Hera Luce procede al restyling dell’illuminazione a Trieste

Prosegue l’intervento di efficientamento dell’illuminazione pubblica di Trieste. A occuparsene è Hera Luce, che dalla fine dello scorso anno ha già sostituito oltre 1200 impianti luminosi obsoleti con nuove luci a led in tutta l’area cittadina, su 23.000 totali.

Questa prima parte dei lavori, che entro l’estate vedranno la sostituzione di altri 300 punti luce, ha già cominciato a dare i suoi frutti. Oltre 380.000 kWh di energia elettrica sono stati risparmiati e l’emissione di CO2 in atmosfera è stata ridotta di più di 200 tonnellate.

Ma, appunto, si tratta solo del tratto iniziale del progetto di riqualificazione energetica che alla sua conclusione garantirà ai cittadini un’illuminazione pubblica di nuova tecnologia, più efficiente, amica dell’ambiente e con una maggiore sostenibilità anche economica.  

Nel primo semestre del 2020 saranno sostituiti, infatti, un altro migliaio di apparecchi, garantendo un ulteriore risparmio sui consumi di elettricità di 320.000 kWh, corrispondenti a più di 170 tonnellate di CO2 risparmiate in atmosfera.

Nel complesso, per il quadriennio 2016-2019, grazie a un investimento di circa 11 milioni di euro, si eviterà ogni anno il consumo di oltre 700.000 kWh, nonostante gli interventi comportino non solo la sostituzione di punti luce esistenti, ma l’integrazione di ulteriori impianti luminosi in zone finora sprovviste o meno illuminate. Gli interventi di sostituzione e integrazione dei corpi illuminanti, ai quali si aggiungono diversi impianti semaforici, prevedono l’utilizzo di luci a led di ultima generazione, opportunamente dimensionate per soddisfare le diverse esigenze illuminotecniche imposte dalle normative vigenti.


Leggi anche

Un ruolo significativo nella produzione del giunto saldato è svolto dalla fonte di energia: “la macchina saldatrice”. L’ energia ha due importanti funzioni: portare allo stato di fusione il polietilene di entrambi i componenti, ovvero raccordo e tubo; consentire alle catene molecolari di entrare in contatto tra loro in modo tale che, quando la fornitura di energia è terminata, possano produrre un giunto affidabile.

Leggi tutto…

Superano i 600 milioni di euro gli investimenti previsti dall’accordo di programma siglato tra le tre realtà per rendere la rete elettrica più sicura, efficiente e sostenibile. Tra i principali progetti, il nuovo collegamento tra Sicilia-Sardegna-Continente, la realizzazione di due nuovi elettrodotti nell’isola e il riassetto della rete di Palermo, Catania e Messina …

Leggi tutto…

Il progetto, incluso nella convenzione sottoscritta tra il Comune e la società, prevede la sostituzione di oltre 36.000 punti luce esistenti con nuove lampade al led, 764 punti di prelievo dell’energia elettrica, delle 753 lanterne semaforiche e dei 55 impianti di funzionamento semaforico. A questo si aggiunge l’installazione di 2000 nuovi impianti abilitati per funzioni di smart city. La durata della concessione è di nove anni per un valore di oltre 32 milioni di euro…

Leggi tutto…

La società francese si è aggiudicata la gara, pubblicata lo scorso ottobre, per la gestione e il rinnovo del servizio di illuminazione pubblica nella città toscana. Il bando del Comune prevedeva la concessione del servizio per 10 anni e il rinnovo di ben 6300 punti luce, per un importo base di oltre 7,3 milioni di euro …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto la posa di 5,5 km di linea interrata e il rinnovo di un tratto di rete aerea dell’estensione di un chilometro ed è stato realizzato con un investimento di un milione di euro. Rientra nelle opere del Progetto Resilienza che la società porta avanti in Toscana per rendere il sistema elettrico più resistente, automatizzato ed efficiente…

Leggi tutto…