I distributori gas all’Europa: aprite al blending di idrogeno

Sono oltre 70 le realtà attive nel settore gas, innanzitutto distributori, firmatarie della lettera aperta inviata alla Commissione Europea. Contenuto della missiva: il riconoscimento del ruolo del blending di idrogeno e gas naturale nelle reti di distribuzione esistenti per accelerare la transizione sostenibile. Un ruolo strategico per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione europei e della Hydrogen Strategy UE pubblicata a luglio 2020.

I soggetti firmatari 

La richiesta di consentire di distribuire nelle reti miscele di idrogeno e metano è stata rivolta al vicepresidente esecutivo della Commissione Europea, Frans Timmermans, e ai vari commissari competenti:

  • Kadri Simson per l’Energia
  • Thierry Breton per il Mercato interno 
  • Virginijus Sinkevicius per Ambiente, oceani e pesca

Tra i firmatari anche Italgas e GD4S, la principale associazione dei distributori europei, presieduta proprio dall’Amministratore Delegato di Italgas, Paolo Gallo.

Sfruttare le infrastrutture esistenti

La lettera, tra le varie cose, sottolinea come l’impiego di miscele di idrogeno e gas naturale permetta di raggiungere risultati ambientali significativi, nel breve e medio termine. In più con costi notevolmente inferiori rispetto all’uso di infrastrutture dedicate. L’utilizzo di tali miscele costituisce, inoltre, la formula ideale per accompagnare il progressivo sviluppo dell’offerta di idrogeno sul mercato. In tale quadro, le infrastrutture di distribuzione esistenti, digitalizzati e tecnologicamente adeguate, costituiscono una soluzione fondamentale per portare l’idrogeno direttamente ai consumatori connessi alle reti del gas.

I sottoscrittori evidenziano, poi, come il blending permetta di attivare immediatamente il sector coupling. Una maggiore integrazione tra trasporto e distribuzione di elettricità e gas, fornendo al settore elettrico flessibilità e capacità di stoccaggio altrimenti difficilmente disponibili.

Un quadro normativo adeguato

Da qui la richiesta che i blending di idrogeno vengano adeguatamente riconosciuti nell’ambito del quadro normativo europeo sull’energia per consentirne una maggiore diffusione. Un aspetto fondamentale per permettere ai distributori di promuovere e sostenere gli investimenti destinati all’evoluzione delle loro reti. E quindi dotare il continente di un’infrastruttura in grado di accogliere e distribuire gas rinnovabili, come idrogeno, biometano e metano sintetico, che consentiranno di raggiungere il giusto mix energetico a emissioni zero.

 

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

In occasione del decennale della manifestazione dedicata alle migliori aziende dei servizi pubblici nei settori di energia, rifiuti e acqua, il gestore del servizio idrico della Città metropolitana di Milano ha ottenuto il premio Ten Years, dedicato all’utility “che nelle diverse edizioni ha primeggiato sia in specifiche aree, come l’innovazione e la sostenibilità, che nel complesso delle attività”…

Leggi tutto…

Al via in questo mese di febbraio i lavori per potenziare l’infrastruttura di distribuzione nel comune della provincia di Lucca. Interessata dall’opera la zona di San Pietro in Campo, che sarà finalmente metanizzata con la posa di oltre 1,3 chilometri di condotte. Alla rete saranno allacciate circa una quarantina di utenze, tra le quali diverse attività produttive per le quali l’arrivo del servizio rappresenta una leva di sviluppo…

Leggi tutto…

È al vaglio della Conferenza dei servizi il progetto per la realizzazione del nuovo digestore anaerobico della multiutility nella frazione Fossoli di Carpi. L’impianto produrrà gas rinnovabile da immettere nella rete dalla frazione organica dei rifiuti e sarà abbinato a un sistema per il recupero della CO2, evitandone l’immissione in atmosfera e rendendola disponibile per altri usi…

Leggi tutto…

Attraverso la controllata Snam4Environment, il gruppo ha sottoscritto un accordo con Asja per acquisire un portafoglio di impianti esistenti e progetti di sviluppo nel campo del trattamento della FORSU e produzione del gas rinnovabile. L’operazione, del valore di 100 milioni di euro, rientra nella strategia di crescita di Snam nel biometano per contribuire allo sviluppo di una filiera chiave nel percorso di transizione ecologica del Paese…

Leggi tutto…

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…