Il Comune di Aosta sceglie il teleriscaldamento per i suoi edifici

Il Comune di Aosta crede nel teleriscaldamento. L’amministrazione comunale ha sottoscritto di recente una nuova convenzione con Telcha, il gestore del servizio, per la fornitura di energia termica tramite teleriscaldamento agli edifici comunali.

Il costo per la fornitura relativa al 2020 è di 540.000 euro ed interessa ben 27 strutture comunali, alcune delle quali diranno addio alle caldaie convenzionali per essere allacciate alla rete.

Rete che intanto continua a estendersi. In accordo con il Comune di Aosta Telcha sta infatti portando avanti nuovi lotti di lavori per potenziare l’infrastruttura in città che, nella sua configurazione finale, avrà un’estensione totale di 47 chilometri. Rete alimentata da una centrale di cogenerazione, situata a Sud della città, nell’area bonificata “Espace Aosta”, dalla potenza termica di 92 MW. La centrale, a gas metano e recupero calore di scarto industriale è alimentata da motori endotermici a gas, pompa di calore, caldaie a gas e accumulo termico. Una soluzione che permette di risparmiare annualmente circa 10.000 Tep (Tonnellate equivalenti di petrolio), evitando l’emissione in atmosfera di oltre 30.000 tonnellate di CO2. Inoltre, la centrale è anche connessa a un sistema di recupero del calore di scarto dal circuito delle acque di raffreddamento di Cogne Acciai Speciali, in modo da risparmiare combustibile e ridurre, ulteriormente, le emissioni inquinanti.


Leggi anche

Iren

Iren Energia ha concluso l’acquisizione del ramo d’azienda di Sei Energia che riguarda i sistemi di teleriscaldamento di Collegno, Rivoli e del 49% del capitale azionario di Nove, che gestisce il servizio a Grugliasco. Un’operazione strategica, del valore di 24,4 milioni di euro, che consentirà alla società di estendere la rete integrandola con quella già esistente a servizio dell’area della Città metropolitana di Torino …

Leggi tutto…

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…

Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, ha presentato il progetto per il nuovo impianto a servizio della rete di distribuzione del calore della cittadina della provincia di Bolzano. La centrale sarà alimentata a biomasse e sarà dotata di un generatore della potenza di 8 MW, in grado di produrre 27 GWh di energia termica ogni anno, sufficienti a scaldare circa 2500 appartamenti, evitando l’emissione in atmosfera di 5500 tonnellate di CO2 annue…

Leggi tutto…