Il biogas del Gruppo Hera ora è anche certificato

Non solo biogas ottenuto dal trattamento dei rifiuti, ma anche certificato: di ogni metro cubo prodotto si saprà la sua origine, luogo di provenienza e le caratteristiche del rifiuto dal quale è stato ricavato. È il risultato del sistema di tracciabilità e di bilancio di massa in accordo allo Schema nazionale di certificazione dei biocarburanti e dei bioliquidi certificato da Bureau Veritas Italia, società specializzata nei servizi di ispezione, verifica di conformità e certificazione, per il biogas prodotto da HERAmbiente, società del Gruppo Hera attiva nel trattamento dei rifiuti.

Il sistema garantisce la tracciabilità della produzione a regime del nuovo impianto dell’azienda a Sant’Agata Bolognese, alle porte di Bologna. Costruito con le più avanzate esperienze in questo settore a livello internazionale e inaugurato alla fine dello scorso ottobre, l’impianto è in grado di produrre biogas dalla digestione anaerobica della Frazione Organica dei Fifiuti Solidi Urbani (FORSU) e, a seguito di una fase di upgrading, ottenere biometano da destinare all’utilizzo per autotrazione.

L’impianto ha una capacità produttiva di 7,5 milioni di metri cubi di biometano annui, ma produce anche più di 20.000 tonnellate di compost di qualità da destinarsi principalmente all’agricoltura, garantendo importanti benefici sull’economia e sull’ambiente, grazie a un risparmio annuo di 6.000 tonnellate di petrolio e a una sensibile riduzione delle emissioni di CO2. La certificazione rappresenta una componente essenziale e qualificante del progetto e un ulteriore fiore all’occhiello per un processo già di per sé all’avanguardia.

«Siamo particolarmente orgogliosi di essere stati la prima multiutility in Italia a realizzare un impianto di biometano con queste caratteristicheha dichiarato Andrea Ramonda, amministratore delegato di HERAmbiente-. Grazie alla collaborazione con Bureau Veritas siamo oggi in grado di certificare l’intero processo circolare della filiera del biometano: dallo sforzo quotidiano dei cittadini per la corretta raccolta differenziata del rifiuto organico fino alla produzione e utilizzo di un carburante sostenibile utilizzabile nei trasporti pubblici e privati del territorio».


Leggi anche

Il gestore della rete di trasporto gas ha lanciato un progetto per la conversione dei suoi impianti di compressione in centrali “ibride”, ovvero in grado di effettuare la compressione del gas, oltre che con turbine a gas, anche attraverso motori elettrici. Una soluzione che permetterà di garantire maggiore flessibilità al sistema energetico e ridurre le emissioni di CO2 …

Leggi tutto…

Procedono come da programma i lavori per dotare l’isola di un’infrastruttura per la distribuzione gas, tanto che entro la fine dell’anno alcuni comuni potrebbero essere già usufruire del servizio. Ad occuparsi delle opere è Italgas, che ha già posato oltre 1800 chilometri di condotte, mentre altri 1100 ne restano da realizzare. Attualmente i cantieri sono aperti in 4 bacini e nei prossimi mesi i lavori si estenderanno ad altri 6…

Leggi tutto…

Entrato in esercizio il cogeneratore che produce energia termica ed elettrica dal biogas generato dal trattamento dei fanghi di depurazione. L’energia ottenuta dall’impianto, che ha una potenza termica di 528 KWT e una potenza elettrica di 404 KWE, viene poi interamente utilizzata per alimentare il processo dei reflui, abbattendo i costi energetici dell’azienda…

Leggi tutto…

I consigli di amministrazione delle due realtà hanno approvato il progetto di fusione che vedrà l’incorporazione in Ascopiave della società che gestisce la distribuzione gas in 32 comuni della provincia di Bergamo. L’operazione, che sarà conclusa entro il primo semestre di quest’anno, consolida la presenza del Gruppo Ascopiave in Lombardia …

Leggi tutto…

L’infrastruttura, che si estende per 75 chilometri, consentirà di fornire il servizio di distribuzione gas a oltre 35.000 cittadini della fascia jonica della provincia di Messina. Progettata e realizzata da Fin Consorzio, è stata voluta da un raggruppamento che comprende 14 comuni dell’area che per la sua realizzazione hanno investito oltre 120 milioni di euro…

Leggi tutto…