Gruppo Tea: 2018 da record e nuovi fondi per 250 milioni

Bilancio 2018 oltre le aspettative per Tea

Il 2018 è stato un anno da incorniciare per gruppo Tea. A dirlo i numeri del bilancio 2018 della multiutility con sede a Mantova. Il valore della produzione del gruppo ha raggiunto i 276,4 milioni di euro, con una crescita del cresce del 2,6% rispetto al 2017, ill Mol (margine operativo lordo) è migliorato dell’8% e il risultato netto consolidato ha superato i 19 milioni di euro, in aumento rispetto all’esercizio precedente. Schizzato verso l’alto anche l’utile, pari a ben 17,5 milioni di euro, il 9,5% in più sul 2017, con 6,7 milioni di euro che saranno distribuiti ai 55 Comuni soci.

 

Le ragioni del successo

Risultati significativi, i migliori da quando la società è nata, ormai 20 anni fa, ottenuti grazie a una gestione efficiente e alla crescita del numero di clienti finali, + 9% nei settori elettricità e gas rispetto al 2017, gestendo chilometri di rete gas, acqua e calore, teleriscaldando 6,6 milioni di metri cubi di immobili. Un successo, per di più all’insegna della sostenibilità: oltre il 97% del calore distribuito tramite teleriscaldamento è stato recuperato da impianti di cogenerazione ad alto rendimento. Inoltre, per quanto riguarda i servizi ambientali, sono oltre 171.000 le tonnellate di rifiuti, dei quali più dell’81% differenziati, raccolte e trattate.

 
Il nuovo Piano industriale punta sulla sostenibilità

E proprio un ulteriore impegno verso la sostenibilità e la circolarità è confermato e declinato nel nuovo Piano industriale 2019-2023, presentato all’Assemblea dei soci in occasione dell’approvazione del bilancio. Piano che prevede 250 milioni di euro di investimenti e l’assunzione di nuovo personale, oltre 110 persone. La chiusura del ciclo ambientale è un obiettivo ambizioso per il quale Tea ha stabilito interventi sia dal punto di vista educativo che impiantistico. Il gruppo Tea, inoltre, investirà circa 10 milioni di euro nei cinque anni per la digitalizzazione di reti e impianti e per rendere più snelli i processi principali che toccano i clienti.


Leggi anche

Camioncino Iren - Bilancio di Sostenibilità 2019

Lo studio certifica l’impegno della multiutility verso l’ambiente, pilastro sempre più strategico delle sue attività. A partire da una gestione sempre più efficiente dell’acqua, grazie alla distrettualizzazione delle reti e alla lotta alle perdite. Nello scorso anno è cresciuta anche la raccolta differenziata, arrivando al 67,3% del totale, la flotta elettrica e la volumetria teleriscaldata, arrivata a 95 mmc, mentre l’impronta carbonica del Gruppo si è ridotta dell’1,7%…

Leggi tutto…

Stefano Donnarumma Terna

L’assemblea dei soci ha rinnovato il consiglio di amministrazione, tra l’altro ampliato nel numero, del gestore della rete elettrica nazionale. Donnarumma, dimessosi da Acea, è il nuovo amministratore delegato e direttore generale della società, mentre Bosetti è stata eletta alla presidenza. Succedono, rispettivamente, a Luigi Ferraris e Catia Bastioli, e resteranno in carica fino al 2022 …

Leggi tutto…

Abbiamo intervistato Alessandro Vistoli, Amminsitratore Delegato di Terranova che ci ha raccontato come l’azienda affianca le utility per una migliore gestione della trasformazione tecnologica….

Leggi tutto…

alleanza

Definito da AGSM Verona e AIM Vicenza il progetto industriale preliminare che pone le basi per la nascita di una nuova multiutility leader nel Triveneto. Al via il processo di condivisione del progetto con le amministrazioni locali…

Leggi tutto…

Politecnico di Bari

Il laboratorio multidisciplinare dedicato alla ricerca e innovazione nel campo dei sistemi elettrici sorgerà all’interno del Politecnico del capoluogo pugliese. La ricerca si concentrerà su cinque temi: l’edge computing/distributed computing, per la raccolta e l’analisi dei dati in tempo reale, i servizi avanzati per le infrastrutture elettriche, la sicurezza informatica, le tecnologie digitali e l’additive manufacturing…

Leggi tutto…