Gruppo CAP legge i consumi di acqua con i droni


Da sempre attento a tutte le opportunità di utilizzo di tecnologie innovative nella gestione del servizio idrico, Gruppo CAP, il gestore del servizio nei comuni dell’area della Città metropolitana di Milano, si appresta a utilizzare i droni per la lettura dei contatori.

Il progetto sperimentale prende il via in questo mese da Cinisello Balsamo, per essere esteso prossimamente ad altri nove comuni, con l’obiettivo di arrivare entro il 2019 a oltre 100 mila contatori installati con un investimento di 18 milioni di euro.

L’iniziativa, la prima del genere in Italia, permetterà così, grazie alla combinazione di droni e smart meter, di effettuare letture dei consumi effettivi a cadenza mensile, anziché annuale, e non più porta a porta, ma a distanza, nel totale rispetto della privacy degli utenti. I droni, ne verranno utilizzati due, pilotati a distanza sorvoleranno le case e, grazie a speciali sensori, cattureranno i segnali emessi dai contatori. In soli 10 minuti e con soli due voli, i droni raccoglieranno tutte le letture che il sistema computerizzato assocerà in tempo reale al codice cliente, in modo da generare una fatturazione più trasparente e precisa possibile, con l’ulteriore vantaggio di raggiungere anche le zone difficilmente accessibili.

Il progetto, realizzato con la collaborazione di Archon Technologies, Smart Metering e Watertech, aziende specializzate rispettivamente nella progettazione di droni e nella produzione di sistemi smart meter, prevede l’uso di velivoli senza pilota ultraleggeri del peso di 300 grammi, conformi all’impiego nei centri abitati, che sorvoleranno le abitazioni a un’altezza di 120 metri, nel rispetto delle norme di sicurezza.


Didascalia foto 1: Alessandro Russo, presidente Gruppo CAP


Leggi anche

La società ha avviato le procedure di gara per gli interventi in programma nei comuni di Leverano e Veglie, in provincia di Lecce, per un valore complessivo di 13 milioni di euro. Nel primo comune il programma prevede la realizzazione di 3,5 km di nuove condotte idriche e 18 km di condotte fognarie, nel secondo di 7 km di reti idriche e di altrettante per la raccolta dei reflui…

Leggi tutto…

Esempio di best practice quanto sta avvenendo nel piccolo comune in provincia di Varese, dove l’amministrazione ha riscoperto e sta riqualificando un vecchio bacino idrico, e il suo sistema di reti, abbandonato almeno dagli anni Cinquanta, che con le sue sorgenti può fornire acqua di qualità per integrare quella ora disponibile. Il tutto con una spesa di soli 90.000 euro. …

Leggi tutto…

Conclusi i lavori, per un valore di 2,2 milioni di euro, del secondo lotto del progetto La Vettola-San Piero, avviato dal gestore idrico del Basso Valdarno per dotare le due frazioni di una rete fognaria e garantire il collettamento di tutti i reflui fognari provenienti dalla zona sud-est della città verso il sistema depurativo…

Leggi tutto…

Prenderà via a metà febbraio l’intervento di manutenzione straordinaria dell’infrastruttura che si estende per 2,5 km e convoglia i reflui al depuratore di Monza. L’opera, resasi necessaria per il deterioramento delle condotte, in esercizio da oltre 90 anni, sarà effettuata con la tecnica del relining interno, con una spesa di 3 milioni di euro…

Leggi tutto…

La società del gruppo Iren che gestisce il servizio idrico nella città ligure e nei comuni della sua provincia ha presentato il programma di interventi finalizzato a tutelare la qualità delle acque del golfo e le zone di prelievo dell’acqua potabile. L’investimento previsto è in totale di 13 milioni di euro, destinati in gran parte alla realizzazione delle reti fognari nelle aree collinari e al potenziamento dell’acquedotto…

Leggi tutto…