“I Plast”: le unità di controllo della saldatura

È in questo contesto che dobbiamo considerare questa apparecchiatura elettronica come una “unità di controllo“. Essa non è solo un dispositivo elettronico che fornisce tensione e/o corrente a un elemento (il raccordo), ma lo fa controllando costantemente che i parametri elettrici siano conformi a quanto richiesto dal raccordo in termini di energia (livello di tensione o corrente per il tempo previsto).

Questo apparecchio elettronico è così importante per il suo ruolo nella giunzione di condotte in polietilene che in passato la comunità tecnica dell’ISO ha redatto una norma specifica (ISO 12176-2) in cui sono definite alcune delle sue caratteristiche più importanti. In Europa questa norma tecnica è richiamata nella specifica del settore del gas: la EN 12007-2, dove è richiesto che le apparecchiature da utilizzare nella costruzione delle reti di distribuzione del gas siano conformi a tale norma ISO.

Con il passare del tempo tali apparecchiature elettroniche hanno visto crescere il loro ruolo nelle operazioni sul campo, divenendo un punto di raccolta dei dati di costruzione. Un’unità di controllo che è in grado di fornire ai tecnici delle industrie del gas e dell’acqua tutte le informazioni relative ai materiali utilizzati e al personale che ha prodotto i giunti la georeferenziazione del raccordo.

Le unità di controllo Plastitalia (I Plast 30, 60 e 105) sono ai vertici del controllo dei processi di fusione, grazie alla tecnologia utilizzata nella progettazione e nella produzione. Le nostre unità di controllo verificano ogni secondo che ciascun parametro elettrico sia conforme a quanto indicato dal produttore del raccordo elettrosaldabile e che l’energia fornita ai raccordi rientri sempre nella tolleranza massima di ± 5%.

La prima nuova generazione di I Plast è nata all’inizio del 2011 e da allora funziona con successo in tutto il mondo. In questi anni “il progetto I Plast” ha dimostrato di avere un’alta qualità e di non soffrire di obsolescenza.

Una rete di centri di manutenzione, diffusa in tutti i continenti, fornisce al mercato il supporto tecnico necessario, garantendo agli utilizzatori un servizio rapido e affidabile, anche se nella maggior parte dei casi il servizio di manutenzione è ridotto al solo controllo periodico.

I Plast 30, 60 e 105: la scelta giusta per realizzare un giunto sicuro ad elettrofusione.


Leggi anche

Superano i 600 milioni di euro gli investimenti previsti dall’accordo di programma siglato tra le tre realtà per rendere la rete elettrica più sicura, efficiente e sostenibile. Tra i principali progetti, il nuovo collegamento tra Sicilia-Sardegna-Continente, la realizzazione di due nuovi elettrodotti nell’isola e il riassetto della rete di Palermo, Catania e Messina …

Leggi tutto…

Il progetto, incluso nella convenzione sottoscritta tra il Comune e la società, prevede la sostituzione di oltre 36.000 punti luce esistenti con nuove lampade al led, 764 punti di prelievo dell’energia elettrica, delle 753 lanterne semaforiche e dei 55 impianti di funzionamento semaforico. A questo si aggiunge l’installazione di 2000 nuovi impianti abilitati per funzioni di smart city. La durata della concessione è di nove anni per un valore di oltre 32 milioni di euro…

Leggi tutto…

La società francese si è aggiudicata la gara, pubblicata lo scorso ottobre, per la gestione e il rinnovo del servizio di illuminazione pubblica nella città toscana. Il bando del Comune prevedeva la concessione del servizio per 10 anni e il rinnovo di ben 6300 punti luce, per un importo base di oltre 7,3 milioni di euro …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto la posa di 5,5 km di linea interrata e il rinnovo di un tratto di rete aerea dell’estensione di un chilometro ed è stato realizzato con un investimento di un milione di euro. Rientra nelle opere del Progetto Resilienza che la società porta avanti in Toscana per rendere il sistema elettrico più resistente, automatizzato ed efficiente…

Leggi tutto…

Dalla fine dello scorso anno, ben 1200 i vecchi punti luce sostituiti con nuove lampade a led dalla società del Gruppo Hera nell’ambito del progetto di riqualificazione dell’illuminazione cittadina. E con ottimi risultati: più di 380.000 kWh di energia elettrica risparmiata e oltre 200 tonnellate di CO2 in meno emesse in atmosfera. Entro fine estate saranno sostituite ulteriori 300 lampade, e altre 1200 nel primo semestre del 2020…

Leggi tutto…