Il calore di scarto è una fonte sostenibile per le reti di teleriscaldamento


Le soluzioni pensate da LIFE4HeatRecovery integrano calore normalmente non utilizzabile, come ad esempio quello contenuto nelle acque reflue, calore di scarto da impianti di condizionamento e di refrigerazione industriale. I vantaggi sono notevoli: le fonti di calore che possono essere utilizzate sono molteplici e disponibili lungo lo sviluppo della rete e la dispersione di calore attraverso i tubi è limitata perché le distanze tra il fornitore e l’utilizzatore del calore sono minori.

Le soluzioni studiate sono pronte per essere dimostrate in quattro reti di teleriscaldamento reali: la rete di teleriscaldamento di Ospitaletto (Brescia) recupererà calore dal processo di raffreddamento dei manufatti prodotti dall’acciaieria locale. A Wüstenrot, in Germania, il calore sarà recuperato delle acque reflue dalle abitazioni residenziali. In Olanda, ci saranno due casi studio: una fabbrica di detergenti ad Heerlen e l’impianto dell’aria condizionata di un ospedale di Rotterdam.

Insieme alle strategie di controllo che ottimizzano la raccolta, lo stoccaggio e il riutilizzo del calore di scarto disponibile, LIFE4HeatRecovery svilupperà pacchetti di impianto industrializzati, basati sull’utilizzo di pompe di calore e accumuli termici, allo scopo di facilitare l’installazione e ridurre i costi di investimento.

Inoltre, poiché i costi infrastrutturali rappresentano una barriera che ostacola gli investimenti pubblici nel settore, LIFE4HeatRecovery elaborerà anche modelli di investimento e vendita dell’energia, e meccanismi di finanziamento innovativi basati su partenariati pubblico-privato e partecipazione attiva, con lo scopo di facilitare la replicazione delle soluzioni studiate.

In Italia, Eurac Research coordinerà il progetto e dirigerà la ricerca.

 


Leggi anche

L’ente ha stanziato 135.000 euro per i lavori di estensione della rete, alimentata con fonte geotermica, a servizio del comune della provincia di Grosseto. Le opere programmate da Amiata Energia permetteranno di collegare all’infrastruttura l’area del centro storico Terziere di Castello. Il nuovo finanziamento si aggiunge a quello che l’Autorità Idrica aveva stanziato lo scorso anno, per un totale di 300.000 euro, e al milione proveniente dai fondi geotermici regionali…

Leggi tutto…

Proseguono i Lavori di GES per estendere il servizio a tutto il territorio del comune dell’Amiata. L’opera, suddivisa in tre lotti, ha un costo di 8 milioni di euro: permetterà di collegare alla rete circa 1100 utenze, per una volumetria di un milione di metri cubi e una popolazione di oltre 4000 abitanti, fornendo energia pulita per il riscaldamento e l’acqua calda sanitaria …

Leggi tutto…

Il primo sistema è entrato in funzione nel giugno del 1939, fornendo calore, acqua calda e vapore al campus medico Vytautas Magnus University di Kaunas. Da allora il settore è stato in costante crescita, ed è diventato sempre più green grazie allo sfruttamento delle biomasse locali, tanto che oggi il teleriscaldamento arriva in 700.000 abitazioni, coprendo circa il 50% della domanda di calore…

Leggi tutto…

La riproduzione di una torre di raffreddamento in scala realizzata in acciaio dall’artista Ennio Zucchelli è la nuova opera che arricchisce il Museo geotermico di Larderello, a Pomarance, in provincia di Pisa. Con il suo lavoro l’artista ha voluto rendere omaggio a una tecnologia amica della natura dalla quale i sei comuni geotermici toscani ottengono il calore per le loro abitazioni …

Leggi tutto…

Sarà terminato a novembre l’impianto solare a supporto della rete di teleriscaldamento che la danese Arcon-Sunmark sta realizzando a Bernburg, in Sassonia, per conto di Stadtwerke Bernburg. Con i suoi 632 collettori e una produzione annua di 2,3 MW sarà il secondo più grande del Paese, dietro quello che la società danese sta realizzando a Ludwigsburg, nel Baden-Württemberg …

Leggi tutto…