La Guardia di Finanza controlla gli impianti di distribuzione


Verificare il rispetto delle norme per garantire la qualità e la sicurezza del gas distribuito in rete e contribuire a ridurre gli incidenti domestici che, solo nel 2013 sono stati 159 di cui nove mortali. E’ l’obiettivo della campagna di controlli ‘a sorpresa’ promossa dall’Autorità per l’energia che prende il via da domani 1° ottobre su tutto il territorio nazionale e si concluderà a fine settembre 2015. I controlli, effettuati presso 60 impianti di società di distribuzione, saranno svolti per l’Autorità, dagli esperti del Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza e dell’Azienda Speciale Innovhub – Stazioni Sperimentali per l’industria – Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili.
La campagna giunge alla sua 11esima edizione e, ad oggi, le verifiche hanno coinvolto 560 impianti di distribuzione del gas, evidenziando, tra l’altro, 32 casi di violazione dei limiti di legge per l’odorizzazione (legge 6 dicembre 1971, n. 1083), con la denuncia dei distributori inadempienti all’Autorità giudiziaria.
I controlli coinvolgeranno la corretta odorizzazione del gas, essenziale per prevenire esplosioni o intossicazioni. Il gas naturale, infatti, è inodore e deve obbligatoriamente essere miscelato con apposite sostanze che gli diano un odore caratteristico per poter individuare eventuali dispersioni; la mancata o insufficiente odorizzazione comporta responsabilità penali per i distributori proprio perché rende difficile localizzare fughe o perdite di gas. I controlli riguarderanno anche la corretta applicazione della regolazione sul potere calorifico superiore e la pressione di fornitura, fondamentale per garantire la sicurezza dei consumatori e la corretta contabilizzazione economica del gas fornito.
Lo scorso anno l’Autorità ha rafforzato la polizza assicurativa a favore degli utenti per gli incidenti provocati dall’uso del gas; l’assicurazione copre i singoli consumatori ma anche servizi pubblici come ospedali, case di cura e di riposo, carceri e scuole. La polizza è finanziata con un mini-prelievo sulle bollette (pari a 25 centesimi/anno) e oltre, al risarcimento danni in caso di incendi, per danni a immobili e danni a cose prevede risarcimenti per infortuni, in caso di morte o invalidità permanente totale e il rimborso di eventuali spese mediche.
La delibera 342/2014/E/gas è disponibile sul sito dell’Autorità (www.autorita.energia.it).


Leggi anche

Nel corso dell’ultima seduta, l’Assemblea dei Soci di Amag Reti Gas e il Consiglio di amministrazione del Gruppo Amag hanno indicato Andrea Biancato come nuovo amministratore unico di Amag Reti Gas. La nomina ha suscitato reazioni positive da parte del presidente del Gruppo Amag Claudio Perissinotto e dell’amministratore delegato Emanuele Rava….

Leggi tutto…

La multiutility ha concluso l’acquisizione del 70% del capitale sociale di Agesp Energia, società proprietaria e gestore del sistema di teleriscaldamento di Busto Arsizio e attiva anche nella vendita di energia elettrica e gas. L’operazione rientra nelle strategie di evoluzione di crescita sul territorio di Acinque, che ha in programma ambiziosi piani di sviluppo per l’azienda acquisita….

Leggi tutto…

Sarà operativo entro la fine dell’anno, a Finale Emilia (MO), l’impianto BiRemi™ per la distribuzione gas, che trasformerà la rete esistente in una nuova infrastruttura evoluta per la captazione del biometano e la sua ripartizione attraverso la rete di trasporto nazionale. Il progetto, nato dalla partnership tra AS Retigas e Pietro Fiorentini, risponde alle linee guida della delibera ARERA 404/2022/R/gas….

Leggi tutto…

Ireti Gas, società del Gruppo Iren, ha ricevuto da ARERA un finanziamento da 1,9 milioni di euro, come riconoscimento per lo sviluppo di un impianto di “Reverse-Flow” e per un sistema sperimentale di decarbonizzazione delle reti di distribuzione del gas. I contributi verranno reinvestiti in progetti per la gestione e il rinnovamento delle infrastrutture del gas, in un’ottica di transizione energetica….

Leggi tutto…

Medea ha concluso la conversione da GPL a gas naturale della rete della città, una tappa storica nel percorso di metanizzazione dell’isola. I lavori, andati avanti per circa 3,5 mesi, fungeranno da modello operativo per le analoghe operazioni che l’azienda realizzerà nei prossimi anni a Cagliari, Sassari, Oristano e Nuoro. La rete è stata inoltre digitalizzata e pronta ad accogliere anche i gas rinnovabili….

Leggi tutto…