I primi 20 anni del teleriscaldamento a Monza

Compie 20 anni il teleriscaldamento di Monza. Acsm-Agam ha celebrato la ricorrenza, anzi le ricorrenze, perché ai 20 anni di attivazione del servizio si aggiungono i primi 10 anni di attività della centrale Monza Nord, una delle tre che alimentano il sistema, con una cerimonia lo scorso 9 giugno.

Una storia, quella del sistema di teleriscaldamento del capoluogo della Brianza, tutta all’insegna della sostenibilità ambientale, dell’efficientamento energetico e dello sviluppo sostenibile, che prese il via nel 1999 con la realizzazione della centrale di cogenerazione Monza Centro, situata in via Canova, nel centro della città. Percorso proseguito con l’attivazione nel 2003 della seconda centrale, quella di via Monte Pasubio, nell’area Sud, e, infine nel 2009 con l’accensione della centrale Monza Nord, situata nel limitrofo comune di Lissone.

Alle tre centrali cogenerative si aggiunge la rete di distribuzione del calore, che attualmente si estende per ben 32 chilometri, servendo oltre 300 edifici e circa 8.000 unità immobiliari. Un sistema che permette di evitare ogni anno circa 5.000 tonnellate di anidride carbonica.

Ma la storia del teleriscaldamento di Monza non vuole fermarsi qui. Il gruppo, che in questi mesi ha investito circa 5 milioni per l’estensione della rete, ha in serbo ulteriori investimenti. «Metteremo in campo altri tre milioni di euro entro la fine di quest’anno – ha annunciato l’amministratore delegato di Acsm-Agam, Paolo Soldani –. Vogliamo estendere il servizio anche nella parte Est di Monza e tra pochi mesi il recupero di cascame termico, già attivo con lo stabilimento del gruppo alimentare Rovagnati, partirà anche con BrianzAcque». Insomma, si prosegue sempre all’insegna dello sviluppo sostenibile e dell’economia circolare.


Leggi anche

Nuovi materiali e nuove opportunità portano il “concetto teleriscalmento” a slegarsi dal solo uso del metallo e Ritmo S.P.A è presente con una saldatrice dedicata: COMPACT 355….

Leggi tutto…

Dopo che il Parlamento finlandese ha approvato una legge che vieta l’utilizzo del carbone per la generazione di energia, diverse sono le ipotesi allo studio per trovare alternative al combustibile fossile, che attualmente garantisce oltre il 50% dell’energia termica distribuita dalla rete cittadina. Dalle biomasse alla geotermia, al recupero di calore prodotto dai data center…

Leggi tutto…

Il piccolo borgo in Val di Merse, in provincia di Siena, entro il 2020 potrà contare sulla sua rete di distribuzione del calore a zero impatto ambientale, grazie all’accordo siglato dal Comune di Chiusdino, del quale fa parte, con Enel Green Power. La realizzazione del sistema richiederà un investimento di 2 milioni di euro, e i lavori saranno equamente ripartiti tra il Comune e la società del Gruppo Enel…

Leggi tutto…

Procedono spediti i lavori di Telenergia per la realizzazione della centrale di cogenerazione che teleriscalderà la zona sud della città. La società ha avviato anche i primi scavi per la posa delle condotte in modo da procedere dopo l’estate con gli allacciamenti delle utenze. L’obiettivo è avviare il servizio per le con l’inizio della prossima stagione termica…

Leggi tutto…

Inizierà a breve la realizzazione di un mega impianto solare a servizio della rete di distribuzione del calore di Ludwigsburg, nel Baden-Württemberg. A progettare e realizzare il sistema è l’azienda danese Arcon-Sunmark, vincitrice del bando indetto dalla multiutility locale Stadtwerke Ludwigsburg-Kornwestheim. Pronto entro l’anno, l’impianto occuperà una superficie di 14.800 metri quadri, garantendo una produzione annua di 5.500 MWh termici…

Leggi tutto…