Il Comune di Terni rilancia il progetto del teleriscaldamento


Il Comune di Terni riapre il dossier teleriscaldamento. L’annuncio è dell’assessore Enrico Melasecche, che ha espresso la volontà dell’amministrazione di riavviare il progetto messo un campo tanti anni fa per dotare la città umbra di un sistema di distribuzione del colore, ma non ancora attivo.
Era il 1998 quando il progetto preliminare del teleriscaldamento di Terni prese avvio. Un progetto virtuoso che prevedeva l’utilizzo del calore di scarto dell’impianto di preriscaldo delle siviere di Acciai Speciali Terni (Ast) come fonte per alimentare la rete del calore per fornire energia termica a 1200 appartamenti, aumentabili fino a 4000, dei quartieri di Borgo Bovio e Sant’Agnese, oltre ad alcune scuole e agli uffici del Centro multimediale, compresi quelli di Regione Umbria. Negli anni è stato realizzato l’impianto per lo scambio del calore all’interno del sito di Ast, che ha provveduto con proprie risorse all’operazione, e la rete, realizzata con 3,5 milioni di euro di fondi comunitari. Ma il servizio non è mai partito.
Ora, finalmente potrebbe arrivare la svolta. Svolta però subordinata al superamento di alcune problematiche, tecniche e di gestione, che il Comune è intenzionato ad affrontare. La prima riguarda proprio la fonte di alimentazione. Il progetto iniziale prevedeva l’utilizzo in contemporanea delle tre siviere per generare la quantità di calore necessaria ad alimentare la rete. Solo che oggi Ast non usa più i tre impianti in contemporanea, ma una sola, una e mezza al massimo. L’acqua circola così a una temperatura non pressurizzata a 120 °C, troppo bassa per riscaldare appartamenti e uffici. Problema che la stessa Ast si è detta disposta a superare, intervenendo sui suoi impianti.
Il secondo riguarda il gestore del sistema, ovvero il soggetto in grado di far funzionare il sistema, esigenza ribadita anche da Ast. Soggetto che ancora manca. In passato si era pensato di coinvolgere Asm, la multiservizi comunale, che però aveva non aveva mostrato grande entusiasmo. Ora si proverà a riproporre il dossier, prima di cercare altrove.


Leggi anche

L’intesa riguarda il sistema di Settimo Torinese: il big dei cosmetici cederà l’acqua recuperata, depurata e purificata del suo sito di produzione a Engie che la utilizzerà come acqua di reintegro della propria rete. Un esempio di economia circolare che permetterà soddisfare, evitando lo spreco di nuova risorsa idrica, ben il 20% del fabbisogno di acqua della rete della lunghezza di 47 km …

Leggi tutto…

Azzerare del tutto le emissioni di CO2 dei sistemi di teleriscaldamento entro il prossimo decennio. È il grande obiettivo che si è dato Fortum, società energetica finlandese, per la città di Espoo. Un lungo cammino che comincia con l’eliminazione degli attuali generatori fossili che alimentano la rete cittadina, grazie alla costruzione di una centrale a biomasse da 49 MW, che sarà completata per il 2020…

Leggi tutto…

Sarà la geotermia ad alimentare nel prossimo futuro la rete di distribuzione del calore di Aarhus, seconda città della Danimarca. È l’obiettivo dell’intesa tra l’amministrazione cittadina e AP Moller Holding, società quest’ultima che avvierà una campagna di esplorazioni per verificare la fattibilità del progetto. Secondo il programma, le prime trivellazioni saranno effettuate tra il 2019 e il 2020, mentre i primi impianti geotermici saranno costruiti a partire dal 2021…

Leggi tutto…

La società, specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, ha siglato un accordo con il Comune di Alcalá de Henares per la costruzione di un sistema di teleriscaldamento, interamente alimentato da energia green: solare e biomasse. Il sistema, che sarà completato per la fine del prossimo anno, fornirà calore a 12.000 famiglie e sarà realizzato con un investimento di 38 milioni di euro…

Leggi tutto…

Realizzato con il Politecnico di Milano, il report ha analizzato l’impatto a 360° di questi impianti sui territori. I risultati dicono che si tratta di una soluzione vincente sia sul piano ambientale, abbattendo le emissioni di CO2 e di polveri sottili, sia sul piano economico ed occupazionale: 1 euro fatturato dagli impianti genera un impatto sul sistema economico di 2,65 euro e per ogni lavoratore impiegato dal teleriscaldamento nascono 15,5 posti lungo tutta la filiera…

Leggi tutto…