Hera avvia a Modena la depurazione 4.0

Servizi più efficienti e di qualità e massima tutela dell’ambiente, attraverso l’impiego di sistemi innovativi. Risponde a questi obiettivi il progetto portato avanti da Hera sul depuratore a servizio di Modena, in collaborazione con Energy Way, realtà modenese specializzata nello sviluppo di soluzioni e modelli matematici per l’ottimizzazione e l’efficientamento dei processi industriali.

Una collaborazione avviata 2 anni fa che riguarda l’applicazione delle attività di big data, di modelli di machine learning e dell’intelligenza artificiale ai diversi settori nei quali opera la multiutility. Tra questi, appunto, il comparto della depurazione, con la prima iniziativa che ha interessato l’impianto di Modena, un impianto che risponde alle esigenze di 500.000 abitanti, già sottoposto a importanti interventi di efficientamento energetico. Frutto della collaborazione lo sviluppo di un sistema capace di controllare il processo di ossidazione, fase fondamentale del ciclo di depurazione dei reflui. Peculiarità del sistema la capacità di prevedere in anticipo i fabbisogni delle attività dell’impianto. Questi, infatti, variano secondo la portata dell’acqua e della concentrazione di sostanze inquinanti organiche presenti nei reflui da trattare. In particolare, i sistemi di controllo intelligente, attivi da tempo su numerosi depuratori del Gruppo Hera e volti a un’automazione sempre maggiore e a una migliore resa dell’impianto, servono a stabilire il fabbisogno di ossigeno necessario alla depurazione, la quale avviene imitando ciò che succede in natura, ovvero favorendo la riproduzione di batteri che vivono in presenza di ossigeno e che si nutrono delle sostanze organiche presenti nell’acqua.

La regolazione preventiva del processo rappresenta un’importante evoluzione di tali sistemi, poiché permette di ottimizzare i consumi di energia e di migliorare la qualità dell’acqua in uscita, abbattendo ulteriormente la concentrazione di sostanze inevitabilmente presenti, come l’azoto. Il “controllore” permette, infatti, la “predizione” delle condizioni dell’impianto, momento per momento, in modo che possa essere ottimizzato, evitando così l’insorgenza di concentrazioni di inquinante difficilmente gestibili, o picchi di consumo energetico.

L’ottimizzazione delle condizioni di funzionamento è eseguita automaticamente ogni cinque minuti sull’acqua in entrata in una delle due linee di trattamento. Attraverso l’analisi svolta da un algoritmo di controllo, si può conoscere lo stato dell’impianto con un anticipo di circa mezz’ora, così da operare preventivamente le variazioni utili a ottimizzare i consumi e migliorare la qualità dell’acqua in uscita.

Molto positivi i risultati della sperimentazione: nella linea dove è presente questo sistema di controllo si è registrata una diminuzione di energia utile al processo di ossidazione pari al 10%, rispetto a quanto rilevato in situazione analoga con un sistema di controllo tradizionale, e un calo della presenza di azoto nelle acque in uscita di un ulteriore 5,5%.

Il progetto ha portato alla gestione intelligente di un impianto fondamentale per migliorare il sistema di depurazione di Modena e garantire ai suoi canali acqua di migliore qualità. L’acqua in uscita dal depuratore, circa 30 milioni di mc all’anno, infatti, viene immessa nel Canale Naviglio, presso cui sorge l’impianto, e in parte nei canali a sud di Modena (Cavo Argine, Fossa Monda, Minutara) per scorrere verso il Panaro. La sua migliore qualità si riflette, quindi, sulla qualità ambientale di tutto il territorio. I risultati del progetto sono stati presentati a Copenaghen, nell’ambito del convegno WaterMatex organizzato dall’International water association (Iwa), al quale hanno partecipato esperti da tutto il mondo.


Leggi anche

Gruppo CAP avvia il monitoraggio in continuo della rete fognaria con la nuova tecnologia Kando, in grado di farsi sentinella del territorio: attraverso un sistema di sonde è infatti capace di prevenire l’inquinamento e individuare gli scarichi illeciti, permettendo, in caso di necessità, la messa in atto delle misure di verifica e controllo….

Leggi tutto…

Posa prima pietra dei lavori di potenziamento da parte di Hera del sistema fognario della Darsena di Ravenna

L’opera del valore complessivo di 8 milioni di euro ha come obiettivo di garantire la sicurezza dell’area della Darsena e il miglioramento ambientale del Candiano, il canale navigabile che collega la città al mare. Suddiviso i tre stralci, prevede la realizzazione di un nuovo collettore, di diverse tratte di fognatura, di impianti di sollevamento e di due vasche di prima pioggia. Parte dei lavori saranno realizzati con la tecnologia senza scavo della trivellazione orizzontale controllata …

Leggi tutto…

Approvazione bilancio 2019 acquevenete

L’Assemblea dei soci ha approvato il bilancio dell’esercizio 2019, chiuso con un valore della produzione di circa 88 milioni di euro e un margine operativo lordo del 29,8%. Importante anche il volume degli investimenti, pari a 30 milioni, dedicati all’efficientamento delle infrastrutture e al miglioramento del servizio, mentre è di 65 milioni di euro il valore economico distribuito agli stakeholder…

Leggi tutto…

Segui i due appuntamenti della serie 25 giugno e 2 luglio: in entrambi una dimostrazione pratica dell’utilizzo e dell’efficacia dei sensori

 
In un contesto in cui i processi produttivi diventano sempre più complessi, è necessario che le tecniche di misura impiegate per il controllo e la sorveglianza dei processi, siano più semplici ed intuitive possibili….

Leggi tutto…

Logo Lario Reti Holding

La società ha chiuso il bilancio relativo allo scorso anno con ricavi pari a 52,4 milioni e utili per oltre 6 milioni. Gli investimenti realizzati sono stati pari a 24,1 milioni, circa pari alla metà rispetto ai tre anni precedenti, e hanno permesso di realizzare alcuni importanti interventi, come il revamping del depuratore di Lecco, lo sdoppiamento della rete fognaria di Oliveto Lario, e l’adeguamento dell’impianto di Ballabio…

Leggi tutto…