Il Recovery Fund delle utility: progetti per 25 miliardi di euro

Le utility sono pronte a svolgere un ruolo centrale nel dispiegamento delle risorse del Recovery Fund e a fare la loro parte per il rilancio dell’Italia, attraverso un grande piano di opere nei settori acqua, ambiente ed energia. Piano che Utilitalia, la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche, ha presentato nel corso dell’audizione presso le Commissioni riunite Bilancio, Ambiente e Attività produttive della Camera dei Deputati nell’ambito dell’esame della Proposta di piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). Piano che prevede progetti per 25 miliardi di euro e che avrebbe un potenziale di impatto importante:

  1. sia in termini di PIL, +1,48%
  2. sia sull’occupazione con la creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro
Michaela Castelli, Presidente di Utilitalia, spiega 

«Il Recovery Fund è una grande opportunità per l’Italia. Come Paese dobbiamo agire in modo concreto e responsabile attraverso investimenti mirati nei settori strategici e con una politica industriale che guardi alla transizione energetica e sostenibile come pilastro. Le Utilities italiane su questo stanno facendo e faranno la loro parte».

Ripartizione dei fondi

Di questi investimenti:

  • 24,9 miliardi sono per la transizione verde
  • 142 milioni per la digitalizzazione
  • l’idrico il comparto nel quale si concentra il maggior numero di progetti, pari al 55% del totale per un valore di circa 14 miliardi
  • segue poi quello energetico, 27% e circa 7 miliardi
  • E poi quello ambientale, 17% con circa 4 miliardi

Nel campo idrico, i progetti vanno dall’ottimizzazione degli approvvigionamenti alla depurazione efficiente, fino alla riduzione delle perdite di rete e al contrasto al dissesto idrogeologico.

Mentre in quello energetico dall’efficientamento energetico degli edifici al teleriscaldamento, dalle smart grid fino allo sviluppo delle energy community.

In quello ambientale si punta ad accelerare la raccolta differenziata, sull’ampliamento della tariffa puntuale, sulla realizzazione di nuovi impianti per il riciclo e sulla valorizzazione dei fanghi di depurazione.

Michaela Castelli aggiunge

«La transizione ecologica ha bisogno di un piano dettagliato e di una serie di riforme, perché le risorse da sole non bastano: serve una forte semplificazione normativa, soprattutto in fase di iter autorizzativi e snellimento dei tempi delle procedure, e un impegno non più differibile sul Meridione, dove è indispensabile favorire un approccio industriale ai servizi pubblici»

Riforma del servizio idrico al Sud

A questo riguardo le proposte avanzate da Utilitalia prevedono la riforma del servizio idrico al Sud, con un forte indirizzo statale che assicuri l’affidamento del servizio a un soggetto industriale, e l’autosufficienza nel ciclo dei rifiuti, superando la frammentazione e garantendo l’adeguamento della pianificazione regionale alle reali necessità impiantistiche del Paese.

A questi si aggiungono la promozione del consolidamento industriale dei comparti di pubblica utilità, incentivi all’efficienza delle imprese e una semplificazione dei procedimenti autorizzativi.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Con l’acquisizione della partecipazione di maggioranza di FAST Spa, il Gruppo Pietro Fiorentini integra un’azienda attiva nei sistemi di automazione e controllo di processo per l’industria e per i servizi di produzione, gestione e distribuzione delle utilities, compiendo un passo decisivo nel consolidamento della leadership nei settori dello Smart Metering e delle Smart Grids….

Leggi tutto…

Con l’Università di Bologna e Rezatec, Hera sta testando un algoritmo che individua i punti della rete a maggior rischio di rottura, per pianificare le sostituzioni mirate delle condotte. Dopo una prima sperimentazione nei comuni di Santarcangelo di Romagna, Riccione e Cattolica, quest’anno il progetto si estende anche nel territorio di Forlì-Cesena, coinvolgendo in totale 2.800 km di rete…

Leggi tutto…

I lavori prevedono una serie di implementazione tecniche, di interventi sulla linea acque e sulla linea fanghi e la costruzione di nuove sezioni di processo, per portare la capacità di trattamento dagli attuali 4.000 a 7.000 abitanti equivalenti. Gli interventi, per un investimento di 2,5 milioni di euro, prenderanno il via in primavera per concludersi per la fine dell’anno o l’inizio del 2022…

Leggi tutto…

Il consorzio europeo costituito da 13 realtà attive nelle infrastrutture del gas naturale e nel gas rinnovabile di 9 Paesi, tra le quali Snam e Consorzio Italiano Biogas, ha chiesto alla commissione di introdurre nella nuova Direttiva sulle energie rinnovabili un obiettivo vincolante dell’11% di gas rinnovabili sul totale della domanda di gas al 2030. Una misura che aiuterebbe a raggiungere gli obiettivi climatici fissati dall’Unione e ad accelerare la crescita dei gas green …

Leggi tutto…

Nasce il RAB, organo autonomo e indipendente che garantirà la condivisione delle informazioni, il dialogo e il confronto sulle attività della Biopiattaforma, la struttura carbon neutral dedicata all’economia circolare che riunirà il termovalorizzatore e il depuratore di Sesto San Giovanni….

Leggi tutto…