Hera e Comune di Ferrara siglano la nuova convenzione per il teleriscaldamento


La giunta comunale di Ferrara ha approvato la nuova convenzione per la gestione del teleriscaldamento con Hera. La convenzione avrà una durata di 12 anni per ognuno dei quali la multiutility verserà al comune un canone di un milione (più Iva).
La società, inoltre, metterà a disposizione 300.000 euro annui (più Iva), per un periodo di sei anni, nel quale entrambi i partner auspicano di incrementare l’energia termica utilizzata di 24 GWh. La somma, in particolare, sarà utilizzata per incentivare il collegamento di ulteriori utenze alla rete di distribuzione del calore e quindi utilizzata da Hera stessa per ridurre i costi di allacciamento per gli utenti che ne faranno richiesta.
L’accordo prevede anche che Hera possa liberamente, nel rispetto della normativa vigente, definire il contenuto delle condizioni di contratto applicabili ai propri clienti, l’importo e le modalità di calcolo dei corrispettivi, inclusi i costi di allacciamento alla rete, fermo restando l’impegno della società a illustrare al Comune le offerte e le condizioni di volta in volta vigenti in occasione di incontri periodici di informazione.
Il Comune, da parte sua, si impegna a favorire il potenziamento della rete anche attraverso la ricerca e, soprattutto, l’ottenimento di fondi pubblici, ad esempio dal Piano energetico regionale, oltre che a favorire l’adozione di una procedura autorizzativa semplificata delle opere per l’estensione dell’infrastruttura, abbreviando i tempi dell’iter.


Leggi anche

Ancora pochi mesi di attesa e poi i lavori per la realizzazione dell’impianto di teleriscaldamento nel territorio comunale di Valdaone, in provincia di Trento, volgeranno al termine. L’opera, fortemente voluta dall’attuale amministrazione guidata da Ketty Pellizzari, è il passaggio concreto di un’idea nata nel 2010 dagli allora comuni di Bersone, Daone e Praso. A tal fine il comune di Valdaone ha stipulato una convezione di servizio con la società pubblica E.S.Co. B.I.M. e Comuni del Chiese S.p.A. che si occuperà della gestione futura…

Leggi tutto…

Ha preso il via nella centrale di cogenerazione che alimenta la rete di distribuzione del calore di Tirano (Sondrio) di Tcvvv, la sperimentazione del nuovo sistema messo a punto da Rse per il trattamento dei fumi di combustione delle biomasse. Un’unica soluzione che consente l’abbattimento del particolato di combustione e la riduzione degli NOx…

Leggi tutto…

È stata inaugurata ufficialmente la centrale di cogenerazione che alimenta il sistema di teleriscaldamento a servizio dell’area dell’Altipiano, progetto realizzato da Wedge Power, con un investimento di 40 milioni di euro. La rete si estende attualmente per 27 km, che saranno portati a 45 entro la fine del prossimo anno, e a questa sono state collegate, a partire dall’inizio di ottobre, già 77 utenze…

Leggi tutto…

La multiutility compie 10 anni e nell’ultimo report di sostenibilità traccia un bilancio di questa esperienza. Oltre 14,3 miliardi di euro la ricchezza distribuita dal 2008 e circa 6000 i nuovi assunti per una forza lavoro che ha superato le 11400 unità. Costante l’attenzione all’ambiente, grazie agli investimenti in energia rinnovabile e nell’efficienza e allo sviluppo del teleriscaldamento che hanno evitato l’emissione di 20 milioni di tonnellate di CO2 …

Leggi tutto…

L’amministrazione cittadina pronta a dare una svolta al progetto lanciato circa 20 anni fa, che prevedeva l’utilizzo del calore di scarto del sito di Acciai Speciali Terni per alimentare la rete che doveva fornire calore a 4000 utenze dei quartieri di Borgo Bovio e Sant’Agnese. Rete impianti sono stati realizzati, ma una serie di problemi tecnici ha impedito l’avvio del servizio …

Leggi tutto…