Gruppo CAP lancia l’app per controllare la qualità dell’acqua

Gruppo CAP diventa sempre più smart. Il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano spinge sulla digitalizzazione e, dopo aver sposato le più avanzate tecnologie per una gestione sempre più efficiente dei propri processi interni e delle sue infrastrutture, le utilizza sempre di più per offrire innovativi servizi ai propri utenti.

L’ultima novità in tal senso è l’app Acca2o, un’applicazione a disposizione di tutti i cittadini che usufruiscono del servizio che consente di monitorare tramite smartphone, e con un semplice tocco, tutti i parametri sull’acqua pubblica che esce dai rubinetti.

«La tecnologia digitale ha un ruolo fondamentale per dialogare con i cittadini in un’ottica di trasparenza e informazione puntuale – ha spiegato Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP, presentando il nuovo servizio -. Strumenti come questa app consentono di instaurare un rapporto diretto con i nostri utenti, in un’ottica di fiducia e consapevolezza del valore di questa preziosa risorsa».

Gratuita e disponibile sia per dispositivi Android sia iOs, l’app è sempre aggiornata grazie al continuo flusso di dati ed è utilizzabile in qualsiasi comune dell’hinterland di Milano. Attraverso la geolocalizzazione, permette di ottenere tutte le informazioni relative all’acquedotto, ai consumi di casa, allo stato delle fatture, ma anche di pagare le bollette e di comunicare l’autolettura. Inoltre, fornisce i dati relativi alla qualità dell’acqua che arriva nelle abitazioni, che fanno riferimento alle ultime analisi effettuate dal laboratorio di Gruppo CAP, periodicamente aggiornate, con i parametri di legge per il confronto.

Per scaricare l’app: https://www.gruppocap.it/clienti/gruppocap/servizio-clienti/scarica-l-app
Guarda il video su youtube: https://youtu.be/JrI6uJuP34o


Leggi anche

Il consiglio di amministrazione della società ha deliberato l’avvio delle procedure d’appalto per i lavori di potenziamento delle infrastrutture idriche a Marina di Gioiosa, splendida località marittima del comune di Gioiosa. I lavori, per una spesa complessiva di 12,6 milioni, prevedono la realizzazione di 17 chilometri di reti idriche e di 1,7 chilometri di reti fognarie…

Leggi tutto…

La società, che gestisce il servizio idrico in 77 comuni della provincia di Verona, ha concluso due contratti di finanziamento con le due realtà per un valore ciascuno di 30 milioni. Risorse che serviranno a sostenere il pianto di interventi programmati sul territorio, che prevedono al 2021 investimenti per oltre 150 milioni di euro….

Leggi tutto…

La società ha avviato le procedure di gara per gli interventi in programma nei comuni di Leverano e Veglie, in provincia di Lecce, per un valore complessivo di 13 milioni di euro. Nel primo comune il programma prevede la realizzazione di 3,5 km di nuove condotte idriche e 18 km di condotte fognarie, nel secondo di 7 km di reti idriche e di altrettante per la raccolta dei reflui…

Leggi tutto…

Esempio di best practice quanto sta avvenendo nel piccolo comune in provincia di Varese, dove l’amministrazione ha riscoperto e sta riqualificando un vecchio bacino idrico, e il suo sistema di reti, abbandonato almeno dagli anni Cinquanta, che con le sue sorgenti può fornire acqua di qualità per integrare quella ora disponibile. Il tutto con una spesa di soli 90.000 euro. …

Leggi tutto…

Conclusi i lavori, per un valore di 2,2 milioni di euro, del secondo lotto del progetto La Vettola-San Piero, avviato dal gestore idrico del Basso Valdarno per dotare le due frazioni di una rete fognaria e garantire il collettamento di tutti i reflui fognari provenienti dalla zona sud-est della città verso il sistema depurativo…

Leggi tutto…