Il Comune di Terni rilancia il progetto del teleriscaldamento


Il Comune di Terni riapre il dossier teleriscaldamento. L’annuncio è dell’assessore Enrico Melasecche, che ha espresso la volontà dell’amministrazione di riavviare il progetto messo un campo tanti anni fa per dotare la città umbra di un sistema di distribuzione del colore, ma non ancora attivo.
Era il 1998 quando il progetto preliminare del teleriscaldamento di Terni prese avvio. Un progetto virtuoso che prevedeva l’utilizzo del calore di scarto dell’impianto di preriscaldo delle siviere di Acciai Speciali Terni (Ast) come fonte per alimentare la rete del calore per fornire energia termica a 1200 appartamenti, aumentabili fino a 4000, dei quartieri di Borgo Bovio e Sant’Agnese, oltre ad alcune scuole e agli uffici del Centro multimediale, compresi quelli di Regione Umbria. Negli anni è stato realizzato l’impianto per lo scambio del calore all’interno del sito di Ast, che ha provveduto con proprie risorse all’operazione, e la rete, realizzata con 3,5 milioni di euro di fondi comunitari. Ma il servizio non è mai partito.
Ora, finalmente potrebbe arrivare la svolta. Svolta però subordinata al superamento di alcune problematiche, tecniche e di gestione, che il Comune è intenzionato ad affrontare. La prima riguarda proprio la fonte di alimentazione. Il progetto iniziale prevedeva l’utilizzo in contemporanea delle tre siviere per generare la quantità di calore necessaria ad alimentare la rete. Solo che oggi Ast non usa più i tre impianti in contemporanea, ma una sola, una e mezza al massimo. L’acqua circola così a una temperatura non pressurizzata a 120 °C, troppo bassa per riscaldare appartamenti e uffici. Problema che la stessa Ast si è detta disposta a superare, intervenendo sui suoi impianti.
Il secondo riguarda il gestore del sistema, ovvero il soggetto in grado di far funzionare il sistema, esigenza ribadita anche da Ast. Soggetto che ancora manca. In passato si era pensato di coinvolgere Asm, la multiservizi comunale, che però aveva non aveva mostrato grande entusiasmo. Ora si proverà a riproporre il dossier, prima di cercare altrove.


Leggi anche

Soddisfatta della tecnologia e dei risparmi ottenuti, che ha raccolto il gradimento anche dei cittadini, l’amministrazione comunale ha in progetto un’estensione del sistema di distribuzione del calore, per il quale però necessita di un sostegno da parte di Regione Lombardia. Realizzato a partire dalla fine del 2014, la rete esistente, alimentata da una centrale a biomasse, serve tutti gli edifici pubblici e 72 utenze private …

Leggi tutto…

Nella città lombarda nel corso del 2017 oltre 800 le nuove utenze allacciate alla rete con 250.000 metri cubi teleriscaldati in più rispetto all’anno precedente. Un incremento che ha portato notevoli benefici al miglioramento della qualità dell’aria, evitando l’emissione di 14.000 tonnellate di CO2, 0,5 tonnellate di polveri sottili, 14 tonnellate di ossido di azoto e 4 di anidride solforosa…

Leggi tutto…

Il Consiglio di amministrazione della multiutility ha approvato il nuovo Piano industriale che prevede un margine operativo lordo al 2022 pari a circa 1,2 miliardi e oltre 3,1 miliardi di investimenti. Questi ultimi saranno concentrati per tre quarti nelle attività regolate, con il 70% destinato alla filiera delle reti e il 6% alle attività di raccolta dei rifiuti urbani…

Leggi tutto…

Raggiunto il target dei 100.000 euro fissato dall’innovativa raccolta fondi lanciata dalla società lo scorso novembre e rivolta ai cittadini del comune del cuneese, per coinvolgerli nella costruzione dell’infrastruttura di distribuzione del calore. La rete sarà conclusa entro il 2021, si estenderà per 5 km e sarà alimentata da una centrale a biomassa forestale….

Leggi tutto…

L’innovativa iniziativa di raccolta fondi è rivolta ai cittadini di Barge, comune in provincia di Cuneo, dove l’azienda lo scorso agosto ha avviato la costruzione dell’infrastruttura. Il sistema sarà costituito da una centrale a biomassa che produrrà 7,6 GWh all’anno di energia termica che sarà distribuita alle utenze attraverso una rete della lunghezza di 5 km. Nel 2021 la conclusione dei lavori…

Leggi tutto…