Il radar batte gli ultrasuoni

Robusti, insensibili e resistenti alle intemperie

La nuova serie di strumenti VEGAPULS è idonea alla misura su liquidi e solidi in pezzatura. È disponibile sia in esecuzione compatta con vano per la connessione del cavo, sia con uscita cavo fissa (IP68). I sensori radar forniscono valori di misura affidabili indipendentemente dagli influssi esterni, come oscillazioni della temperatura o imbrattamento. Sono disponibili diversi segnali in uscita (4…20 mA, HART, SDI-12 oppure Modbus).

La serie di strumenti VEGAPULS è integrata dalle unità di controllo opzionali VEGAMET dotate di un display grafico di grandi dimensioni per la visualizzazione di tutti i valori di misura. Anche questa serie di strumenti soddisfa specificamente le esigenze peculiari del settore delle acque e delle acque reflue e consente la realizzazione di controlli di pompe, misure di portata in canali aperti o sicurezze di sovrappieno conformi a WHG (normativa tedesca relativa all’economia delle acque). Le unità di controllo sono protette dagli influssi atmosferici tramite una custodia per l’impiego sul campo resistente alle intemperie.

 

Massima semplicità di messa in servizio grazie alla calibrazione wireless

Tutti gli strumenti possono essere calibrati comodamente anche tramite Bluetooth con uno smartphone o un tablet. Questo semplifica in maniera decisiva la parametrizzazione, la visualizzazione e la diagnosi in ambienti difficili o aree a rischio di esplosione.

 

Indipendenti da influssi ambientali

L’indipendenza dalle condizioni ambientali della nuova serie di strumenti è una caratteristica che torna utile soprattutto nel settore delle acque e delle acque reflue. Attualmente in questo settore sono ancora impiegati numerosi sensori ultrasonori che, a causa del proprio principio di misura fisico, sono fortemente esposti alle avversità della natura. Il tempo di propagazione sonora varia infatti a seconda della temperatura, che è influenzata a sua volta per es. dall’irradiazione solare. Anche la nebbia fitta, il vento e la pioggia causano un’ulteriore attenuazione delle onde sonore, limitando ulteriormente il campo di misura. Tutto questo è irrilevante per la nuova serie di strumenti VEGAPULS.

 

Valori di misura stabili nonostante l’imbrattamento

In altre applicazioni i sensori di livello devono fare i conti con adesioni di prodotto e imbrattamento. Nei sensori ultrasonori le adesioni influenzano l’affidabilità del segnale di misura e determinano un’estensione della zona morta. Grazie a un’elaborazione ottimizzata del segnale, i sensori radar sopprimono semplicemente i segnali di disturbo provocati da adesioni sul sistema di antenna. Inoltre, non risentono dell’imbrattamento e non richiedono pulizia. Nell’industria del trattamento delle acque, questo risulta vantaggioso per esempio nei sili di stoccaggio della calce impiegata per la stabilizzazione del valore di PH. I sensori radar forniscono valori di misura affidabili indipendentemente dalla formazione di polvere. Allo stesso tempo, grazie all’ottima focalizzazione del segnale, effettuano una misura precisa anche in presenza di adesioni sulle pareti del silo e di eventuali depositi sul sensore stesso.

 

Inondazioni? Nessun problema per i sensori radar.

Per ragioni di processo, in alcune applicazioni si verifica la sommersione dei sensori. Per questo spesso i sensori ultrasonori vengono protetti tramite apposite custodie soggette a imbrattamento o danneggiamento. I sensori radar non necessitano di tali protezioni.
 
VEGA Italia Srl
 

Se vuoi rimanere aggiornato sulle iniziative, attività e news di settore, iscriviti ora alla newsletter bimestrale di Servizi a Rete

 


Leggi anche

Mercoledì 20 gennaio, durante la live demo di 30 minuti organizzata in collaborazione con Servizi a Rete, gli esperti VEGA mostreranno come utilizzare i nuovi sensori radar per ottimizzare il funzionamento e la manutenzione degli impianti di trattamento acque reflue. Il risultato? Dati di misura precisi e un perfetto controllo delle diverse fasi di processo.

Leggi tutto…

Sulla piattaforma verrà caricata l’intera base informativa delle reti e impianti fognari e saranno implementate interfacce 3D che renderanno la gestione delle infrastrutture sempre più smart. Tutto il processo verrà realizzato con l’impiego di tecnologie di ultima generazione, come laser scanner 3D, il GNSS, la geo-radiolocalizzazione e navigazione terrestre. …

Leggi tutto…

L’intervento sarà completato entro la fine dell’anno e consentirà agli oltre 400 abitanti della frazione di Massa Macinaia del comune lucchese di fruire di un sistema di scarico e raccolta dei reflui. Reflui che saranno convogliati al depuratore, riducendo gli scarichi diretti nel reticolo idraulico secondario. I lavori, suddivisi in tre fasi, hanno visto la posa di oltre 2 chilometri di nuove condotte, con un investimento complessivo di 1,9 milioni di euro. …

Leggi tutto…

Le risorse verranno utilizzate dai 12 gestori veneti raccolti nel consorzio per nuovi interventi finalizzati a potenziare le reti idriche, ad estendere quelle fognarie, a costruire nuovi depuratori e a migliorare il trattamento dei reflui. Un impegno in continuità con quello degli ultimi anni: solo nei primi nove mesi di quest’anno gli investimenti hanno toccato i 145 milioni di euro, mentre sono stati pari a 459 milioni nel 2019….

Leggi tutto…

Rinnovare le infrastrutture di raccolta dei reflui che presentano maggiori criticità è l’obiettivo del vasto programma di interventi messo a punto dal gestire idrico della Provincia di Monza e della Brianza. La prima fase, per un investimento di 4 milioni di euro, coinvolgerà 3,5 chilometri di condotte di 16 comuni. Gran parte dei lavori verranno eseguiti con la tecnica del relining. …

Leggi tutto…