Il calore di scarto è una fonte sostenibile per le reti di teleriscaldamento


Le soluzioni pensate da LIFE4HeatRecovery integrano calore normalmente non utilizzabile, come ad esempio quello contenuto nelle acque reflue, calore di scarto da impianti di condizionamento e di refrigerazione industriale. I vantaggi sono notevoli: le fonti di calore che possono essere utilizzate sono molteplici e disponibili lungo lo sviluppo della rete e la dispersione di calore attraverso i tubi è limitata perché le distanze tra il fornitore e l’utilizzatore del calore sono minori.

Le soluzioni studiate sono pronte per essere dimostrate in quattro reti di teleriscaldamento reali: la rete di teleriscaldamento di Ospitaletto (Brescia) recupererà calore dal processo di raffreddamento dei manufatti prodotti dall’acciaieria locale. A Wüstenrot, in Germania, il calore sarà recuperato delle acque reflue dalle abitazioni residenziali. In Olanda, ci saranno due casi studio: una fabbrica di detergenti ad Heerlen e l’impianto dell’aria condizionata di un ospedale di Rotterdam.

Insieme alle strategie di controllo che ottimizzano la raccolta, lo stoccaggio e il riutilizzo del calore di scarto disponibile, LIFE4HeatRecovery svilupperà pacchetti di impianto industrializzati, basati sull’utilizzo di pompe di calore e accumuli termici, allo scopo di facilitare l’installazione e ridurre i costi di investimento.

Inoltre, poiché i costi infrastrutturali rappresentano una barriera che ostacola gli investimenti pubblici nel settore, LIFE4HeatRecovery elaborerà anche modelli di investimento e vendita dell’energia, e meccanismi di finanziamento innovativi basati su partenariati pubblico-privato e partecipazione attiva, con lo scopo di facilitare la replicazione delle soluzioni studiate.

In Italia, Eurac Research coordinerà il progetto e dirigerà la ricerca.

 


Leggi anche

Il gruppo ha acquisito il 100% del capitale azionario della società genovese proprietaria di una centrale di trigenerazione e di un’infrastruttura per la distribuzione di energia termica e frigorifera al quartiere Erzelli. Con questa operazione CogenInfra porta a 7 i sistemi di teleriscaldamento controllati e gestiti …

Leggi tutto…

Le risorse sono state concesse alla società brianzola da MPS Capital Services, la banca d’investimento del Gruppo Montepaschi. Saranno utilizzate per potenziare la centrale termica presente presso il termovalorizzatore di Desio, per costruire una nuova centrale a Muggiò ed estendere la rete di distribuzione del calore e quindi portare il servizio anche allo stesso comune di Muggiò, a Cesano Maderno, Limbiate e Varedo…

Leggi tutto…

I titoli, che hanno un taglio unitario minimo di 100.000 euro e che scadono il 17 gennaio 2031, hanno fatto registrare una domanda pari a oltre il doppio dell’offerta. Le risorse ottenute con la nuova operazione di finanza sostenibile andranno a sostenere i progetti di sostenibilità previsti dal Piano Industriale al 2025, andando a focalizzarsi sullo sviluppo del teleriscaldamento, il recupero della plastica e il miglioramento della depurazione….

Leggi tutto…

Il tratto acquisito è quello di proprietà privata, che si sviluppa dal centro della cittadina piemontese verso Nord, servendo utenze private, mentre la porzione che serve gli edifici pubblici resta nelle mani del Comune. La rete, realizzata nel 2006, è alimentata da una centrale a biomassa sempre di proprietà di Engie, che soddisfa il fabbisogno di 7 GWh di energia termica….

Leggi tutto…

Realizzato e gestito da ENGIE, il sistema serve 12.400 abitanti, pari al 70% della popolazione totale, attraverso una rete che si estende per 13,5 chilometri, alimentata da una centrale di cogenerazione dalla potenza termica di 28 MW. Notevoli i vantaggi ambientali garantiti dal sistema che permette di evitare ogni anno l’emissione in atmosfera di 4.800 tonnellate di anidride carbonica….

Leggi tutto…