Posa prima pietra dei lavori di potenziamento da parte di Hera del sistema fognario della Darsena di Ravenna

Hera avvia la costruzione del nuovo sistema fognario della Darsena di Ravenna

Hanno preso il via i lavori per la realizzazione del nuovo sistema fognario a servizio dell’area della Darsena di Ravenna. Un’opera avviata da Gruppo Hera per garantire la sicurezza idraulica dell’area e migliorare la situazione ambientale del canale Candiano, il canale navigabile che collega l’abitato con il mare e che ospita parte del porto commerciale e industriale, terminando, appunto, nella Darsena. Un progetto del valore di 8 milioni di euro, dei quali oltre 7 finanziati dal Fondo per lo sviluppo e la coesione del ministero dell’Economia, e la parte restante da Romagna Acque.

Dopo i lavori preliminari, conclusi a febbraio, che hanno visto la demolizione delle strutture esistenti interferenti con le nuove opere, è partito il primo stralcio dell’intervento, che dovrebbe essere concluso entro la fine del prossimo anno. Primo stralcio che comprende la realizzazione di nuovi tratti di rete e di diversi sollevamenti fognari, insieme ai quali verranno posati anche i portacavi che ospiteranno la fibra ottica per il cablaggio di tutta l’ampia zona a destra della Darsena.

Hera ha suddiviso l’intervento in tre aree, ciascuna caratterizzata da diverse lavorazioni: area sinistra Candiano, area destra Candiano-comparto Cmc e area destra Candiano-comparto Pirano.

 

Lavori sull’area sinistra Candiano

Più nello specifico, i lavori sull’area sinistra Candiano comprendono la posa di un tubo fognario in polietilene ad alta densità della lunghezza di 250 metri che attraverserà il canale. La posa della condotta verrà effettuata con la trivellazione orizzontale controllata (Toc), una tecnologia di posa senza scavo, per la quale il Gruppo Hera ha sviluppato grande esperienza. L’intervento sarà completato dalla posa, con scavo tradizionale a cielo aperto, di una condotta fognaria in Pvc della lunghezza di 1.500 metri. La condotta congiungerà l’attraversamento del Candiano alle tubazioni esistenti presso la linea ferroviaria nord che conferiscono i liquami all’impianto di depurazione a servizio della città.

 

Lavori sull’area destra Candiano-comparto Cmc

L’intervento sull’area destra Candiano-comparto Cmc, invece, comporterà la realizzazione di un sollevamento di acque meteoriche, con una portata di 1.800 litri/sec, del relativo collettore di 130 m e dell’opera di scarico a canale. Intervento che sarà completato con la posa di un nuovo collettore di fognatura bianca che recapiterà nell’impianto idrovoro e di una vasca di prima pioggia e di sollevamento dedicato.

 

Lavori sull’area destra Candiano-comparto Pirano

Il cantiere sull’area destra Candiano-comparto Pirano prevede infine la realizzazione di un collettore di fognatura bianca e di nuovi tratti di fognatura bianca e nera nella via Pirano. Saranno realizzati anche un impianto idrovoro, con una portata di 8.100 litri/sec, che andrà a sostituire, potenziandolo, l’attuale idrovora, con relativa condotta in uscita. Inoltre, uno scolmatore per dividere le acque bianche dalle nere, un impianto di sollevamento dei reflui neri e una condotta in Pvc di 200 metri fino al canale. Anche in questo caso a completare l’opera una vasca di prima pioggia che sarà realizzata nell’area “ex Ravenna Cementi”.


Leggi anche

Dureranno circa un anno i lavori per l’ammodernamento dell’impianto a servizio della cittadina termale in provincia di Pisa. Un intervento, del valore di 1,7 milioni di euro, con il quale il gestore idrico del Basso Valdarno punta a risolvere una serie di criticità dell’impianto, legate alle acque di tipo di misto che vi arrivano, oltre che all’obsolescenza e all’ammaloramento dei due grandi serbatoi che lo costituiscono….

Leggi tutto…

Verso la conclusione i lavori, del valore di 3 milioni di euro, che la società sta portando avanti nel comune del vicentino. Lavori che riguardano la realizzazione della rete fognaria in alcune strade della cittadina che ancora ne erano prive, con la posa di 2,5 chilometri di nuove condotte, e la separazione delle acque bianche da quelle nere, con la costruzione di una nuova linea fognaria a queste dedicate….

Leggi tutto…

Messo a punto da Rivieracqua con il commissario all’ATO idrico del Ponente, il piano prevede otto lotti di lavori e sarà realizzato con un finanziamento di 29 milioni di euro. Obiettivo è risolvere la crisi idrica che da anni attanaglia il Golfo del Dianese, dovuta alla vetustà dell’acquedotto del Roia. I primi due lotti, da 6,8 milioni, con la posa delle nuove condotte del Roia 1 tra Imperia e Cervo, potrebbero partire all’inizio del prossimo anno….

Leggi tutto…

Sono 7 i focus sulle best practice della water utility lombarda, protagoniste dell’evento annuale dedicato all’innovazione industriale e all’economia circolare che quest’anno diventa full digital. Tra i temi affrontati durante l’evento: digitalizzazione, simbiosi industriale, riutilizzo delle acque depurate. Doppio appuntamento sulla Biopiattaforma di Sesto San Giovanni, il primo polo green e carbon neutral in Italia per il riutilizzo dei fanghi di depurazione e della FORSU in biometano, energia pulita ed eco-fertilizzanti. …

Leggi tutto…

Il Consiglio di Amministrazione della società del Gruppo Iren ha dato il via libera al progetto per la costruzione del collettore fognario che completerà il sistema di raccolta e collettamento dei reflui nel levante della città. Un’opera da 3,3 milioni di euro che permetterà di porre fine al problema degli scarichi a mare e che prevede la posa di 2,8 km di condotte, la metà in pressione, e di tre stazioni di sollevamento. Contestualmente sarà potenziata anche la rete idrica….

Leggi tutto…