Il grande piano di Acque Bresciane per le reti di Rovato

Due anni di lavoro e quasi 7 milioni di investimenti. Sono i numeri del piano di interventi elaborato da Acque Bresciane, la società che gestisce il ciclo idrico nella provincia di Brescia, per il comune di Rovato. Piano finalizzato all’estensione della rete fognarie a tutte le frazioni della cittadina, considerata anche la capitale della Franciacorta, e al rinnovo della rete di distribuzione idrica nel centro storico.

Al centro dell’intervento, in particolare, le frazioni che sorgono a Sud della linea ferroviaria Milano-Venezia: Duomo, Sant’Andrea, Lodetto, Sant’Anna, San Giorgio e San Giuseppe. In pratica tutti piccoli borghi disseminati nella Pianura padana, che però contano circa 7000 residenti, ossia quasi un terzo della popolazione del comune di Rovato.

Le opere del progetto comprendono la realizzazione di un collettore di collegamento delle frazioni in direzioni Est-Ovest, con una stazione di sollevamento e di rilancio in località Sant’Anna, e il completamento del collettore principale in direzione Nord-Sud. Acque Bresciane ha inoltre previsto la realizzazione di alcune tratte di rete fognaria nelle frazioni di San Giuseppe, Sant’Andrea, Sant’Anna, San Giorgio, Duomo e Laudetto e di altre stazioni minori di sollevamento e rilancio. Opere, della durata complessiva di 24 mesi, che saranno avviate a partire dal prossimo anno.


Leggi anche

Il gestore idrico toscano sta portando avanti una serie di interventi sulle infrastrutture idriche al servizio del comune della provincia di Prato. Opere avviate nel 2016 al cui completamento manca l’ultimo tassello: la depurazione del capoluogo e di alcune frazioni. I lavori verranno avviati nel 2021 per un valore di 4 milioni di euro e prevedono la posa di una nuova condotta fognaria e di 7 stazioni di sollevamento …

Leggi tutto…

Blue Book 2019

È quanto emerge dal Blue Book 2019, lo studio promosso da Utilitalia e realizzato da Fondazione Utilitatis con Istat, che fa il punto sul comparto. Al costante incremento degli investimenti, fanno da contraltare la vetustà di reti e impianti, il livello di perdite idriche ancora elevato e le carenze che perdurano nel campo della depurazione, con le regioni meridionali in ritardo anche nel completamento del processo di affidamento del servizio …

Leggi tutto…

In calendario 19 appuntamenti tra presentazioni, tavole rotonde, workshop e seminari. L’8 novembre focus sul primo progetto in Italia che unisce termovalorizzatore e depuratore in un polo green e carbon neutral. Ecomondo sarà il palcoscenico perfetto per illustrare anche molti altri progetti e attività che testimoniano l’impegno di Gruppo CAP nella ricerca e nell’innovazione. A partire da PerFORM WATER 2030….

Leggi tutto…

MM (Metropolitana Milanese) ha ricevuto venerdì 25 Ottobre la chiave simbolica del depuratore di Nosedo. Dal 9 Novembre sostituirà a tutti gli effetti il gestore precedente nella conduzione del depuratore…

Leggi tutto…

Il gestore idrico del Basso Valdarno ha concluso la costruzione di un nuovo tratto della rete di raccolta dei reflui nella zona sud del comune in provincia di Firenze. L’opera ha visto la posa di 500 m di condotte che eviteranno che l’area si allaghi in caso di forti piogge. Prosegue invece l’intervento nella frazione San Pierino, dove con un investimento di 1,2 milioni, la società sta realizzando una rete fognaria dell’estensione di oltre 4 chilometri…

Leggi tutto…