Hera Luce rinnova l’illuminazione di Trieste

Va avanti il piano di efficientamento dell’illuminazione pubblica di Trieste portato avanti da Hera Luce. La società del Gruppo Hera, nel corso di quest’anno, ha già sostituito oltre 810 punti luce con lampade di vecchia generazione con nuove lampade a LED. Entro la fine dell’anno sono previste ulteriori 460 sostituzioni. In pratica a fine 2020 oltre 1300 punti luce saranno a LED, garantendo un risparmio sui consumi di energia, rispetto alla tecnologia precedente del 50%.

Il progetto di riqualificazione dell’illuminazione pubblica

Il progetto è sostenuto da un investimento di ben 4 milioni di euro, da parte del Comune di Trieste. Il comune ha consentito anche di potenziare il servizio in zone della città dove risultava scarso o addirittura assente. La tecnologia LED garantisce: 

  • una migliore qualità dell’illuminazione
  • tempi più lunghi dei corpi illuminanti 
  • meno guasti
  • riduzione degli interventi di manutenzione e sostituzione
  • benefici dell’arredo urbano (grazie all’interramento della rete)

Ma il piano, oltre che a criteri di funzionalità, mira a ottenere anche importanti risultati sul piano della sostenibilità. A partire dall’abbattimento dei consumi di energia necessari per alimentare il sistema di illuminazione, stimati in circa il 50% rispetto a prima, che si tradurranno in una notevole riduzione delle emissioni di CO2. Tutti i nuovi punti luce, inoltre, sono stati realizzati con un’alta percentuale di materiali riciclabili che permetteranno così il recupero della maggior parte delle materie prime al termine della vita utile degli impianti.


Leggi anche

Messo a punto da Rivieracqua con il commissario all’ATO idrico del Ponente, il piano prevede otto lotti di lavori e sarà realizzato con un finanziamento di 29 milioni di euro. Obiettivo è risolvere la crisi idrica che da anni attanaglia il Golfo del Dianese, dovuta alla vetustà dell’acquedotto del Roia. I primi due lotti, da 6,8 milioni, con la posa delle nuove condotte del Roia 1 tra Imperia e Cervo, potrebbero partire all’inizio del prossimo anno….

Leggi tutto…

Suddiviso in 4 lotti, il piano prevede la posa di 1,7 chilometri di condotte che costituiranno il nuovo collettore fognario che permetterà di convogliare i reflui di 400 utenze, non ancora collegate alla rete, all’impianto di depurazione. Nelle stesse aree il gestore procederà anche con il rinnovo della rete idrica, circa 1,5 km di condotte interessate, e la posa di 700 metri di tubazioni in zona Nazzaro. L’investimento complessivo è di oltre un milione di euro….

Leggi tutto…

Nasce il RAB, organo autonomo e indipendente che garantirà la condivisione delle informazioni, il dialogo e il confronto sulle attività della Biopiattaforma, la struttura carbon neutral dedicata all’economia circolare che riunirà il termovalorizzatore e il depuratore di Sesto San Giovanni….

Leggi tutto…

Ijinus produce logger funzionanti a batteria, dal piccolo ingombro, dotati di trasmissione dati su più piattaforme, resistenti a condizioni estreme, semplici da usarsi. Cavalli di battaglia sono: i misuratori di livello a batteria, nati per lavorare in fognatura e con un software brevettato per leggere con precisione e non avere problemi con eventuali ostacoli nel cono degli Ultra Suoni; i sensori di tracimazione o overflow….

Leggi tutto…

Stefano Donnarumma Terna

L’assemblea dei soci ha rinnovato il consiglio di amministrazione, tra l’altro ampliato nel numero, del gestore della rete elettrica nazionale. Donnarumma, dimessosi da Acea, è il nuovo amministratore delegato e direttore generale della società, mentre Bosetti è stata eletta alla presidenza. Succedono, rispettivamente, a Luigi Ferraris e Catia Bastioli, e resteranno in carica fino al 2022 …

Leggi tutto…