I comuni della Valtellina puntano sul teleriscaldamento a biomassa

È il teleriscaldamento a biomassa la soluzione individuata da tre comuni valtellinesi per soddisfare la propria domanda di energia termica e acqua calda sanitaria di utenze pubbliche e private. Si tratta di tre comuni del famoso passo del Mortirolo:

  • Tovo di Sant’Agata
  • Mazzo di Valtellina
  • Lovero.

Ad annunciare la scelta, nel corso di un convegno svoltosi a Mazzo e organizzato da FIPER (Federazione Italiana Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili) a Mazzo, all’interno del progetto europeo BeCOOP, i primi cittadini delle tre comunità, rispettivamente:

  1. Giambattista Pruneri
  2. Franco Saligari
  3. Annamaria Saligari.

 

Puntare sulle risorse del territorio

La decisione è arrivata dopo il definitivo tramonto del progetto di metanizzazione dell’alta Valle. Progetto promosso da 2i Rete Gas, secondo operatore nazionale della distribuzione gas, che però a inizio giugno ha deciso di rinunciare a causa di una serie di problematiche sorte, tra le quali la mancata approvazione dei tracciati interni da parte di alcuni Comuni.

Da qui la scelta dei tre sindaci di puntare sulle risorse presenti nel territorio per garantirsi la fornitura di energia termica, ma anche elettrica. Il sistema di teleriscaldamento, e la centrale di cogenerazione a questo associato, sarà infatti alimentato a biomassa legnosa, materia prima abbondante nell’area interessata. Una soluzione green e sostenibile al 100%, in quanto la biomassa utilizzata sarà quella derivante dalla gestione dei boschi locali.

A breve sarà avviato lo studio per la progettazione del sistema. A promuovere l’iniziativa, a fianco dei tre comuni, FIPER, e il Politecnico di Milano, come partner tecnico-scientifico.

 

Energia green motore dello sviluppo

L’utilizzo delle fonti rinnovabili assicurerà ai tre comuni diversi vantaggi. Oltre a ridurre la loro impronta ecologica, permetterà di attivare un circolo virtuoso tra la cura dei boschi, necessaria anche per prevenire disastri ambientali durante i sempre più frequenti eventi meteorologici violenti, e la gestione della filiera bosco-legno-energia. Questa potrà rappresentare anche una garanzia economica soprattutto in una fase di forte instabilità dei prezzi e della disponibilità di fonti fossili legata alla crisi ucraina. Inoltre, potrà dare impulso allo sviluppo locale, fornendo approvvigionamento energetico green a supporto del comparto civile e di quello produttivo della valle, vero motore economico del territorio.

 

Vetrina per le Olimpiadi

Grande soddisfazione per l’orientamento dei tre comuni è stata espressa da Walter Righini, presidente FIPER. «Siamo fiduciosi anche in vista delle Olimpiadi 2026 di dimostrare con progetti concreti che è possibile per i comuni montani essere autonomi dalle fonti fossili e promuovere fattivamente l’economia circolare, a partire dall’impiego sostenibile del legno e suoi residui», ha commentato.

 


Leggi anche

Fondamentale momento di confronto e di ascolto con gli stakeholder, le consultazioni permetteranno a tutti gli interessati di esprimere le proprie osservazioni sul documento che orienterà l’azione dell’Autorità nei prossimi 4 anni. Tutela ed empowerment del consumatore, transizione energetica giusta e digitalizzazione i temi al centro del nuovo Quadro …

Leggi tutto…

COPA-DATA Italia presenta le funzionalità software studiate per l’automazione, il controllo e la supervisione di impianti per la produzione e la distribuzione dell’energia, oltre all’integrazione con le smart grid. In questo webinar, relatori altamente specializzati racconteranno perché zenon è il software ideale per la vostra sala di controllo e per gestire le infrastrutture delle smart city del futuro….

Leggi tutto…

Il nuovo presidio fa parte dell’Unità operativa Foligno-Spoleto e gestisce gli impianti elettrici di media e bassa tensione nei territori comunali di Norcia, Cascia, Preci, Monteleone di Spoleto, Poggiodomo e Sellano. Rappresenta anche un nuovo tassello nella ricostruzione della città di San Benedetto dopo il sisma del 2016, città nella quale la società vuole realizzare una delle smart grid più innovative della Penisola…

Leggi tutto…

Gli otto principali operatori europei delle reti elettriche di trasmissione, tra le quali Terna, hanno deciso di fare squadra per arrivare all’obiettivo della neutralità carbonica al 2050. Lo sviluppo di reti favorirà l’integrazione delle rinnovabili, l’elettrificazione dei consumi, la lotta alle perdite di rete….

Leggi tutto…

Valore della produzione oltre i 600 milioni di euro, investimenti per 172,8 milioni, la produzione di energia da fonte rinnovabile più che raddoppiata rispetto al 2017 e le emissioni di CO2 ridotte di 3.000 tonnellate. Sono alcuni dati del rapporto sull’attività del gestore idrico pugliese nello scorso anno, che mostra come il miglioramento dei dati economici dell’azienda procede in parallelo agli importanti risultati conseguiti sul fronte della sostenibilità. …

Leggi tutto…