I.de.e per la depurazione nella Valle del Chiampo


Un protocollo d’intesa per un sistema di depurazione più efficiente nella Valle del Chiampo. Il suo nome è I.de.e, acronimo di Intesa Depurazione Efficiente, ed è stato siglato da Medio Chiampo spa, il gestore del servizio idrico integrato di alcuni comuni della provincia di Vicenza, Distretto della Pelle, Fondazione Ca’ Foscari, Consulta di Medio Chiampo spa, i comuni di Montebello Vicentino, Zermeghedo e Gambellara, Viveracqua e Lions Club di Arzignano.
Il protocollo si pone come obiettivo di progettare la depurazione del futuro, proponendosi di affrontare le problematiche legate a questo settore con un approccio diverso, che riunisca diversi protagonisti: le aziende, una società pubblica che ha come compito principale la depurazione, istituzioni e associazioni territoriali volte a promuovere lo sviluppo del territorio e ad accogliere i migliori progetti di innovazione.
«Questa iniziativa è parte integrante del nostro piano di sviluppo che, insieme agli investimenti già realizzati e in programmazione, comprende la riprogettazione dei sistemi di depurazione – ha spiegato il presidente di Medio Chiampo spa Giuseppe Castaman –. Aspetto che abbiamo già indicato nel nuovo Accordo di programma».


Leggi anche

Approvato l’accordo di programma con Comune e Aertre per la realizzazione del collettore fognario che raccoglierà i reflui del quartiere San Giuseppe e quelli provenienti dall’area dell’aeroporto per convogliarli al depuratore principale. L’opera, dal costo di 2,8 milioni di euro, vedrà la posa di oltre 1600 metri di condotte in gravità e 400 metri di condotte in pressione…

Leggi tutto…

Infrastrutture, sostenibilità e innovazione al centro del documento, presentato a Grosseto nella sede del gestore idrico dell’Ato 6 Toscana. Insieme al potenziamento di reti e impianti previsto un forte impegno nella digitalizzazione dei servizi, alla quale è destinato l’11% del budget, con l’installazione di 130.000 smart meter, nella riduzione dei fanghi di depurazione e nello sviluppo di progetti di economia circolare…

Leggi tutto…

Ammonta a 6 milioni di euro l’investimento previsto per potenziare la rete di raccolta dei reflui a servizio della località balneare toscana. Un progetto che consentirà di evitare i potenziali rischi di sversamento delle acque nere nella Gora, il piccolo fiume che attraversa la cittadina il cui mare si fregia della Bandiera Blu. A marzo la pubblicazione del bando…

Leggi tutto…

L’azienda che gestisce il servizio idrico nella città di Messina ha presentato al ministero dell’Ambiente il piano di opere, con la richiesta di finanziamento. Questo prevede interventi per oltre 50 milioni per le reti di approvvigionamento e distribuzione dell’acqua potabile e il resto per fognature e depurazione. Tra questi ultimi la realizzazione dell’impianto Tono, da 40 milioni di euro…

Leggi tutto…

Gli interventi del valore complessivo di 3,2 milioni di euro interesseranno i comuni di Martignano e Nardò, in provincia di Lecce. A Martignano saranno posati 7,5 chilometri di nuovi tronchi fognari e sarà prolungata una condotta di distribuzione dell’acqua. A Nardò saranno completate le reti idriche e fognarie a servizio della frazione di Pagani, con la realizzazione di, rispettivamente, 3,5 e 3 chilometri di tubazioni …

Leggi tutto…