Il Comune di Terni rilancia il progetto del teleriscaldamento


Il Comune di Terni riapre il dossier teleriscaldamento. L’annuncio è dell’assessore Enrico Melasecche, che ha espresso la volontà dell’amministrazione di riavviare il progetto messo un campo tanti anni fa per dotare la città umbra di un sistema di distribuzione del colore, ma non ancora attivo.
Era il 1998 quando il progetto preliminare del teleriscaldamento di Terni prese avvio. Un progetto virtuoso che prevedeva l’utilizzo del calore di scarto dell’impianto di preriscaldo delle siviere di Acciai Speciali Terni (Ast) come fonte per alimentare la rete del calore per fornire energia termica a 1200 appartamenti, aumentabili fino a 4000, dei quartieri di Borgo Bovio e Sant’Agnese, oltre ad alcune scuole e agli uffici del Centro multimediale, compresi quelli di Regione Umbria. Negli anni è stato realizzato l’impianto per lo scambio del calore all’interno del sito di Ast, che ha provveduto con proprie risorse all’operazione, e la rete, realizzata con 3,5 milioni di euro di fondi comunitari. Ma il servizio non è mai partito.
Ora, finalmente potrebbe arrivare la svolta. Svolta però subordinata al superamento di alcune problematiche, tecniche e di gestione, che il Comune è intenzionato ad affrontare. La prima riguarda proprio la fonte di alimentazione. Il progetto iniziale prevedeva l’utilizzo in contemporanea delle tre siviere per generare la quantità di calore necessaria ad alimentare la rete. Solo che oggi Ast non usa più i tre impianti in contemporanea, ma una sola, una e mezza al massimo. L’acqua circola così a una temperatura non pressurizzata a 120 °C, troppo bassa per riscaldare appartamenti e uffici. Problema che la stessa Ast si è detta disposta a superare, intervenendo sui suoi impianti.
Il secondo riguarda il gestore del sistema, ovvero il soggetto in grado di far funzionare il sistema, esigenza ribadita anche da Ast. Soggetto che ancora manca. In passato si era pensato di coinvolgere Asm, la multiservizi comunale, che però aveva non aveva mostrato grande entusiasmo. Ora si proverà a riproporre il dossier, prima di cercare altrove.


Leggi anche

La società veneta, specializzata nella produzione di energia da biomasse, ha acquistato da Engie il sistema di teleriscaldamento a servizio di Sellero, Novelle e Cedegolo, in provincia di Brescia. Il sistema è costituito da una centrale di cogenerazione alimentata con legno vergine da filiera corta e da una rete che si estende per 21 chilometri…

Leggi tutto…

La Scuola Orsolina28 è un luogo dedicato alla danza e alla gioia e libertà che la danza trasmette. Tutto è organizzato per vivere un’esperienza di condivisione a contatto con la natura: il Glamping interno alla tenuta è un’“accomodation” dotato di tende geodetiche permanenti con tutti i comfort. Ogni tenda ha a disposizione un bagno con wc, lavabo, doccia, acqua calda e sistema di riscaldamento….

Leggi tutto…

Grazie all’accordo tra le due società, dal 2021 il 30% dell’energia termica che alimenta la rete a servizio nel comune della provincia di Milano proverrà dall’impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di BEA a Desio. Lo sviluppo del servizio prevede un investimento congiunto di 5 milioni di euro e comporta la realizzazione di un’interconnessione di circa 1 km dalla rete di BEA alla centrale ENGIE. Garantirà un ulteriore abbattimento delle emissioni inquinanti del 30%…

Leggi tutto…

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…

Pubblicata la gara per la costruzione di una rete di teleriscaldamento a servizio della città lombarda e dei comuni limitrofi di Valmadrera e Malgrate. Il bando, del valore complessivo di 80 milioni di euro, oltre alla posa delle condotte, include anche la realizzazione di una centrale alimentata a fonti rinnovabili, a fronte della concessione del servizio per 35 anni. Il 15 aprile ultimo giorno per presentare la candidatura…

Leggi tutto…