Il Recovery Fund delle utility: progetti per 25 miliardi di euro

Le utility sono pronte a svolgere un ruolo centrale nel dispiegamento delle risorse del Recovery Fund e a fare la loro parte per il rilancio dell’Italia, attraverso un grande piano di opere nei settori acqua, ambiente ed energia. Piano che Utilitalia, la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche, ha presentato nel corso dell’audizione presso le Commissioni riunite Bilancio, Ambiente e Attività produttive della Camera dei Deputati nell’ambito dell’esame della Proposta di piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). Piano che prevede progetti per 25 miliardi di euro e che avrebbe un potenziale di impatto importante:

  1. sia in termini di PIL, +1,48%
  2. sia sull’occupazione con la creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro
Michaela Castelli, Presidente di Utilitalia, spiega 

«Il Recovery Fund è una grande opportunità per l’Italia. Come Paese dobbiamo agire in modo concreto e responsabile attraverso investimenti mirati nei settori strategici e con una politica industriale che guardi alla transizione energetica e sostenibile come pilastro. Le Utilities italiane su questo stanno facendo e faranno la loro parte».

Ripartizione dei fondi

Di questi investimenti:

  • 24,9 miliardi sono per la transizione verde
  • 142 milioni per la digitalizzazione
  • l’idrico il comparto nel quale si concentra il maggior numero di progetti, pari al 55% del totale per un valore di circa 14 miliardi
  • segue poi quello energetico, 27% e circa 7 miliardi
  • E poi quello ambientale, 17% con circa 4 miliardi

Nel campo idrico, i progetti vanno dall’ottimizzazione degli approvvigionamenti alla depurazione efficiente, fino alla riduzione delle perdite di rete e al contrasto al dissesto idrogeologico.

Mentre in quello energetico dall’efficientamento energetico degli edifici al teleriscaldamento, dalle smart grid fino allo sviluppo delle energy community.

In quello ambientale si punta ad accelerare la raccolta differenziata, sull’ampliamento della tariffa puntuale, sulla realizzazione di nuovi impianti per il riciclo e sulla valorizzazione dei fanghi di depurazione.

Michaela Castelli aggiunge

«La transizione ecologica ha bisogno di un piano dettagliato e di una serie di riforme, perché le risorse da sole non bastano: serve una forte semplificazione normativa, soprattutto in fase di iter autorizzativi e snellimento dei tempi delle procedure, e un impegno non più differibile sul Meridione, dove è indispensabile favorire un approccio industriale ai servizi pubblici»

Riforma del servizio idrico al Sud

A questo riguardo le proposte avanzate da Utilitalia prevedono la riforma del servizio idrico al Sud, con un forte indirizzo statale che assicuri l’affidamento del servizio a un soggetto industriale, e l’autosufficienza nel ciclo dei rifiuti, superando la frammentazione e garantendo l’adeguamento della pianificazione regionale alle reali necessità impiantistiche del Paese.

A questi si aggiungono la promozione del consolidamento industriale dei comparti di pubblica utilità, incentivi all’efficienza delle imprese e una semplificazione dei procedimenti autorizzativi.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

I lavori, realizzati con 4,5 milioni di euro messi a disposizione da Regione Basilicata, hanno permesso di portare la capacità di trattamento da 28.000 a 34.000 abitanti equivalenti, adeguando l’impianto, che sorge in località Pantano, alle attuali normative. Si tratta infatti del primo dei tre interventi previsti sui depuratori necessari per fare uscire la città dalla procedura di infrazione comunitaria. …

Leggi tutto…

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…

I titoli, che hanno un taglio unitario minimo di 100.000 euro e che scadono il 17 gennaio 2031, hanno fatto registrare una domanda pari a oltre il doppio dell’offerta. Le risorse ottenute con la nuova operazione di finanza sostenibile andranno a sostenere i progetti di sostenibilità previsti dal Piano Industriale al 2025, andando a focalizzarsi sullo sviluppo del teleriscaldamento, il recupero della plastica e il miglioramento della depurazione….

Leggi tutto…

Dureranno circa un anno i lavori per l’ammodernamento dell’impianto a servizio della cittadina termale in provincia di Pisa. Un intervento, del valore di 1,7 milioni di euro, con il quale il gestore idrico del Basso Valdarno punta a risolvere una serie di criticità dell’impianto, legate alle acque di tipo di misto che vi arrivano, oltre che all’obsolescenza e all’ammaloramento dei due grandi serbatoi che lo costituiscono….

Leggi tutto…

Verso la conclusione i lavori, del valore di 3 milioni di euro, che la società sta portando avanti nel comune del vicentino. Lavori che riguardano la realizzazione della rete fognaria in alcune strade della cittadina che ancora ne erano prive, con la posa di 2,5 chilometri di nuove condotte, e la separazione delle acque bianche da quelle nere, con la costruzione di una nuova linea fognaria a queste dedicate….

Leggi tutto…