Gruppo CAP legge i consumi di acqua con i droni


Da sempre attento a tutte le opportunità di utilizzo di tecnologie innovative nella gestione del servizio idrico, Gruppo CAP, il gestore del servizio nei comuni dell’area della Città metropolitana di Milano, si appresta a utilizzare i droni per la lettura dei contatori.

Il progetto sperimentale prende il via in questo mese da Cinisello Balsamo, per essere esteso prossimamente ad altri nove comuni, con l’obiettivo di arrivare entro il 2019 a oltre 100 mila contatori installati con un investimento di 18 milioni di euro.

L’iniziativa, la prima del genere in Italia, permetterà così, grazie alla combinazione di droni e smart meter, di effettuare letture dei consumi effettivi a cadenza mensile, anziché annuale, e non più porta a porta, ma a distanza, nel totale rispetto della privacy degli utenti. I droni, ne verranno utilizzati due, pilotati a distanza sorvoleranno le case e, grazie a speciali sensori, cattureranno i segnali emessi dai contatori. In soli 10 minuti e con soli due voli, i droni raccoglieranno tutte le letture che il sistema computerizzato assocerà in tempo reale al codice cliente, in modo da generare una fatturazione più trasparente e precisa possibile, con l’ulteriore vantaggio di raggiungere anche le zone difficilmente accessibili.

Il progetto, realizzato con la collaborazione di Archon Technologies, Smart Metering e Watertech, aziende specializzate rispettivamente nella progettazione di droni e nella produzione di sistemi smart meter, prevede l’uso di velivoli senza pilota ultraleggeri del peso di 300 grammi, conformi all’impiego nei centri abitati, che sorvoleranno le abitazioni a un’altezza di 120 metri, nel rispetto delle norme di sicurezza.


Didascalia foto 1: Alessandro Russo, presidente Gruppo CAP


Leggi anche

La multiutility capitolina ha aggiornato il piano 2018-2022: gli investimenti crescono di 900 milioni di euro rispetto al documento precedente salendo a 4 miliardi. Risorse che saranno destinate principalmente al miglioramento della qualità ed efficienza del servizio idrico, circa 250 milioni, al rafforzamento della resilienza delle reti elettriche (250 milioni) e alla crescita della generazione rinnovabile…

Leggi tutto…

L’impianto, che sorge in località Pantano e serve buona parte della città dei Sassi, è oggetto di una serie di interventi per incrementarne la capacità di trattamento a 34.000 abitanti equivalenti, dagli attuali 28.000, e migliorarne l’efficienza nel processo dei reflui. L’ammodernamento del depuratore sarà concluso entro luglio con un investimento complessivo di 4,8 milioni di euro …

Leggi tutto…

Avviato un nuovo tratto di rete appena posata nell’ambito dei lavori di sostituzione dell’intero anello primario di distribuzione a servizio della città. Un’opera, che la società sta realizzando con un investimento di 2,5 milioni di euro, indispensabile per porre fine al problema delle perdite idriche dell’infrastruttura che raggiungono anche livelli superiori al 60%. …

Leggi tutto…

Il gestore del ciclo idrico della provincia di Lecco ha sottoposto l’impianto a un profondamento restyling finalizzato all’ottenimento dell’autorizzazione allo scarico, che manca dall’anno 2000, e l’abbattimento delle emissioni odorigene. Diversi gli interventi già realizzati, per un valore di 1,2 milioni di euro, tra i quali la realizzazione di nuove vasche di denitrificazione della linea 2, la costruzione di una nuova stazione di disidratazione dei fanghi e di sistemi per il trattamento dell’aria…

Leggi tutto…

A fronte di 13 miliardi di investimenti pianificati nel quadriennio 2016-2019 pochi i cantieri partiti e ancora meno quelli conclusi: solo il 5% del valore. È il paradosso evidenziato dal Water Management Report, lo studio del Politecnico di Miano che fotografa la situazione del sistema idrico nazionale, presentato in Senato da ANIMA, Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica Varia ed Affine…

Leggi tutto…