Il calore di scarto è una fonte sostenibile per le reti di teleriscaldamento


Le soluzioni pensate da LIFE4HeatRecovery integrano calore normalmente non utilizzabile, come ad esempio quello contenuto nelle acque reflue, calore di scarto da impianti di condizionamento e di refrigerazione industriale. I vantaggi sono notevoli: le fonti di calore che possono essere utilizzate sono molteplici e disponibili lungo lo sviluppo della rete e la dispersione di calore attraverso i tubi è limitata perché le distanze tra il fornitore e l’utilizzatore del calore sono minori.

Le soluzioni studiate sono pronte per essere dimostrate in quattro reti di teleriscaldamento reali: la rete di teleriscaldamento di Ospitaletto (Brescia) recupererà calore dal processo di raffreddamento dei manufatti prodotti dall’acciaieria locale. A Wüstenrot, in Germania, il calore sarà recuperato delle acque reflue dalle abitazioni residenziali. In Olanda, ci saranno due casi studio: una fabbrica di detergenti ad Heerlen e l’impianto dell’aria condizionata di un ospedale di Rotterdam.

Insieme alle strategie di controllo che ottimizzano la raccolta, lo stoccaggio e il riutilizzo del calore di scarto disponibile, LIFE4HeatRecovery svilupperà pacchetti di impianto industrializzati, basati sull’utilizzo di pompe di calore e accumuli termici, allo scopo di facilitare l’installazione e ridurre i costi di investimento.

Inoltre, poiché i costi infrastrutturali rappresentano una barriera che ostacola gli investimenti pubblici nel settore, LIFE4HeatRecovery elaborerà anche modelli di investimento e vendita dell’energia, e meccanismi di finanziamento innovativi basati su partenariati pubblico-privato e partecipazione attiva, con lo scopo di facilitare la replicazione delle soluzioni studiate.

In Italia, Eurac Research coordinerà il progetto e dirigerà la ricerca.

 


Leggi anche

La società, che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio, fa i conti con il calo della domanda di calore, causata, da un lato, dai cambiamenti climatici e, dall’altro, dalla maggior efficienza energetica raggiunta dagli edifici nel corso degli ultimi anni. Per questo pensa allo sviluppo del nuovo servizio di climatizzazione estiva…

Leggi tutto…

Procedono secondo i piani i lavori per dotare la città di una rete di distribuzione del calore. I cantieri di Telenergia, società nata dalla partnership tra Gruppo Egea e Amag, che gestirà l’opera, sono concentrati sulla centrale che servirà la zona Sud e sulla posa della sua rete. Il progetto, per un valore di 90 milioni di euro, sarà completato nel giro di 6 anni con la realizzazione anche di una centrale e relativa rete nella zona Nord…

Leggi tutto…

Lo dice il report Teleriscaldamento e teleraffrescamento in Italia, alla sua prima edizione, realizzato dal Gse che fa il punto sulla diffusione della tecnologia sulla base dei dati del 2017. Circa 300 le reti presenti, con Lombardia, Piemonte ed Emilia-Romagna in testa alla classifica delle volumetrie servite. Si diffonde anche il teleraffrescamento, 32 reti presenti…

Leggi tutto…

Al via il progetto REWARDheat, che coinvolge 28 partner europei, tra aziende energetiche, produttori di tecnologie e centri di ricerca, coordinato da Eurac Research di Bolzano, che ha come obiettivo di testare infrastrutture di distribuzione del calore innovative. Sostenuto da un investimento di 35 milioni di euro, metà dei quali finanziati dalla Commissione europea, e della durata di 4 anni, vedrà la realizzazione di 8 diverse reti in 8 differenti città …

Leggi tutto…

Grazie all’accordo con Rea Dalmine, la multiutility avrà a disposizione una quota aggiuntiva di calore pari al 50% rispetto a quella attuale, che consentirà di estendere il servizio ai quartieri della città ancora non serviti. Calore che proverrà dalla conversione cogenerativa dell’impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di Greenthesis Group. Inoltre, sarà costruita una nuova dorsale di 15 chilometri e un nuovo accumulatore di calore da 5000 m3…

Leggi tutto…