“I Plast”: le unità di controllo della saldatura

È in questo contesto che dobbiamo considerare questa apparecchiatura elettronica come una “unità di controllo“. Essa non è solo un dispositivo elettronico che fornisce tensione e/o corrente a un elemento (il raccordo), ma lo fa controllando costantemente che i parametri elettrici siano conformi a quanto richiesto dal raccordo in termini di energia (livello di tensione o corrente per il tempo previsto).

Questo apparecchio elettronico è così importante per il suo ruolo nella giunzione di condotte in polietilene che in passato la comunità tecnica dell’ISO ha redatto una norma specifica (ISO 12176-2) in cui sono definite alcune delle sue caratteristiche più importanti. In Europa questa norma tecnica è richiamata nella specifica del settore del gas: la EN 12007-2, dove è richiesto che le apparecchiature da utilizzare nella costruzione delle reti di distribuzione del gas siano conformi a tale norma ISO.

Con il passare del tempo tali apparecchiature elettroniche hanno visto crescere il loro ruolo nelle operazioni sul campo, divenendo un punto di raccolta dei dati di costruzione. Un’unità di controllo che è in grado di fornire ai tecnici delle industrie del gas e dell’acqua tutte le informazioni relative ai materiali utilizzati e al personale che ha prodotto i giunti la georeferenziazione del raccordo.

Le unità di controllo Plastitalia (I Plast 30, 60 e 105) sono ai vertici del controllo dei processi di fusione, grazie alla tecnologia utilizzata nella progettazione e nella produzione. Le nostre unità di controllo verificano ogni secondo che ciascun parametro elettrico sia conforme a quanto indicato dal produttore del raccordo elettrosaldabile e che l’energia fornita ai raccordi rientri sempre nella tolleranza massima di ± 5%.

La prima nuova generazione di I Plast è nata all’inizio del 2011 e da allora funziona con successo in tutto il mondo. In questi anni “il progetto I Plast” ha dimostrato di avere un’alta qualità e di non soffrire di obsolescenza.

Una rete di centri di manutenzione, diffusa in tutti i continenti, fornisce al mercato il supporto tecnico necessario, garantendo agli utilizzatori un servizio rapido e affidabile, anche se nella maggior parte dei casi il servizio di manutenzione è ridotto al solo controllo periodico.

I Plast 30, 60 e 105: la scelta giusta per realizzare un giunto sicuro ad elettrofusione.


Leggi anche

Il prestito avrà scadenza fra 22 anni e servirà a sostenere gli investimenti del gestore della rete di trasmissione elettrica finalizzati a migliorare l’affidabilità e la qualità dell’infrastruttura nazionale, puntando in particolare all’impiego di tecnologie avanzate ed ecocompatibili. Con questa erogazione salgono a 2,15 miliardi di euro i finanziamenti in essere della Bei a Terna…

Leggi tutto…

Lungo 445 chilometri, dei quali 423 sottomarini, l’elettrodotto collega le stazioni elettriche di Cepagatti, in provincia di Pescara, e Lastva, nel comune di Kotor. La sua entrata in esercizio, entro fine anno, permetterà di diversificare gli approvvigionamenti, rafforzare l’affidabilità, l’efficienza, la sicurezza, la sostenibilità ambientale e la resilienza delle reti elettriche delle due sponde adriatiche…

Leggi tutto…

Dopo quello di Torino, Terna inaugura il suo secondo laboratorio dedicato allo sviluppo di idee innovative a servizio della rete elettrica. Il centro di Napoli sarà focalizzato in particolare sul Digital to People, ovvero sulla trasformazione digitale dei processi aziendali e l’innovazione degli strumenti nell’area delle risorse umane e dell’organizzazione…

Leggi tutto…

Con 4 miliardi di ricavi, un contributo al Pil di 2,5 miliardi, 28.000 posti di lavoro attivati in Italia la multiutility costituisce una delle principali realtà industriali nazionali. Una realtà che vuole essere attore chiave per lo sviluppo dei territori serviti, con 3,3 miliardi di investimenti nei prossimi 5 anni, puntando su sostenibilità, economia circolare e innovazione dei servizi …

Leggi tutto…

Vertice tra i tecnici delle due società per fare il punto sull’avanzamento delle opere di interconnessione delle reti idriche del Sud pontino con l’Acquedotto della Campania Occidentale. Un’opera da 7 milioni di euro che attraverso la realizzazione di una condotta di collegamento dell’estensione di 11 chilometri garantirà oltre 5 milioni di metri cubi di acqua annui in più alle popolazioni del basso Lazio…

Leggi tutto…