Gruppo CAP lancia il programma di incubazione per sostenere i progetti più innovativi nel settore idrico

Promossa da Gruppo CAP in collaborazione con Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit e con il contributo di Fondazione Cariplo, il programma di incubazione, della durata di 6 mesi, mira a promuovere innovazione e ricerca che abbiano nella circular economy, il modello di riferimento per massimizzare il valore dell’acqua, migliorare la sua governance e promuoverne gli investimenti.

Abbiamo adottato il binomio innovazione e ricerca 90 anni fa, facendo crescere l’azienda e il territorio che presidia, focalizzandoci sull’importanza di processi di sviluppo sostenibili e attenti all’ambiente, spiega Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP. Vogliamo continuare a farlo con un approccio che valorizzi la cultura dell’imprenditorialità. Ecco perché il nostro Centro Ricerche sarà uno spazio di open innovation dove accompagnare le imprese più innovative nel loro percorso di crescita verso la definizione di nuove applicazioni dell’acqua e dei suoi scarti in ottica di economia circolare”.

Salazzurra, il nuovo Centro Ricerche che ha la sua sede al Parco Idroscalo e che rappresenta un polo dell’innovazione per la gestione sostenibile dell’acqua sul territorio nazionale, diventa a tutti gli effetti una “startup incubator”, ponte tra le nuove realtà imprenditoriali e i mercati globali. Sarà qui che le giovani imprese avranno la possibilità di sviluppare nuove soluzioni sostenibili grazie alle competenze, al know-how e al patrimonio di dotazioni tecnologiche di Gruppo CAP. In questo modo potranno contribuire alla #waterevolution, e disegnare un futuro dove l’acqua sarà protagonista di processi che regolano le dinamiche di sviluppo delle nostre città, sempre più sostenibili e intelligenti.   

Seeds&Chips contribuirà al sostegno dell’iniziativa grazie al supporto strategico e alla sua rete di contatti e competenze, e offrirà alle startup un percorso di accelerazione nella definizione di un business model adeguato al mercato. Un programma di mentoring vero e proprio che si integra al calendario di workshop e a un processo di networking con le altre giovani startup volto a incentivare lo scambio di conoscenze.

Ma il Centro Ricerche non è nuovo a programmi di incubazione: risale a pochi giorni fa l’inizio del percorso di mentoring della prima start up selezionata, in occasione del summit Seeds&Chips organizzato nel maggio scorso: la canadese The Rainmaker Enterprise, il cui fondatore James Thuch Madhier, lavorerà a stretto contatto con geologi, analisti ed esperti di Gruppo CAP nei laboratori del Centro Ricerche per studiare un piano di fattibilità nella individuazione dei siti ottimali per scavare nuovi pozzi nel Darfur, da equipaggiare con pompe e pannelli solari. Risorse idriche destinate alla coltivazione di arachidi, legumi ricchi di sostanze nutritive che hanno il vantaggio di sopravvivere a terreni molto aridi.

Destinata principalmente ai membri della comunità scientifica, aspiranti imprenditori, spin-off universitari, giovani start up, rappresentate singolarmente o in team, la Call For Ideas andrà a selezionare le migliori proposte in grado di promuovere il consumo sostenibile dell’acqua, offrire soluzioni e tecnologie innovative per l’e-water management, mettere in relazione acqua e spreco di cibo,  puntare alla protezione di bacini idrici e fiumi, presentare progetti di sharing economy per il risparmio delle risorse naturali, non ultimo, promuovere la resilienza delle reti. L’obiettivo sarà premiare la produttività delle idee e la loro applicazione su scala industriale e lungo la filiera idrica.

I candidati che rispondono ai criteri di ammissione presenti sul regolamento possono presentare la propria candidatura compilando il form disponibile al seguente indirizzo: https://seedsandchips.com/#innovate-h2o. Il termine utile per completare la registrazione è il 17 febbraio 2019. Seeds&Chips e Fondazione CAP si riservano il diritto di chiudere le iscrizioni o di limitare il numero di partecipanti in qualsiasi momento a loro discrezione. Una volta terminata la selezione, i referenti dell’iniziativa risponderanno con un feedback entro il 1° marzo 2019 e manderanno l’invito per la presentazione ufficiale delle idee selezionate. 

 

Le foto sono di Guido Valdata.


Leggi anche

Il CdA del gestore idrico della Puglia ha deliberato una nuova tornata di appalti per opere nel campo della depurazione e delle reti idriche e fognarie. Tra le più significative, l’ammodernamento dell’impianto di depurazione di Martina Franca, in provincia di Taranto, dove si parte da una base d’asta di 11 milioni di euro, e il completamento de sistema di raccolta dei reflui a Salve, nel Salento…

Leggi tutto…

Ammonta a 30 milioni di euro il piano di investimenti annunciato da EnGas, l’Ente di governo dell’ambito della Sardegna, per la riqualificazione e l’efficientamento delle reti idriche sarde. Il finanziamento arriva dal Fondo di sviluppo e coesione 2014 – 2020 e andrà a sostenere 14 interventi in tutta l’Isola da realizzare entro il 2022 …

Leggi tutto…

Il programma di investimenti del gestore idrico toscano nel comune in provincia di Lucca ha come principale obiettivo porre fine al problema dell’acqua torbida che esce dai rubinetti. I lavori prenderanno il via in primavera e prevedono la sostituzione di circa 4 chilometri di condotte. Contemporaneamente verrà ristrutturato un serbatoio …

Leggi tutto…

I test, che si svolgono sull’impianto di Lecce e proseguiranno per tutto febbraio, riguardano le grandi centrifughe fornite da diversi produttori italiani ed europei per la disidratazione dei fanghi. L’obiettivo è individuare le soluzioni più adeguate da implementare in tutti i depuratori in modo da ridurre il volume di fanghi generato e ottenere un risparmio sui costi di smaltimento di oltre 5 milioni di euro all’anno…

Leggi tutto…

Selezionato tra i finalisti del premio Zero Power Water Monitoring della Commissione Europea, il progetto punta a realizzare una rete di nodi di monitoraggio IoT per il controllo in tempo reale della qualità dell’acqua. Suo cuore un innovativo microsensore che misura lo spessore di depositi, inorganici e organici, sulle pareti di vasche e condotte, alimentato da un’energy harvesting che estrae l’elettricità dal flusso d’acqua. …

Leggi tutto…