Hera avvia a Modena la depurazione 4.0

Servizi più efficienti e di qualità e massima tutela dell’ambiente, attraverso l’impiego di sistemi innovativi. Risponde a questi obiettivi il progetto portato avanti da Hera sul depuratore a servizio di Modena, in collaborazione con Energy Way, realtà modenese specializzata nello sviluppo di soluzioni e modelli matematici per l’ottimizzazione e l’efficientamento dei processi industriali.

Una collaborazione avviata 2 anni fa che riguarda l’applicazione delle attività di big data, di modelli di machine learning e dell’intelligenza artificiale ai diversi settori nei quali opera la multiutility. Tra questi, appunto, il comparto della depurazione, con la prima iniziativa che ha interessato l’impianto di Modena, un impianto che risponde alle esigenze di 500.000 abitanti, già sottoposto a importanti interventi di efficientamento energetico. Frutto della collaborazione lo sviluppo di un sistema capace di controllare il processo di ossidazione, fase fondamentale del ciclo di depurazione dei reflui. Peculiarità del sistema la capacità di prevedere in anticipo i fabbisogni delle attività dell’impianto. Questi, infatti, variano secondo la portata dell’acqua e della concentrazione di sostanze inquinanti organiche presenti nei reflui da trattare. In particolare, i sistemi di controllo intelligente, attivi da tempo su numerosi depuratori del Gruppo Hera e volti a un’automazione sempre maggiore e a una migliore resa dell’impianto, servono a stabilire il fabbisogno di ossigeno necessario alla depurazione, la quale avviene imitando ciò che succede in natura, ovvero favorendo la riproduzione di batteri che vivono in presenza di ossigeno e che si nutrono delle sostanze organiche presenti nell’acqua.

La regolazione preventiva del processo rappresenta un’importante evoluzione di tali sistemi, poiché permette di ottimizzare i consumi di energia e di migliorare la qualità dell’acqua in uscita, abbattendo ulteriormente la concentrazione di sostanze inevitabilmente presenti, come l’azoto. Il “controllore” permette, infatti, la “predizione” delle condizioni dell’impianto, momento per momento, in modo che possa essere ottimizzato, evitando così l’insorgenza di concentrazioni di inquinante difficilmente gestibili, o picchi di consumo energetico.

L’ottimizzazione delle condizioni di funzionamento è eseguita automaticamente ogni cinque minuti sull’acqua in entrata in una delle due linee di trattamento. Attraverso l’analisi svolta da un algoritmo di controllo, si può conoscere lo stato dell’impianto con un anticipo di circa mezz’ora, così da operare preventivamente le variazioni utili a ottimizzare i consumi e migliorare la qualità dell’acqua in uscita.

Molto positivi i risultati della sperimentazione: nella linea dove è presente questo sistema di controllo si è registrata una diminuzione di energia utile al processo di ossidazione pari al 10%, rispetto a quanto rilevato in situazione analoga con un sistema di controllo tradizionale, e un calo della presenza di azoto nelle acque in uscita di un ulteriore 5,5%.

Il progetto ha portato alla gestione intelligente di un impianto fondamentale per migliorare il sistema di depurazione di Modena e garantire ai suoi canali acqua di migliore qualità. L’acqua in uscita dal depuratore, circa 30 milioni di mc all’anno, infatti, viene immessa nel Canale Naviglio, presso cui sorge l’impianto, e in parte nei canali a sud di Modena (Cavo Argine, Fossa Monda, Minutara) per scorrere verso il Panaro. La sua migliore qualità si riflette, quindi, sulla qualità ambientale di tutto il territorio. I risultati del progetto sono stati presentati a Copenaghen, nell’ambito del convegno WaterMatex organizzato dall’International water association (Iwa), al quale hanno partecipato esperti da tutto il mondo.


Leggi anche

Il gestore idrico della provincia di Caltanissetta ha scelto la tecnologia del relining per risanare un tratto di collettore fognario che passa nel centro della città. L’intervento si è reso necessario per ripristinare la piena funzionalità della condotta, posata a 3 metri di profondità, che per via della sua vetustà si trova in stato avanzato di deterioramento con conseguenti perdite nel terreno…

Leggi tutto…

Forum Telecontrollo 2019

Il convegno si articola in quattro aree tematiche: acqua, energia, città e industria. Svariati i temi trasversali su cui si concentreranno le presentazioni dei relatori: innanzitutto la sostenibilità delle risorse ambientali e l’efficienza di gestione; l’adozione dei paradigmi IOT; cyber-security e new business model.
Qui di seguito alcuni approfondimenti sulla Sessione dal titolo “Il Telecontrollo per la gestione dei processi e per l’efficienza delle risorse” ……

Leggi tutto…

Va avanti l’intervento avviato dalla multiutility nel 2016 per collegare la rete fognaria della frazione di Pievesestina al depuratore centrale della città. Un’opera da 8 milioni di euro che prevede la posa di circa 8 chilometri di tubazioni, ma che comprende anche la realizzazione di una dorsale idrica, di 3,7 chilometri, e di una dorsale gas, di 3,2 chilometri, a servizio dell’area industriale della frazione …

Leggi tutto…

Proseguono le iniziative dell’innovativa piattaforma di ricerca per la gestione del sistema idrico integrato. Gruppo CAP riunisce tutti i più importanti attori dell’innovazione, della ricerca e dello sviluppo del settore per pianificare i prossimi passi. Networking e approccio multidisciplinare per 8 aziende nel settore, 1 istituto di ricerca, 2 università lombarde. Living lab per la sperimentazione, gli impianti di depurazione di San Giuliano Est, San Giuliano Ovest e di Bresso Niguarda….

Leggi tutto…

Ammonta a 6 milioni di euro l’investimento per realizzare la rete fognaria per l’area dell’Oltreserchio e altre zone della città ancora sprovviste del servizio. I lavori, divisi in due fasi, prenderanno il via a fine mese per concludersi entro il 2021 con la posa di oltre 5 chilometri di nuove condotte che consentiranno di allacciare all’infrastruttura oltre 1000 utenze …

Leggi tutto…