Il progetto di Trapani per efficientare l’illuminazione pubblica

Rinnovare la rete di illuminazione cittadina per renderla più efficiente e risparmiare energia. A questo obiettivo punta il progetto presentato dal Comune di Trapani all’assessorato all’Energia di Regione Sicilia.
Un progetto di efficientamento per un valore complessivo di 5 milioni di euro che sarebbe in gran parte finanziato con fondi europei del Po Fesr 2014-2020. Più nello specifico, con 3,8 milioni di fondi europei, mentre la quota restante, 1,2 milioni resterebbe in capo all’amministrazione cittadina.
L’intervento consiste, in particolare, nell´adeguamento di parte degli impianti della pubblica illuminazione esistenti nel territorio comunale, nello specifico quelli delle lanterne artistiche del centro storico. I lavori previsti consistono nella dismissione di oltre 5000 corpi illuminanti del tipo Sap (ai vapori di sodio ad alta pressione), ioduri metallici e vapori di mercurio, la successiva collocazione di nuovi corpi illuminanti e il relamping delle lanterne artistiche con tecnologia Led. Verranno anche sostituiti 135 quadri elettrici.
Nel complesso il nuovo progetto, che prevede anche la realizzazione di 2 colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, aggiungendosi a quello presentato nei mesi scorsi permetterà, se approvato, permetterà la sostituzione di circa 10.000 corpi illuminanti, oltre la metà di quelli presenti in città, e l’ammoderneremo dell’intera rete di pubblica illuminazione.


Leggi anche

L’amministratore delegato dell’azienda che gestisce la rete elettrica nazionale è stato premiato come miglior manager dell’anno, nel comparto energia, durante il XIX Workshop annuale di Agici e Accenture. Il prestigioso riconoscimento, si legge nella motivazione, è stato assegnato per l’impegno di Terna verso la costruzione di un sistema energetico sostenibile, sicuro e innovativo …

Leggi tutto…

Promosso dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, il progetto punta a integrare i sistemi di accumulo dell’energia e quelli di generazione da fonti rinnovabili nella rete per favorire la partecipazione attiva degli utenti finali ai mercati dell’energia, attraverso la creazione di Community Energy Storage. Saranno sviluppati anche modelli evoluti di pianificazione della rete…

Leggi tutto…

Supportato da investimenti per 850 milioni di euro in quattro anni, il progetto punta a creare l’azienda energetica del futuro. Quattro le aree sulle quali è focalizzato: maggiore efficienza operativa, con l’impiego delle tecnologie più innovative per il monitoraggio e la manutenzione delle infrastrutture, riduzione delle emissioni di metano del 25% al 2025, transizione energetica e spinta all’innovazione…

Leggi tutto…

Entrato in esercizio il cogeneratore che produce energia termica ed elettrica dal biogas generato dal trattamento dei fanghi di depurazione. L’energia ottenuta dall’impianto, che ha una potenza termica di 528 KWT e una potenza elettrica di 404 KWE, viene poi interamente utilizzata per alimentare il processo dei reflui, abbattendo i costi energetici dell’azienda…

Leggi tutto…

È quanto prevede l’accordo stipulato con Regione Veneto, finalizzato a rendere l’infrastruttura più efficiente, sicura e sostenibile. Un piano di interventi articolato in quattro capitoli che comprendono lo sviluppo della rete, con la realizzazione di nuovi elettrodotti, tra i quali il Dolo – Camin, l’ammodernamento della rete esistente, la realizzazione di corridoi verdi e attività di ricerca tra Terna e le università venete….

Leggi tutto…