Il CdA di AQP approva la procedura di gara per la progettazione della condotta sottomarina a Gallipoli

Il Consiglio di Amministrazione di Acquedotto Pugliese, nel corso dell’ultima seduta, ha deliberato l’avvio della procedura di appalto per 450 mila euro per la progettazione della condotta sottomarina a servizio dell’impianto di depurazione di Gallipoli. I tempi previsti per la progettazione definitiva sono 70 giorni.

Nella stessa seduta è stata approvata, inoltre, la procedura di gara per potenziare le reti idriche e fognarie a Talsano, nel tarantino.

Il progetto della condotta sottomarina porterà all’allontanamento delle acque depurate a circa 6,5 chilometri dalla costa e a una profondità di circa 30 metri, nel pieno rispetto e nella salvaguardia del contesto paesaggistico e naturalistico.

Per individuare la localizzazione ottimale della condotta, Acquedotto Pugliese ha commissionato uno studio meteomarino che ha tenuto conto della natura del fondale marino e, in particolare, della presenza della cosiddetta Prateria di Posidonia oceanica, che sarà oltrepassata e, in alcun modo, alterata dal passaggio della condotta.

La condotta sottomarina non rappresenta un’alternativa al riutilizzo dell’effluente depurato ma si pone come opera complementare. La portata delle acque è sottoposta a trattamenti di affinamento per il riutilizzo in agricoltura. I lavori della condotta sottomarina, per un importo complessivo di 16 milioni di euro, sono pianificati dalla Regione Puglia e finanziati con fondi POR Puglia 2014-2020.

La condotta sottomarina a Gallipoli – dichiara Simeone di Cagno Abbrescia, Presidente di Acquedotto Pugliese sarà presto realtà. Sarà realizzata nel massimo rispetto del nostro mare e nell’ottica di ottimizzare un processo che già raggiunge standard elevati di qualità.  La depurazione è una risorsa per il territorio, soprattutto grazie al riuso in agricoltura che a Gallipoli è una opportunità reale. Qui, come su tutte le coste pugliesi, lavoriamo per tutelare la qualità delle acque di balneazione. Teniamo alle nostre comunità, ai nostri mari”.

“Acquedotto Pugliese – commenta l’Amministratore Delegato di AQP, Nicola De Sanctis – è fortemente impegnata a garantire un servizio di depurazione adeguato alle esigenze dei nostri territori. Il nostro parco impiantisco è tra i più grandi ed evoluti di Italia. Importanti investimenti e progetti sono stati realizzati in questo comparto e tanti altri sono in corso di definizione. La condotta sottomarina a Gallipoli è uno di questi. La sua progettazione è la conferma di quanto siano per noi imprescindibile la salvaguardia del territorio e del nostro mare”.

Il depuratore di Gallipoli rappresenta una eccellenza nel panorama del comparto depurativo. Nell’impianto è stato installato un sistema di videosorveglianza che registra costantemente le acque in uscita. Uno strumento che garantisce il monitoraggio in tempo reale delle acque. Un ulteriore controllo della qualità delle acque è garantito da un sistema informatico dedicato.

Il Consiglio di Amministrazione di AQP nella stessa seduta ha approvato la procedura di gara per il potenziamento delle reti idriche e fognarie nell’abitato di Talsano, in provincia di Taranto. Per un importo complessivo di circa 9,5 milioni di euro, le opere consisteranno nella realizzazione di 20 chilometri di nuove condotte idriche e circa 14 chilometri di tronchi fognari. Prevista la realizzazione di un nuovo impianto di sollevamento di fogna, su via l’Ajala.


Leggi anche

Delle risorse, parte delle quali provenienti dal ministero dell’Ambiente, che saranno investite in un arco di 5 anni, beneficeranno 105 comuni della regione per portare avanti interventi di efficientamento della rete di distribuzione, con particolare attenzione alla lotta alle perdite idriche, potenziamento delle fognature e realizzazione di depuratori …

Leggi tutto…

I lavori, durati un anno e realizzati con un investimento di 600.0000 euro, hanno permesso di migliorare le prestazioni ambientali dell’impianto, incrementando l’efficienza e le performance del comparto biologico e della linea fanghi. Adesso il gestore si appresta a bandire la gara, da oltre 300.000 euro, per la realizzazione di un impianto di potabilizzazione per rimuovere arsenico e fluoruri dall’acqua proveniente da un campo pozzi utilizzata durante i mesi estivi…

Leggi tutto…

È quanto prevede il Piano degli investimenti per il periodo 2019-2024, che comprende interventi su tutti gli ambiti del ciclo idrico e che mira a potenziare e rendere più efficiente l’infrastruttura e a contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. A sostenere lo sforzo economico del gestore idrico del Medio Valdarno un nuovo finanziamento da 40 milioni concesso dalla Bei…

Leggi tutto…

Nell’ultima riunione, il Consiglio locale ATERSIR della provincia di Forlì-Cesena ha approvato il programma di interventi da finanziare con la tariffa del servizio idrico per il quadriennio 2020-23. Il piano prevede investimenti per 64,8 milioni di euro, il 7% in più del precedente, dei quali 29 milioni destinati alla manutenzione e alla sostituzione delle condotte obsolescenti…

Leggi tutto…

Il Consiglio di amministrazione della società, che gestisce il ciclo idrico in 86 comuni della provincia di Frosinone, ha eletto Cocozza e Pierluigi Palmigiani, rispettivamente, nei ruoli di amministratore delegato e presidente, cariche ricoperte entrambe dal dimissionario Stefano Magini. Ai nuovi vertici il compito di portare avanti il grande piano di ammodernamento delle infrastrutture, indispensabile per superare le tante criticità delle reti dei comuni della Ciociaria …

Leggi tutto…