Il piano di Acam Acque per le reti di La Spezia

È un impegno milionario quello in campo da Acam Acque per migliorare la qualità delle acque del Golfo di La Spezia. La società del gruppo Iren, che gestisce il servizio idrico nella città toscana e nei comuni della sua provincia, ha presentato il piano di interventi che, entro il 2020, permetterà di sistemare il sistema di raccolta e depurazione dei reflui e di risolvere diverse problematiche che interessano anche la rete di distribuzione dell’acqua potabile Piano che prevede un investimento complessivo di circa 13 milioni di euro.

Interventi che vanno a sanare situazioni nelle quali in passato non era stato possibile intervenire per mancanza di finanziamenti e che interessano in particolare l’area collinare di La Spezia, dalla frazione Canaletto a Campiglia.

Un’opera suddivisa in due parti, una dedicata al risanamento della rete idrica e l’altra all’allaccio delle reti fognarie, in modo da tutelare, rispettivamente, le zone di prelievo dell’acqua potabile e la qualità dell’acqua del golfo.

Più nello specifico, gli impegni dell’azienda prevedono 3,5 milioni di euro per la manutenzione degli impianti e 1,6 milioni per le derivazioni d’utenza. Oltre 3,6 milioni andranno poi alla realizzazione e al rinnovo di reti e impianti per le acque potabili, e circa 1,5 milioni per l’installazione di nuovi gruppi di misura.

Per quanto riguarda la raccolta e trattamento dei reflui, 760.000 euro sono destinati alla manutenzione degli impianti di depurazione, mentre 3,2 milioni alla costruzione di nuovi sistemi di trattamento o per importanti interventi di rinnovo dei sistemi già esistenti. Alla manutenzione delle reti fognarie vanno oltre 1,7 milioni e ben 3,7 serviranno per la costruzione e il rinnovo delle reti.

Tra gli impegni non è stata trascurata l’attività di ricerca delle perdite di rete per la quale l’azienda ha stanziato 600.000 euro, mentre oltre 800.000 euro sono stati destinati all’acquisto di nuove attrezzature, automezzi e altre tecnologie.


Leggi anche

A fronte di 13 miliardi di investimenti pianificati nel quadriennio 2016-2019 pochi i cantieri partiti e ancora meno quelli conclusi: solo il 5% del valore. È il paradosso evidenziato dal Water Management Report, lo studio del Politecnico di Miano che fotografa la situazione del sistema idrico nazionale, presentato in Senato da ANIMA, Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica Varia ed Affine…

Leggi tutto…

Si tratta del secondo lotto di opere a servizio dei circa 1500 abitanti che vivono nelle frazioni del comune in provincia di Torino. L’intervento, del valore di circa 2 milioni di euro, riguarda l’ammodernamento di parte della rete idrica, con la sostituzione di oltre 3200 m di vecchie condotte in cemento-amianto con nuove tubazioni in ghisa sferoidale, e la costruzione di un collettore fognario…

Leggi tutto…

La Scuola Orsolina28 è un luogo dedicato alla danza e alla gioia e libertà che la danza trasmette. Tutto è organizzato per vivere un’esperienza di condivisione a contatto con la natura: il Glamping interno alla tenuta è un’“accomodation” dotato di tende geodetiche permanenti con tutti i comfort. Ogni tenda ha a disposizione un bagno con wc, lavabo, doccia, acqua calda e sistema di riscaldamento….

Leggi tutto…

La candidatura dell’azienda, che gestisce il servizio idrico in 56 comuni del Piemonte, è stata accettata dall’associazione che riunisce 65 gestori da tutta Europa, 15 dei quali italiani. Un riconoscimento importante, che consentirà alla società di consolidare progetti e strategie sempre radicate nel territorio di riferimento, ma con un “respiro” e un terreno di confronto europeo…

Leggi tutto…

Lo dicono i dati che saranno pubblicati sul prossimo Blue Book, lo studio annuale promosso da Utilitalia sullo stato di salute di acquedotti e reti, anticipati dal presidente della Federazione, Giovanni Valotti. Nel meridione ancora reti con livelli di perdite del 50%, mentre stenta a decollare l’aggregazione tra gestori. Una situazione che si riflette sugli investimenti e, quindi, sullo stato delle infrastrutture …

Leggi tutto…