I distributori gas europei fanno squadra per lo sviluppo dell’idrogeno

Si chiama Ready4H2 (Ready for Hydrogen) la nuova iniziativa che riunisce le esperienze e l’expertise dei più importanti distributori gas europei per promuovere l’accesso all’idrogeno da parte dei consumatori e lo sviluppo dell’intera catena del valore.

A darle vita i distributori gas di 13 paesi europei, tra i quali Italgas, con l’obiettivo di mettere a fattor comune le rispettive competenze. L’obiettivo è di capire come, partendo da reti di distribuzione del gas “hydrogen ready”, si possa contribuire alla costruzione di un solido mercato europeo dell’idrogeno.

Le competenze da condividere comprendono anche quelle che gli operatori hanno sviluppato grazie alla collaborazione con tutti gli altri attori della filiera dell’idrogeno. In questo modo intendono fornire un quadro chiaro da mettere a disposizione dei decisori europei e nazionali per definire politiche pubbliche a supporto di un’economia dell’idrogeno.
 

Operatori di 13 Paesi

Oltre al principale operatore italiano, al progetto hanno aderito i distributori gas di Austria, Belgio, Danimarca Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia, Spagna, Svezia. Inoltre vi partecipano anche le organizzazioni Energy Community Secretariat, che rappresenta i distributori delle parti contraenti della Energy Community, Eurogas, Cedec, Marcogaz, Geode, Gerg e la società attiva nel settore delle piattaforme digitali, Locusview.

Ma l’iniziativa è aperta a tutte le organizzazioni e aziende che riterranno di aderire.
 

Tre studi per il prossimo anno

Andando un po’ nello specifico, i distributori di Ready4Hydrogen per l’immediato hanno fissato un primo target: realizzare tre studi entro febbraio del prossimo anno.

  • Il primo sarà una sorta di raccolta delle esperienze e conoscenze che hanno sviluppato nel corso di progetti e nella realizzazione di infrastrutture per l’idrogeno. Lo studio si focalizzerà anche sul coinvolgimento dei singoli distributori nello sviluppo della filiera nel proprio Paese e sull’evoluzione della strategia dell’idrogeno a livello nazionale

 

  • Il secondo riguarderà, più nello specifico, il contributo che possono dare alla catena del valore dell’idrogeno. Le esperienze degli operatori saranno trasformate in proposte per dare impulso alla filiera. Inoltre, verrà valutato il ruolo che ciascun distributore ricopre all’interno del proprio Paese e il suo contributo alla pianificazione strategica sul territorio. Un altro punto sarà il ruolo che il distributore ha ricoperto negli anni nel mercato gas e come l’esperienza e le competenze sviluppate possano essere utilizzate nel campo dell’idrogeno

 

  • Il terzo studio sarà una roadmap, che preveda iniziative concrete, per trasformare i distributori gas in player della distribuzione dell’idrogeno in Europa. In pratica, si tratta di vedere come possano fungere da collegamento tra i produttori di idrogeno e i consumatori. Lo studio ha come obiettivo di individuare, oltre alle opportunità, anche gli eventuali ostacoli a tale percorso

 


Leggi anche

La multiutility partecipata dai comuni del Monferrato ha presentato il progetto per portare il servizio di distribuzione del metano alle aree della cittadina non ancora raggiunte. I lavori, suddivisi in tre lotti, prenderanno il via nella seconda parte dell’anno e vedranno in totale la posa di oltre 5,3 chilometri di condotte per un investimento di circa 2 milioni di euro …

Leggi tutto…

La società del Gruppo Italgas ha completato il passaggio dal GPL al gas naturale per i comuni di Tortolì, Girasole, Loceri e Talana, in provincia di Nuoro, convertendo 84 chilometri di rete. Sale così a 34 il totale dei comuni convertiti in tutta l’isola, su 36 previsti dal programma. Programma che sarà concluso in primavera quando avverrà la conversione di Gairo Taquisara e Cardedu …

Leggi tutto…

Attraverso la controllata Snam4Environment, il gruppo ha sottoscritto un accordo con Asja per acquisire un portafoglio di impianti esistenti e progetti di sviluppo nel campo del trattamento della FORSU e produzione del gas rinnovabile. L’operazione, del valore di 100 milioni di euro, rientra nella strategia di crescita di Snam nel biometano per contribuire allo sviluppo di una filiera chiave nel percorso di transizione ecologica del Paese…

Leggi tutto…

Sono entrate in esercizio le reti di distribuzione gas a servizio dei due comuni della provincia di Reggio Calabria. Le opere, completate alla fine dello scorso anno, hanno visto la posa di 18 chilometri di condotte e di 3,5 chilometri di allacciamenti per servire in totale oltre 1.200 utenze, delle quali il 90% nel territorio di Bova Marina e la parte restante in quello di Bova …

Leggi tutto…

Il Ministero della Transizione Ecologica ha dato il via libera alla valutazione di impatto ambientale per il metanodotto Val Tanaro – Valle Arroscia – Valle Impero. Il progetto prevede la costruzione di un gasdotto di 65 chilometri per collegare la rete di trasporto Energie Rete Gas in territorio piemontese e quella di Snam in Liguria, a beneficio di diversi comuni delle due regioni…

Leggi tutto…