Hera conclude il risanamento ambientale di Pievesestina

È giunta al termine l’imponente opera di risanamento ambientale condotta da Hera a Cesena. Opera che ha interessato la frazione di Pievesestina, situata a nord-ovest del capoluogo. Ha visto la posa nel complesso di circa 15 chilometri di condotte, tra rete fognaria, rete idrica e distribuzione gas.

Pezzo forte dei lavori, avviati nel 2016, la realizzazione del collettore fognario, dell’estensione di circa 8 chilometri. Ha permesso di collegare la frazione al depuratore centrale della città, che sorge in via Calcinaro. Un intervento che garantirà diversi benefici sul piano ambientale ed economico. Permetterà di dismettere il vecchio impianto di depurazione a servizio della frazione, collettando i reflui generati dai 5000 abitanti al depuratore centrale più efficiente.

Contestualmente alla posa delle condotte fognarie la multiutility ha previsto, e realizzato, anche due nuove dorsali: una dell’acquedotto, della lunghezza di 3,7 chilometri, e una di gas, dell’estensione di circa 3,2 km, entrambe a servizio della zona industriale di Pievesestina, in modo da garantire acqua e disponibilità energetica all’intero comparto produttivo presente nella zona.

A occuparsi dei lavori, un’associazione temporanea di impresa, costituita dalle imprese Cbr di Rimini e Coromano di Bertinoro (Forlì-Cesena), che si era aggiudicata l’appalto.

Importante anche l’investimento per la realizzazione dell’opera, che nel complesso ha toccato gli 8 milioni di euro. Spesa in parte finanziata da Romagna Acque, società che gestisce tutte le fonti idropotabili della Romagna, per quanto riguarda la quota relativa al collettore fognario e parte della condotta idrica, dai proprietari delle aree, per quanto riguarda parte degli interventi sulla rete gas, mentre la quota restante, per i lavori sulla rete idrica e gas, da Hera.


Leggi anche

Il nuovo collettore del Garda rappresenta la più importante infrastruttura a difesa della salute del lago, della sua economia e del suo territorio. Un’opera fondamentale a livello regionale e nazionale, visto che il lago è il più importante bacino di acqua potabile d’Italia. …

Leggi tutto…

La partnership tra Viveracqua e LTA, già oggi ben radicata, può definirsi come una delle esperienze maggiormente positive degli ultimi anni nel dare risposte utili a una conduzione del servizio idrico integrato con elevata qualità, guardando al contempo all’efficienza e all’efficacia della gestione, oltre che alla tutela del territorio….

Leggi tutto…

Crescere a livello nazionale e diventare tra i maggiori operatori nel comparto ambientale gli obiettivi del nuovo piano industriale di Iren. Il documento incrementa del 12% gli investimenti, rispetto all’ultimo piano, con circa 600 milioni di euro all’anno fino al 2025. Suo perno centrale sarà la multicircle economy, una visione industriale a lungo termine focalizzata sull’uso consapevole ed efficiente delle risorse che enfatizza la natura multi-business del Gruppo.

Leggi tutto…

Nasce il RAB, organo autonomo e indipendente che garantirà la condivisione delle informazioni, il dialogo e il confronto sulle attività della Biopiattaforma, la struttura carbon neutral dedicata all’economia circolare che riunirà il termovalorizzatore e il depuratore di Sesto San Giovanni….

Leggi tutto…

Ijinus produce logger funzionanti a batteria, dal piccolo ingombro, dotati di trasmissione dati su più piattaforme, resistenti a condizioni estreme, semplici da usarsi. Cavalli di battaglia sono: i misuratori di livello a batteria, nati per lavorare in fognatura e con un software brevettato per leggere con precisione e non avere problemi con eventuali ostacoli nel cono degli Ultra Suoni; i sensori di tracimazione o overflow….

Leggi tutto…