Italgas Alghero Sardegna rete distribuzione gas

Il metano in Sardegna è realtà: in esercizio ad Alghero la prima rete di distribuzione

Il 3 agosto del 2020 è destinata a diventare una data storica per la Sardegna. In quel giorno infatti entra in funzione la prima rete di distribuzione del gas naturale a servizio dell’Isola.

La rete in questione è quella realizzata da Italgas ad Alghero (Sassari), per la precisione a entrare in esercizio è la parte di infrastruttura della Petraia, a ridosso del lungomare, un tratto dell’estensione di 6,5 chilometri. Tratto lungo il quale la società ha già realizzato oltre 250 predisposizioni di allaccio, in corrispondenza di altrettante richieste sottoscritte dai cittadini.

Ma non è questa l’unica buona notizia per gli abitanti dell’Isola. Italgas ha infatti anche inviato alle amministrazioni dei 36 comuni coinvolti l’inizio delle attività tecniche per la conversione al metano delle reti di distribuzione nei territori che ricadono nei Bacini 7, 9 e 22 attualmente alimentati con Gpl. Il piano delle conversioni messo a punto dall’azienda prevede che le operazioni siano completate tra questo e la prima metà del prossimo anno, con i lavori che si concentreranno nei mesi con un clima più mite.

«La Sardegna è l’esempio più efficace della nostra capacità di innovare e realizzare investimenti in tempi brevi – ha commentato l’amministratore di Italgas, Paolo Gallo -. Abbiamo completato il 65% dei 1.100 chilometri di rete complessiva e, dopo Alghero, un numero crescente di persone potranno usufruire degli importanti benefici che il metano garantisce, a cominciare dai risparmi in bolletta fino al 30%. Infatti, in questi mesi nei Bacini dove noi operiamo abbiamo già raccolto più di 35.000 richieste di allacciamento, a dimostrazione di una domanda in costante crescita e segno di un’esigenza che vogliamo soddisfare in tempi brevi».


Leggi anche

Rete gas di Molise Gestioni a Castropignano

Partiranno in autunno, subito l’ok definitivo dell’amministrazione comunale, i lavori per estendere la rete di distribuzione gas del comune in provincia di Campobasso. Lavori che prevedono la metanizzazione della frazione di Roccaspromonte e della zona industriale del comune, attraverso la posa di 9 chilometri di nuove condotte, con un investimento di 1,6 milioni di euro …

Leggi tutto…

Camioncino Iren - Bilancio di Sostenibilità 2019

Lo studio certifica l’impegno della multiutility verso l’ambiente, pilastro sempre più strategico delle sue attività. A partire da una gestione sempre più efficiente dell’acqua, grazie alla distrettualizzazione delle reti e alla lotta alle perdite. Nello scorso anno è cresciuta anche la raccolta differenziata, arrivando al 67,3% del totale, la flotta elettrica e la volumetria teleriscaldata, arrivata a 95 mmc, mentre l’impronta carbonica del Gruppo si è ridotta dell’1,7%…

Leggi tutto…

Lavori alla rete di distribuzione gas di Predazzo gestita da Novareti

La società di Dolomiti Energia che gestisce i servizi di distribuzione gas, ciclo idrico e teleriscaldamento, ha avviato i lavori per dotare dell’infrastruttura di distribuzione del metano la frazione di Bellamonte, tra le località più affascinanti della Val di Fiemme e del Trentino. La nuova rete sarà realizzata con un investimento di 2,5 milioni di euro, e dovrebbe essere completata prima del prossimo inverno …

Leggi tutto…

Acquambiente Marche aderisce alla rete Risorse idriche e ambientali Marche

Acquambiente Marche, che gestisce il ciclo idrico e la distribuzione gas in quattro comuni marchigiani, ha aderito alla rete Risorse idriche e ambientali Marche, istituita all’inizio dello scorso anno da Ciip, il gestore idrico del sud delle Marche, e Asite, la multiservizi del comune di Fermo. Accrescere la capacità competitiva delle aziende e migliorare i servizi offerti ai cittadini gli obiettivi della partnership…

Leggi tutto…

Gasdotto Malta Italia

L’opera, di interesse strategico per la Commissione europea, si estenderà per 159 chilometri, quasi tutti offshore, collegando la zona sud di Malta con Gela, consentendo di connettere l’isola con la rete italiana. Porrà così fine al suo isolamento e ne faciliterà l’approvvigionamento di gas. Il gasdotto sarà realizzato entro il 2026 con un costo di 400 milioni interamente a carico di Malta…

Leggi tutto…