza infrastrutturali della gestione del servizio idrico integrato. Utilizzare strumenti avanzati, ma intuitivi, di monitoraggio meteorologico consente di prevedere e mitigare questo impatto. Ma quali sono oggi le piattaforme, le applicazioni e le soluzioni digitali per il monitoraggio meteo-climatico e il supporto decisionale nei processi delle Utility?…

Leggi tutto…