I primi 20 anni del teleriscaldamento a Monza

Compie 20 anni il teleriscaldamento di Monza. Acsm-Agam ha celebrato la ricorrenza, anzi le ricorrenze, perché ai 20 anni di attivazione del servizio si aggiungono i primi 10 anni di attività della centrale Monza Nord, una delle tre che alimentano il sistema, con una cerimonia lo scorso 9 giugno.

Una storia, quella del sistema di teleriscaldamento del capoluogo della Brianza, tutta all’insegna della sostenibilità ambientale, dell’efficientamento energetico e dello sviluppo sostenibile, che prese il via nel 1999 con la realizzazione della centrale di cogenerazione Monza Centro, situata in via Canova, nel centro della città. Percorso proseguito con l’attivazione nel 2003 della seconda centrale, quella di via Monte Pasubio, nell’area Sud, e, infine nel 2009 con l’accensione della centrale Monza Nord, situata nel limitrofo comune di Lissone.

Alle tre centrali cogenerative si aggiunge la rete di distribuzione del calore, che attualmente si estende per ben 32 chilometri, servendo oltre 300 edifici e circa 8.000 unità immobiliari. Un sistema che permette di evitare ogni anno circa 5.000 tonnellate di anidride carbonica.

Ma la storia del teleriscaldamento di Monza non vuole fermarsi qui. Il gruppo, che in questi mesi ha investito circa 5 milioni per l’estensione della rete, ha in serbo ulteriori investimenti. «Metteremo in campo altri tre milioni di euro entro la fine di quest’anno – ha annunciato l’amministratore delegato di Acsm-Agam, Paolo Soldani –. Vogliamo estendere il servizio anche nella parte Est di Monza e tra pochi mesi il recupero di cascame termico, già attivo con lo stabilimento del gruppo alimentare Rovagnati, partirà anche con BrianzAcque». Insomma, si prosegue sempre all’insegna dello sviluppo sostenibile e dell’economia circolare.


Leggi anche

Il gruppo rafforza la sua posizione in Piemonte perfezionando l’acquisizione di due società attive nella produzione e distribuzione di calore da fonti rinnovabili. Si tratta di A.En.B e della sua controllata A.En.W., che producono e distribuiscono calore generato da biomassa legnosa al comune di Busca, e di Vernante Nuova Energia, che gestisce il sistema, alimentato a cippato, a servizio del quartiere di Borgo San Giuseppe di Cuneo…

Leggi tutto…

Telenergia ha dato il via alla costruzione della prima delle due centrali di cogenerazione previste nell’ambizioso piano che nel giro di 6 anni estenderà il servizio a tutta la città. La centrale sorgerà nella zona sud, nello specifico nel quartiere Europa, dove da giugno partirà anche il primo cantiere per la posa della rete di distribuzione del calore…

Leggi tutto…

L’articolo 21 della legge 37/2019 cancella la proroga degli incentivi agli impianti, cessati o in via di cessazione, concessa dalla legge di stabilità 2016. Una misura che colpisce l’economia di montagna secondo Fiper, non distinguendo tra centrali dedicate alla sola produzione di elettricità da biomasse importate e i sistemi virtuosi di cogenerazione abbinata al teleriscaldamento alimentati da biomasse legnose provenienti dalla pulizia dei boschi presenti nello stesso territorio …

Leggi tutto…

Aperto il cantiere per la realizzazione del primo dei tre lotti della rete di distribuzione del calore a servizio del centro storico del comune dell’Amiata. L’infrastruttura, di proprietà del Comune, sarà gestita da GES (Geo Energy Service) e fornirà calore pulito proveniente dal campo geotermico di Enel Green Power a circa 1100 utenze, per un totale di oltre 4000 abitanti …

Leggi tutto…

Nell’ambito dell’estensione della rete a servizio del capoluogo altoatesino la società ha concluso un nuovo tratto che ha consentito di collegare l’ospedale cittadino all’infrastruttura di distribuzione del calore. Con una fornitura di 8.300 MWh di energia, sarà il maggiore utente di energia termica e il suo collegamento consentirà di evitare più di 1.500 tonnellate di emissioni di CO2 all’anno…

Leggi tutto…