Il piano di Umbra Acque per le reti idriche di Città di Castello

Supera i 3,6 milioni di euro il valore delle opere programmate da Umbra Acque sulle reti idriche di Città di Castello. Gli interventi, che interessano sia l’acquedotto sia le fognature, sono previsti nel nuovo piano industriale del gestore idrico e si svilupperanno nell’arco di tre anni.

Il potenziamento delle reti idriche

Per quanto riguarda l’acquedotto le risorse messe a disposizione ammontano a oltre 1,6 milioni di euro. Il piano di interventi prevede il potenziamento delle reti idriche nelle aree di:

  • San Secondo
  • Bivio Lugnano
  • Bivio Canoscio
  • Meltina Alta

per una spesa complessiva di 900.000 euro.

L’estensione della rete di distribuzione

Altro importante lavoro riguarda l’estensione della rete di distribuzione alle aree attualmente non coperte nella zona di Santa Lucia, per un valore di 600.000 euro. Completano il quadro i lavori di sistemazione degli impianti di potabilizzazioni di diverse località per un importo complessivo di 100.000.

I lavori di riduzione delle perdite di rete

A questi interventi si aggiungono, poi, le attività finalizzate alla riduzione delle perdite di rete. In questo caso si tratta di lavori già previsti e finanziati nel piano 2020-2021 per una spesa che sfiora i 600.000 euro. Lavori che comprendono la sostituzioni delle linee ammalorate a:

  • Bonsciano e Lugnano (che il gestore ha già concluso)
  • San Secondo (via Galvani)
  • San Leo
  • Cerbara
I cantieri per le reti fognarie

Ancora maggiore l’investimento destinato a migliorare il sistema fognario, che ammonta complessivamente a 2 milioni di euro. In questo caso il cantiere più rilevante e tecnicamente impegnativo è quello previsto per il risanamento delle condotte miste nel tratto terminale del torrente Scatorbia: un intervento dal costo di 1,8 milioni di euro.
Inoltre, sono stati previsti tre interventi, per una spesa di 200.000 euro, per la realizzazione dei collettori fognari a Fabrecce e Fraccano e nella zona industriale di Città di Castello.
 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

L’intervento permetterà di eliminare gli scarichi liberi ancora presenti nel centro storico del comune aretino e collettare i reflui all’impianto di depurazione di Figline Valdarno, superando così la procedura d’infrazione comunitaria. Prevede la posa di 4,5 km di condotte, parte della quale sarà effettuata con la tecnica no-dig del microtunnelling, e la realizzazione di 7 sollevamenti fognari e 11 scolmatori per un investimento di 4,5 milioni …

Leggi tutto…

Il sesto tronco dell’infrastruttura sarà completato nei primi mesi del prossimo anno. L’opera, insieme collettore di Ponte Ladrone e al III tronco del collettore della Crescenza, fa parte del complesso di interventi che permetteranno la riqualificazione igienica e ambientale del quadrante Ovest della Capitale. Una volta completata, convoglierà i reflui al depuratore di Roma Ovest, permettendo la dismissione del vecchio impianto di Palmarola ormai saturo…

Leggi tutto…

L’intervento, realizzato con la tecnica senza scavo del relining, ha permesso di ripristinare la piena funzionalità di oltre 2 chilometri di condotte che scorrono sotto due delle principali arterie della città, riducendo al minimo l’impatto sulla viabilità e i costi sociali. I lavori, per una spesa di 3,6 milioni di euro, sono stati conclusi nel pieno rispetto delle tempistiche programmate …

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti….

Leggi tutto…