Hera vede green il futuro dei servizi a rete, grazie alla plastica riciclata


Reti elettriche e fognature il primo banco di prova per la sperimentazione avviata dal Gruppo Hera sull’utilizzo di tubazioni in Pe realizzate con materie plastiche riciclate di provenienza certificata.
Le nuove tubazioni sono frutto di un lavoro di ricerca nato all’interno del Gruppo, mettendo a frutto le competenze di Aliplast, società di Herambiente specializzata nel trattamento e riciclo della plastica, e dei tecnici di Hera, che hanno identificato alcuni primi utilizzi e le caratteristiche tecniche/meccaniche che i tubi devono possedere per tali impieghi. Per lo sviluppo della loro preproduzione e per i collaudi in laboratorio, Hera si è poi avvalsa delle competenze di Idrotherm 2000, azienda di Lucca attiva nella produzione di tubazioni per servizi a rete, che ha permesso di mettere a punto un tubo di polietilene multistrato a basso impatto ambientale, con un contenuto derivante per almeno il 70% da materiale di recupero e, come tale, certificato Pvs (Plastica seconda vita).
Realizzate senza incrementi di costo e con prestazioni tecniche identiche a quelle garantite da soluzioni realizzate con utilizzo esclusivo di materia prima vergine, le tubazioni hanno già fatto il loro esordio in cantiere. Circa un chilometro di condotte è stato posato nei lavori sulla rete elettrica svolti in parte nel territorio di Modena e parte in quello di Imola. A gennaio prenderà il via un secondo cantiere che, invece, vedrà la posa di due chilometri di rete fognaria nel comune di Bellaria-Igea Marina, portando così un ulteriore valore aggiunto al piano per la salvaguardia della balneazione di Rimini, una delle maggiori opere di risanamento fognario condotte nel nostro paese.
Ma molto altro si potrà fare in futuro. Dopo questa prima fase di sperimentazione, la nuova modalità di realizzazione delle tubazioni potrebbe essere estesa ad altri cantieri e, in prospettiva, ad altri impieghi, consentendo di raggiungere importanti obiettivi di sostenibilità. Il Gruppo ha infatti calcolato che, sulla base dei metri di nuove tubazioni che le sue società posano nell’arco di un anno, l’utilizzo della plastica riciclata potrebbe garantire un risparmio di CO2 stimato, per la sola rete elettrica, in 126,6 tonnellate annue.


Leggi anche

Approvato il progetto della nuova linea che unirà l’isola alla terraferma. La nuova linea collegherà le cabine primarie di Colmata, a Piombino, e di Portoferraio, nell’Elba. Avrà un’estensione di 37 chilometri, dei quali 34 posati sotto il livello del mare e 3 interrati. Gli approdi verranno realizzati con la tecnica no-dig della perforazione teleguidata (TOC). Il costo dell’infrastruttura è di 90 milioni di euro….

Leggi tutto…

La Regione ha approvato un bando finalizzato ad efficientare e ammodernare gli impianti di pubblica illuminazione. Il bando si rivolge esclusivamente ai comuni con una popolazione fino a 5.000 abitanti e mette a disposizione in totale 15 milioni di euro. Gli interventi ammessi devono essere realizzati, collaudati e rendicontati entro il 30 novembre 2023…

Leggi tutto…

La società sta concludendo la prima parte delle opere finalizzate a dotare la cittadina bergamasca di un nuovo sistema di teleriscaldamento. Il progetto, da 5 milioni di euro, prevede la costruzione di una nuova centrale di cogenerazione ad alta efficienza, il rifacimento della rete di distribuzione del calore esistente e la sua estensione per almeno altri 6 chilometri per servire nuove zone….

Leggi tutto…

Sono 31 i Comuni che hanno aderito al grande progetto di rinnovamento dell’illuminazione pubblica promosso dalla Comunità Montana di Valle Sabbia. Un piano, da 46 milioni di investimento in 16 anni, che, partendo dalla riqualificazione degli impianti, porterà all’implementazione di innovativi servizi di smart city. A realizzarlo sarà Citelum, tra le maggiori realtà internazionali del settore…

Leggi tutto…

Iniziato l’iter autorizzativo per la linea Santa Teresa-Tempio-Buddusò, un nuovo elettrodotto da realizzare nel Nord della Sardegna e funzionale al fabbisogno estivo e alla decabonizzazione dell’isola. Insieme alla rete, che si svilupperà per 90 km, attraversando otto comuni della Gallura, saranno realizzate due stazioni elettriche, con un investimento di 65 milioni di euro….

Leggi tutto…