Hera estende il Teleriscaldamento di Ferrara

Ferrara sempre più green e sempre più teleriscaldata. Hera si appresta a dare il via ai lavori di estensione della rete che porteranno il servizio al quartiere Barco, nella zona Nord della città.

I lavori per l’estensione della rete sono suddivisi in tre lotti dei quali il primo partirà nella prima parte di questo mese. Il primo lotto prevede la posa di 1,5 di nuove condotte alle quali entro l’estate saranno collegate parte del quartiere, la palestra e alcuni immobili di edilizia residenziale dell’Acer, l’ente che si occupa della gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Una volta completati i tre lotti, la rete di teleriscaldamento sarà implementata in totale di 3 chilometri, che garantiranno una miglior efficienza energetica e un risparmio di emissioni in aria di circa 1850 tonnellate di CO2.

L’investimento per la nuova estensione è stato calcolato in 2,5 milioni di euro, finanziati per circa 400.000 euro da Comune e Acer, quest’ultima contribuirà con 224.000 euro, mentre la parte restante, quindi 2,1 milioni, sarà messa da Hera.

Particolarmente significativo l’impatto, sul piano economico, sociale e ambientale, dell’arrivo della rete negli immobili di edilizia residenziale pubblica. A Barco, infatti, Acer ha provveduto a un’importante opera di riqualificazione degli edifici, recuperando, o costruendo ex novo, 360 alloggi, dei quali 152 verranno raggiunti dal primo stralcio dei lavori. Insieme a un netto incremento dell’efficienza energetica, il teleriscaldamento garantirà un notevole risparmio agli utenti già fragili che abitano le case, con benefici anche per l’ente che non dovrà più acquistare caldaie: solo evitando la loro sostituzione Acer ha calcolato un risparmio di spesa di circa 500.000 euro. Risparmio che va a sommarsi all’incremento di valore del patrimonio edilizio.

I nuovi lavori si aggiungono a quelli, in fase di realizzazione avanzata, che Hera sta portando avanti per fornire il servizio allo studentato delle Corti di Medoro, altro notevole progetto di riqualificazione urbana che il Comune, tramite Acer sta portando avanti. Si tratta di un complesso residenziale frutto della riqualificazione di un intero quartiere, che ospiterà alloggi, il Cohousing, una biblioteca di quartiere e la nuova sede della polizia municipale.

La rete, nel suo complesso, una volta concluse tutte le sue estensioni, arriverà a servire circa 25.000 appartamenti.


Leggi anche

Investimenti in crescita del 10% nel nuovo piano industriale. Iren destinerà i due terzi ai servizi regolati, in particolare l’idrico, per potenziare, ammodernare e digitalizzare le infrastrutture. La parte restante pari a 1,3 miliardi di euro sarà riservata alla crescita dimensionale del Gruppo: nel settore ambientale, con lo sviluppo di impianti di selezione e trattamento; nel teleriscaldamento, con l’estensione delle reti; nel gas …

Leggi tutto…

Nel 2006 sembrava cosa fatta: il Comune con l’allora Asm Brescia e Pessina Costruzioni aveva siglato un accordo per realizzare l’infrastruttura di distribuzione del calore a servizio della città. Un progetto che prevedeva la costruzione di una centrale e una rete dell’estensione di 25 chilometri però subito naufragato. Ora se ne riparla, ma affidando l’integrità dei lavori a un operatore privato …

Leggi tutto…

Lavori terminati nella frazione di Cuneo, dove Edison, con un investimento di 4 milioni di euro, ha realizzato un nuovo impianto di teleriscaldamento. Il sistema si compone di una rete di 2 chilometri di estensione, alla quale sono collegate oltre 350 utenze, e di una centrale alimentata a cippato, proveniente dalla pulizia dei boschi circostanti…

Leggi tutto…

L’ente ha stanziato 135.000 euro per i lavori di estensione della rete, alimentata con fonte geotermica, a servizio del comune della provincia di Grosseto. Le opere programmate da Amiata Energia permetteranno di collegare all’infrastruttura l’area del centro storico Terziere di Castello. Il nuovo finanziamento si aggiunge a quello che l’Autorità Idrica aveva stanziato lo scorso anno, per un totale di 300.000 euro, e al milione proveniente dai fondi geotermici regionali…

Leggi tutto…

Proseguono i Lavori di GES per estendere il servizio a tutto il territorio del comune dell’Amiata. L’opera, suddivisa in tre lotti, ha un costo di 8 milioni di euro: permetterà di collegare alla rete circa 1100 utenze, per una volumetria di un milione di metri cubi e una popolazione di oltre 4000 abitanti, fornendo energia pulita per il riscaldamento e l’acqua calda sanitaria …

Leggi tutto…