“I Plast”: le unità di controllo della saldatura

È in questo contesto che dobbiamo considerare questa apparecchiatura elettronica come una “unità di controllo“. Essa non è solo un dispositivo elettronico che fornisce tensione e/o corrente a un elemento (il raccordo), ma lo fa controllando costantemente che i parametri elettrici siano conformi a quanto richiesto dal raccordo in termini di energia (livello di tensione o corrente per il tempo previsto).

Questo apparecchio elettronico è così importante per il suo ruolo nella giunzione di condotte in polietilene che in passato la comunità tecnica dell’ISO ha redatto una norma specifica (ISO 12176-2) in cui sono definite alcune delle sue caratteristiche più importanti. In Europa questa norma tecnica è richiamata nella specifica del settore del gas: la EN 12007-2, dove è richiesto che le apparecchiature da utilizzare nella costruzione delle reti di distribuzione del gas siano conformi a tale norma ISO.

Con il passare del tempo tali apparecchiature elettroniche hanno visto crescere il loro ruolo nelle operazioni sul campo, divenendo un punto di raccolta dei dati di costruzione. Un’unità di controllo che è in grado di fornire ai tecnici delle industrie del gas e dell’acqua tutte le informazioni relative ai materiali utilizzati e al personale che ha prodotto i giunti la georeferenziazione del raccordo.

Le unità di controllo Plastitalia (I Plast 30, 60 e 105) sono ai vertici del controllo dei processi di fusione, grazie alla tecnologia utilizzata nella progettazione e nella produzione. Le nostre unità di controllo verificano ogni secondo che ciascun parametro elettrico sia conforme a quanto indicato dal produttore del raccordo elettrosaldabile e che l’energia fornita ai raccordi rientri sempre nella tolleranza massima di ± 5%.

La prima nuova generazione di I Plast è nata all’inizio del 2011 e da allora funziona con successo in tutto il mondo. In questi anni “il progetto I Plast” ha dimostrato di avere un’alta qualità e di non soffrire di obsolescenza.

Una rete di centri di manutenzione, diffusa in tutti i continenti, fornisce al mercato il supporto tecnico necessario, garantendo agli utilizzatori un servizio rapido e affidabile, anche se nella maggior parte dei casi il servizio di manutenzione è ridotto al solo controllo periodico.

I Plast 30, 60 e 105: la scelta giusta per realizzare un giunto sicuro ad elettrofusione.


Leggi anche

La multiutility di Mantova lo scorso anno ha registrato la miglior performance di sempre, con il valore della produzione schizzato a 276,4 milioni di euro e utili per 17,5 milioni, come attestato dal bilancio 2018, appena approvato dall’assemblea dei soci. Presentato anche il nuovo Piano industriale 2019-2023 con investimenti previsti per 250 milioni di euro, con un particolare impegno sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione delle infrastrutture …

Leggi tutto…

A realizzarla sarà l’associazione temporanea di imprese, costituita da Varese Risorse, A2A Illuminazione Pubblica e Di Bella Costruzioni, che si è aggiudicata il bando da 30 milioni di euro e della durata di 6 anni. Questo prevede l’installazione di oltre 28.000 nuovi punti luce a Led, gestiti da remoto, che garantiranno un risparmio sui consumi energetici del 65% e la mancata emissione di 2400 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…

La collaborazione ha l’obiettivo di promuovere la ricerca nel campo della sicurezza per accompagnare la transizione energetica in atto. Parte della partnership sarà focalizzata sulla sperimentazione di prototipi di Smart military district, distretti energetici intelligenti dove si può massimizzare l’efficienza, l’approvvigionamento da fonti sostenibili, l’autoconsumo e la gestione dei flussi energetici in tempo reale in un ambiente totalmente sicuro…

Leggi tutto…

I due gruppi hanno sottoscritto un term sheet per il riassetto delle attività di distribuzione gas e lo sviluppo di una società di commercializzazione dell’energia nei territori di Veneto, Friuli e Lombardia. Grazie a questa operazione, Ascopiave cresce nella distribuzione gas, diventando il primo operatore del Nord-Est, mentre Hera supera il target dei 3 milioni di clienti energy…

Leggi tutto…

La società ha completato il Pan, Puglia active network, il grande progetto per rendere smart la rete di distribuzione pugliese. Avviato nel 2014 con un investimento di 170 milioni di euro cofinanziato al 50% dalla Commissione europea, il programma ha reso l’infrastruttura regionale intelligente e flessibile: oggi è pronta ad accogliere l’energia prodotta da oltre 44.000 impianti rinnovabili e dispone di una rete per la ricarica dei veicoli elettrici …

Leggi tutto…