Il biogas del Gruppo Hera ora è anche certificato

Non solo biogas ottenuto dal trattamento dei rifiuti, ma anche certificato: di ogni metro cubo prodotto si saprà la sua origine, luogo di provenienza e le caratteristiche del rifiuto dal quale è stato ricavato. È il risultato del sistema di tracciabilità e di bilancio di massa in accordo allo Schema nazionale di certificazione dei biocarburanti e dei bioliquidi certificato da Bureau Veritas Italia, società specializzata nei servizi di ispezione, verifica di conformità e certificazione, per il biogas prodotto da HERAmbiente, società del Gruppo Hera attiva nel trattamento dei rifiuti.

Il sistema garantisce la tracciabilità della produzione a regime del nuovo impianto dell’azienda a Sant’Agata Bolognese, alle porte di Bologna. Costruito con le più avanzate esperienze in questo settore a livello internazionale e inaugurato alla fine dello scorso ottobre, l’impianto è in grado di produrre biogas dalla digestione anaerobica della Frazione Organica dei Fifiuti Solidi Urbani (FORSU) e, a seguito di una fase di upgrading, ottenere biometano da destinare all’utilizzo per autotrazione.

L’impianto ha una capacità produttiva di 7,5 milioni di metri cubi di biometano annui, ma produce anche più di 20.000 tonnellate di compost di qualità da destinarsi principalmente all’agricoltura, garantendo importanti benefici sull’economia e sull’ambiente, grazie a un risparmio annuo di 6.000 tonnellate di petrolio e a una sensibile riduzione delle emissioni di CO2. La certificazione rappresenta una componente essenziale e qualificante del progetto e un ulteriore fiore all’occhiello per un processo già di per sé all’avanguardia.

«Siamo particolarmente orgogliosi di essere stati la prima multiutility in Italia a realizzare un impianto di biometano con queste caratteristicheha dichiarato Andrea Ramonda, amministratore delegato di HERAmbiente-. Grazie alla collaborazione con Bureau Veritas siamo oggi in grado di certificare l’intero processo circolare della filiera del biometano: dallo sforzo quotidiano dei cittadini per la corretta raccolta differenziata del rifiuto organico fino alla produzione e utilizzo di un carburante sostenibile utilizzabile nei trasporti pubblici e privati del territorio».


Leggi anche

Dopo aver acquisito, lo scorso dicembre, il 60% del capitale azionario della società da CPL Concordia, Italgas ne completa l’acquisizione rilevando anche il restante 40% per circa 21 milioni di euro. Un’operazione strategica per rafforzarsi ulteriormente nel Sud Italia dove Egn conta complessivamente 37 concessioni per la distribuzione gas tra Sicilia, Calabria e Campania…

Leggi tutto…

La società di distribuzione gas del Gruppo Ascopiave avvierà a breve i nuovi cantieri per la posa di oltre 8 chilometri di condotte nel territorio del comune della provincia di Treviso. I lavori, per un costo di un milione di euro, verranno portati avanti da più squadre in contemporanea in modo da avere il nuovo tratto di infrastruttura pronto entro sette mesi. …

Leggi tutto…

La società ha stretto una partnership con l’americana Picarro per l’utilizzo in Europa di Picarro Surveyor, tra le soluzioni più evolute nel monitoraggio delle reti. Denominata CRDS (Cavity Ring-Down Spectroscopy) è una sofisticata sensing technology che, rispetto alle tradizionali, garantisce un controllo più rapido, approfondito e una maggiore sensibilità di rilevazione della presenza di gas…

Leggi tutto…

Lo ha dichiarato Paolo Gallo, fresco di riconferma nel ruolo di amministratore delegato della società, che ha anticipato che Italgas presenterà un’offerta non vincolante per il pacchetto della distribuzione gas dell’utility veneta. Ascopiave ha infatti avviato un riassetto dei suoi business puntando a cedere le attività di vendita di energia per focalizzarsi sulla distribuzione gas anche con partnership strategiche …

Leggi tutto…

La sperimentazione ha preso il via a Contursi Terme, in provincia di Salerno, con la fornitura a due realtà locali di una miscela di idrogeno al 5% e gas attraverso la rete di trasporto. Un passaggio cruciale verso gli obiettivi europei al 2050, in quanto l’idrogeno è una tecnologia chiave per la decarbonizzazione e lo stoccaggio delle fonti rinnovabili…

Leggi tutto…