I 50 anni della linea rossa


Sono passati 50 anni dalla partenza del primo treno della “Linea 1” della metropolitana di Milano: era il 1° novembre 1964 veniva inaugurata la prima linea del metrò che collega con le sue 21 stazioni Piazzale Lotto a Sesto Marelli. Una grande infrastruttura con la quale la Milano del boom economico e dell’immigrazione si presentava al mondo con l’ambizione di assurgere a metropoli moderna e dinamica che guarda con ottimismo al proprio futuro. Un’opera all’avanguardia, che in virtù delle scelte tecniche, estetiche e funzionali, riscosse l’ammirazione di tutta Europa, e realizzata grazie al contributo dei cittadini, che convissero pazienti con i cantieri, che si protrassero dal 1957 al 1964, e che sottoscrissero un prestito obbligazionario per consentirne il finanziamento. Metropolitana Milanese (MM) festeggia l’anniversario con una mostra fotografica itinerante, inaugurata ieri presso la sala Buzzati – Fondazione Corriere della Sera alla presenza di Davide Corritore, Presidente di MM, Stefano Cetti, Direttore generale, del vicesindaco Ada Lucia De Cesaris e di Erberto Botti, allora Direttore costruzioni di MM e cervello dell’opera.

Nella foto all’inizio del testo, Stefano Cetti, Direttore generale di MM

 


Leggi anche

Un alto livello tecnologico caratterizza le soluzioni Cleantech messe a punto da A2A Smart City per il settore immobiliare. Sistemi che sfruttano il potenziale delle più avanzate tecnologie digitali, come l’intelligenza artificiale e il machine learning per garantire, con investimenti contenuti, l’abbattimento dei consumi di energia….

Leggi tutto…

Il sistema informativo digitale della costruzione composto dal modello 3D è integrato con i dati fisici, prestazionali e funzionali. BIM è il risultato di un’attenta ricerca ed è anche lo strumento utile per la gestione del SII. In questo incontro si porteranno i partecipanti ad ottenere una elevata comprensione di questo utile strumento incentrando il tema soprattutto sulle possibilità offerte e le differenti auspicabili applicazioni. Clicca qui per leggere gli abstract e per riservare il tuo posto.

Leggi tutto…

A Locana, nella frazione Praie, su un’area di quasi tre ettari, verrà costruito il potabilizzatore di SMAT che, a pieno regime, fornirà acqua di alta montagna a 128.000 abitanti. Il costo complessivo dell’opera ammonta a 254,5 milioni di euro ed è finanziato per 93 milioni dal PNRR e per 36 milioni dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, nell’ambito del “Fondo per l’avvio di opere indifferibili”….

Leggi tutto…

La multiutility in 6 mesi ha realizzato 25 interventi urgenti nei cinque comuni della provincia di Pesaro Urbino dall’alluvione del settembre 2022 per un investimento di quasi 5,2 milioni di euro. Le opere riguardano il ripristino del sistema fognario e depurativo e delle reti idriche. Resta da concludere il solo intervento a Cagli, avviato di recente, dove verranno posate nuove condotte fognarie lungo gli argini del torrente Burano….

Leggi tutto…

Non c’è futuro senza acqua. Lo afferma il report del World Economic Forum 2023 che stima in 346 milioni di metri cubi il volume d’acqua non fatturata persa ogni giorno nel mondo. La scarsità d’acqua non affligge solo le regioni aride, rurali e sottosviluppate ma sempre di più anche le aree urbane dei paesi sviluppati. Le novità in ambito IoT, in particolare nelle Long Range Wide Area Network (ex: LoraWAN ®), abilitano l’installazione di sistemi di monitoraggio avanzato e la conseguente trasformazione dalle reti tradizionali in smart grid idriche….

Leggi tutto…