Il Comune di Aosta sceglie il teleriscaldamento per i suoi edifici

Il Comune di Aosta crede nel teleriscaldamento. L’amministrazione comunale ha sottoscritto di recente una nuova convenzione con Telcha, il gestore del servizio, per la fornitura di energia termica tramite teleriscaldamento agli edifici comunali.

Il costo per la fornitura relativa al 2020 è di 540.000 euro ed interessa ben 27 strutture comunali, alcune delle quali diranno addio alle caldaie convenzionali per essere allacciate alla rete.

Rete che intanto continua a estendersi. In accordo con il Comune di Aosta Telcha sta infatti portando avanti nuovi lotti di lavori per potenziare l’infrastruttura in città che, nella sua configurazione finale, avrà un’estensione totale di 47 chilometri. Rete alimentata da una centrale di cogenerazione, situata a Sud della città, nell’area bonificata “Espace Aosta”, dalla potenza termica di 92 MW. La centrale, a gas metano e recupero calore di scarto industriale è alimentata da motori endotermici a gas, pompa di calore, caldaie a gas e accumulo termico. Una soluzione che permette di risparmiare annualmente circa 10.000 Tep (Tonnellate equivalenti di petrolio), evitando l’emissione in atmosfera di oltre 30.000 tonnellate di CO2. Inoltre, la centrale è anche connessa a un sistema di recupero del calore di scarto dal circuito delle acque di raffreddamento di Cogne Acciai Speciali, in modo da risparmiare combustibile e ridurre, ulteriormente, le emissioni inquinanti.


Leggi anche

Le due realtà hanno siglato un’intesa per la cessione reciproca di infrastrutture, con l’obiettivo di rafforzarsi nei rispettivi core business. L’operazione, che sarà conclusa entro fine anno, prevede che Italgas ceda ad A2A Calore & Servizi il teleriscaldamento di Cologno Monzese (Milano). E che Unareti ceda a Italgas le attività di distribuzione gas gestite in sette comuni dell’alessandrino …

Leggi tutto…

È entrata in funzione la rete di distribuzione del calore a servizio del comune sulle colline metallifere senesi. Un progetto concluso lo scorso agosto, ma partito ben dieci anni fa e realizzato con un investimento di 5,6 milioni di euro. A gestire la rete, di proprietà del Comune e alimentata da un pozzo geotermico di Enel Green Power, è Geo Energy Service, società controllata dai comuni geotermici toscani…

Leggi tutto…

La giunta comunale ha approvato il progetto di ampliamento dell’ambito del territorio cittadino servito dalla rete di distribuzione del calore presentato da Alperia. I nuovi lavori prenderanno il via la prossima primavera e consentiranno a circa 40.000 cittadini di usufruire del servizio, sfruttando in pieno il calore prodotto dal termovalorizzatore…

Leggi tutto…

Investimenti in crescita del 10% nel nuovo piano industriale. Iren destinerà i due terzi ai servizi regolati, in particolare l’idrico, per potenziare, ammodernare e digitalizzare le infrastrutture. La parte restante pari a 1,3 miliardi di euro sarà riservata alla crescita dimensionale del Gruppo: nel settore ambientale, con lo sviluppo di impianti di selezione e trattamento; nel teleriscaldamento, con l’estensione delle reti; nel gas …

Leggi tutto…

Nel 2006 sembrava cosa fatta: il Comune con l’allora Asm Brescia e Pessina Costruzioni aveva siglato un accordo per realizzare l’infrastruttura di distribuzione del calore a servizio della città. Un progetto che prevedeva la costruzione di una centrale e una rete dell’estensione di 25 chilometri però subito naufragato. Ora se ne riparla, ma affidando l’integrità dei lavori a un operatore privato …

Leggi tutto…