Hydrantech: gli idranti diventano intelligenti

Va da sé che, più è capillare il sistema di monitoraggio migliore è la conoscenza e la gestione sia delle perdite che delle Non Revenue Water.
 

Il monitoraggio delle reti idriche deve tenere conto di tutte le componenti di una rete.

PIPECARE è impegnata ad implementare diverse soluzioni di monitoraggio, dall’andamento idraulico di interi distretti al monitoraggio delle singole tubazioni e recentemente con la soluzione Hydrantech è possibile monitorare anche gli idranti presenti nelle reti urbane o sulle reti antincendio.

Infatti, è proprio sugli idranti che spesso bisogna concentrarsi per tenere alla massima efficienza un sistema necessario in caso di emergenza e, allo stesso tempo, evitare che diventi una fonte di perdita di acqua piuttosto che di prelievi illeciti o non autorizzati che sono, in ogni caso, una perdita di fatturato per le aziende.

Esempio di sensore Hydrantech montato su idrante fuori terra

 

La soluzione Hydrantech, fornita in esclusiva da PIPECARE, assolve alle seguenti funzioni specifiche:
  • monitoraggio acustico e del rumore di ogni bocca di idrante
  • monitoraggio ambientale delle temperature di esercizio della rete e della pressione
  • livello di apertura delle valvole di idrante

È sostanzialmente un sistema avanzato di sensori IoT multi-parametrici, che dialogano con una piattaforma on-line fornita in SaaS e su qualunque sistema mobile, dove si può valutare stato degli idranti, allarmi, prelievi non autorizzati di acqua, impostare soglie di utilizzo e di allarme e mappare sul sistema GIS tutti gli idranti in rete per una facile localizzazione in caso di necessità, per gestire la manutenzione ordinaria e anche gestire eventi straordinari.

Suite completa in SaaS su PC e mobile, per il monitoraggio degli idranti

 
Hydrantech è un sistema che sfrutta l’intelligenza artificiale per meglio interpretare i dati provenienti dalla rete di sensori, conserva i dati ed i log registrati anche per una successiva analisi ed è facilmente programmabile dai tecnici della manutenzione in campo.

Se per un gestore idrico il monitoraggio degli idranti antincendio, sotto suolo o sopra suolo, è un tema di efficienza complessiva della rete e di gestione delle NRW, non è così per un operatore industriale.

Per un operatore industriale, infatti, diventa ancora più critico conoscere in tempo reale lo stato dell’impianto antincendio. Da esso infatti ne deriva la facoltà di continuare ad operare in sicurezza il proprio impianto produttivo e ridurre i costi di acqua, di energia elettrica e manutenzione complessiva.

Scarica qui il PDF dell’articolo pubblicato sulla rivista Servizi a Rete edizione n. 6 novembre-dicembre 2020

 


Leggi anche

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…

AcegasApsAmga, Acquedotto del Carso, Acquedotto Poiana, CAFC, Hydrogea, Irisacqua e LTA – i sette gestori idrici della regione Friuli-Venezia Giulia – si sono costituiti in un raggruppamento temporaneo d’impresa per lavorare a un programma di opere funzionali a interconnettere le loro reti. L’obiettivo è di garantire la sicurezza nell’approvvigionamento idrico ai territori alla luce delle sfide generate dai cambiamenti climatici. …

Leggi tutto…

L’intervento sarà completato entro la fine dell’anno e consentirà agli oltre 400 abitanti della frazione di Massa Macinaia del comune lucchese di fruire di un sistema di scarico e raccolta dei reflui. Reflui che saranno convogliati al depuratore, riducendo gli scarichi diretti nel reticolo idraulico secondario. I lavori, suddivisi in tre fasi, hanno visto la posa di oltre 2 chilometri di nuove condotte, con un investimento complessivo di 1,9 milioni di euro. …

Leggi tutto…

Le risorse verranno utilizzate dai 12 gestori veneti raccolti nel consorzio per nuovi interventi finalizzati a potenziare le reti idriche, ad estendere quelle fognarie, a costruire nuovi depuratori e a migliorare il trattamento dei reflui. Un impegno in continuità con quello degli ultimi anni: solo nei primi nove mesi di quest’anno gli investimenti hanno toccato i 145 milioni di euro, mentre sono stati pari a 459 milioni nel 2019….

Leggi tutto…

I lavori hanno interessato la frazione di Staro, dove il gestore idrico di 68 comuni della provincia di Vicenza ha realizzato 2,5 chilometri di nuove fognature e due stazioni di sollevamento. Inoltre, è stata costruita una linea dedicata alle acque meteoriche e sostituite alcuni porzioni di rete acquedottistiche, con un investimento complessivo di 1,3 milioni di euro….

Leggi tutto…