Il potenziale italiano nella cogenerazione e teleriscaldamento


Con la direttiva sull’efficienza energetica del 2012, l’Unione europea ha stabilito che gli Stati membri effettuassero e notificassero all’esecutivo Ue una valutazione sulla quota di domanda di energia termica che è possibile soddisfare tramite cogenerazione ad alto rendimento (Car) e sistemi di teleriscaldamento efficiente (Trl).

Per ciò che riguarda l’Italia, la risposta è arrivata con un nuovo documento predisposto dal Gse (Gestore dei servizi energetici), trasmesso al Ministero dello sviluppo economico.

Secondo il rapporto, realizzato tenendo conto di criteri tecnici ed economici per lo sfruttamento di queste tecnologie, il potenziale di sviluppo della cogenerazione ad alto rendimento nei settori finali di utilizzo è risultato, sulla base delle condizioni economiche e di consumo attuali, pari a 3.320 ktep. Rispetto alla produzione di calore utile da Car in questi settori al 2013, pari a 2.084 ktep, si riscontra un potenziale incremento di 1.236 ktep. L’aumento è direttamente riconducibile al settore industriale e al settore terziario con una crescita potenziale, rispettivamente, di 740 ktep e 496 ktep. Più ostica la questione del settore residenziale, dove non si riscontra un potenziale economico sfruttabile, perlomeno alle attuali condizioni di mercato e di costi delle tecnologie.

Nel settore del teleriscaldamento, invece, il potenziale riscontrato risulta pari a 1.161 ktep. Rispetto al calore erogato da Tlr nel 2013, pari a 802 ktep, si riscontra dunque un potenziale incremento da teleriscaldamento efficiente di 359 ktep. A tale potenziale incremento contribuisce la produzione di calore basata sullo sfruttamento delle biomasse per 115 ktep e lo sfruttamento della termovalorizzazione dei rifiuti per ulteriori 49 ktep.

 


Leggi anche

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

Nel bilancio previsionale l’amministrazione comunale ha previsto un investimento tra i 2 e 3 milioni di euro per la realizzazione del secondo lotto dell’opera. La rete raggiungerà così le nuove aree del borgo senese e la frazione di Belforte. Entrata in esercizio nell’autunno del 2019, l’infrastruttura gestita da Geo Energy Service è alimentata da un pozzo geotermico di Enel Green Power e serve al momento oltre 150 utenze. …

Leggi tutto…

L’amministrazione del comune del milanese ha dato l’ok al progetto di revamping della centrale a metano a servizio della rete di teleriscaldamento di Engie. Il progetto prevede la costruzione di due serbatoi di accumulo e di una caldaia di backup. In questo modo sarà possibile sfruttare l’energia termica che arriverà dal termovalorizzatore di BEA a Desio e ridurre così il consumo di gas per alimentare l’infrastruttura …

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

L’azienda sta sperimentando nella città, dove è stata realizzata la prima rete di teleriscaldamento d’Italia, l’uso della termografia con droni per l’ispezione dell’infrastruttura. Una soluzione che si affianca alle tecniche di controllo già in uso, come la termografia a terra con automezzo, le prove di tenuta in pressione e i sistemi di misura estivi, e che permette di raggiungere le tratte di rete difficilmente accessibili dai mezzi a terra…

Leggi tutto…