Hera Luce procede al restyling dell’illuminazione a Trieste

Prosegue l’intervento di efficientamento dell’illuminazione pubblica di Trieste. A occuparsene è Hera Luce, che dalla fine dello scorso anno ha già sostituito oltre 1200 impianti luminosi obsoleti con nuove luci a led in tutta l’area cittadina, su 23.000 totali.

Questa prima parte dei lavori, che entro l’estate vedranno la sostituzione di altri 300 punti luce, ha già cominciato a dare i suoi frutti. Oltre 380.000 kWh di energia elettrica sono stati risparmiati e l’emissione di CO2 in atmosfera è stata ridotta di più di 200 tonnellate.

Ma, appunto, si tratta solo del tratto iniziale del progetto di riqualificazione energetica che alla sua conclusione garantirà ai cittadini un’illuminazione pubblica di nuova tecnologia, più efficiente, amica dell’ambiente e con una maggiore sostenibilità anche economica.  

Nel primo semestre del 2020 saranno sostituiti, infatti, un altro migliaio di apparecchi, garantendo un ulteriore risparmio sui consumi di elettricità di 320.000 kWh, corrispondenti a più di 170 tonnellate di CO2 risparmiate in atmosfera.

Nel complesso, per il quadriennio 2016-2019, grazie a un investimento di circa 11 milioni di euro, si eviterà ogni anno il consumo di oltre 700.000 kWh, nonostante gli interventi comportino non solo la sostituzione di punti luce esistenti, ma l’integrazione di ulteriori impianti luminosi in zone finora sprovviste o meno illuminate. Gli interventi di sostituzione e integrazione dei corpi illuminanti, ai quali si aggiungono diversi impianti semaforici, prevedono l’utilizzo di luci a led di ultima generazione, opportunamente dimensionate per soddisfare le diverse esigenze illuminotecniche imposte dalle normative vigenti.


Leggi anche

Il prestito avrà scadenza fra 22 anni e servirà a sostenere gli investimenti del gestore della rete di trasmissione elettrica finalizzati a migliorare l’affidabilità e la qualità dell’infrastruttura nazionale, puntando in particolare all’impiego di tecnologie avanzate ed ecocompatibili. Con questa erogazione salgono a 2,15 miliardi di euro i finanziamenti in essere della Bei a Terna…

Leggi tutto…

Lungo 445 chilometri, dei quali 423 sottomarini, l’elettrodotto collega le stazioni elettriche di Cepagatti, in provincia di Pescara, e Lastva, nel comune di Kotor. La sua entrata in esercizio, entro fine anno, permetterà di diversificare gli approvvigionamenti, rafforzare l’affidabilità, l’efficienza, la sicurezza, la sostenibilità ambientale e la resilienza delle reti elettriche delle due sponde adriatiche…

Leggi tutto…

Dopo quello di Torino, Terna inaugura il suo secondo laboratorio dedicato allo sviluppo di idee innovative a servizio della rete elettrica. Il centro di Napoli sarà focalizzato in particolare sul Digital to People, ovvero sulla trasformazione digitale dei processi aziendali e l’innovazione degli strumenti nell’area delle risorse umane e dell’organizzazione…

Leggi tutto…

Con 4 miliardi di ricavi, un contributo al Pil di 2,5 miliardi, 28.000 posti di lavoro attivati in Italia la multiutility costituisce una delle principali realtà industriali nazionali. Una realtà che vuole essere attore chiave per lo sviluppo dei territori serviti, con 3,3 miliardi di investimenti nei prossimi 5 anni, puntando su sostenibilità, economia circolare e innovazione dei servizi …

Leggi tutto…

Vertice tra i tecnici delle due società per fare il punto sull’avanzamento delle opere di interconnessione delle reti idriche del Sud pontino con l’Acquedotto della Campania Occidentale. Un’opera da 7 milioni di euro che attraverso la realizzazione di una condotta di collegamento dell’estensione di 11 chilometri garantirà oltre 5 milioni di metri cubi di acqua annui in più alle popolazioni del basso Lazio…

Leggi tutto…