Il software di Acquedotto Lucano che aiuta a ridurre le perdite idriche

È frutto di un lavoro di ricerca e sviluppo interno WaLoRe (water loss research, ovvero ricerca sulla perdita di acqua), il software messo a punto da Acquedotto Lucano per la gestione della ricerca delle perdite idriche. Un programma che si è rivelato prezioso per il gestore lucano del ciclo idrico, permettendo di migliorare l’efficienza della campagna di ricerca perdite, consentendo di utilizzare al meglio le risorse per la manutenzione delle condotte e contribuendo così a ridurre gli sprechi e i costi energetici. Risultati certificati dall’azienda che, negli ultimi sei mesi del 2018, ha effettuato oltre 1.200 interventi gestiti con questo sistema, su circa 100 chilometri di tubazioni.

Le perdite idriche rappresentano uno dei principali problemi da affrontare per la maggior parte delle società che gestiscono il servizio idrico integrato e la Basilicata, con i suoi 11.000 chilometri di tubi che distribuiscono acqua potabile, non fa eccezione. Anzi, in alcune zone della regione il fenomeno assume dimensioni preoccupanti. Ovviamente l’azienda ha come obiettivo la loro riduzione, obiettivo sottolineato anche all’inizio dell’anno all’assemblea degli azionisti dall’amministratore unico di Acquedotto Lucano, Giandomenico Marchese. Ed è proprio per raggiungere tale risultato che è stato sviluppato il nuovo software. Ma non solo. La società ha infatti anche programmato una campagna di ricerca delle perdite con la sostituzione dei tratti di rete più obsoleta, l’utilizzo di apparecchiature di regolazione per evitare gli eventuali sfiori, ovvero fuoriuscite di acqua dai serbatoi quando sono colmi, e la riduzione delle pressioni di esercizio, attraverso la distrettualizzazione delle reti.

Ancora più nello specifico, Acquedotto lucano punta per quest’anno a ottenere una significativa riduzione dei consumi idrici e, di conseguenza, energetici, sulle reti di distribuzione di 17 abitati, riducendone del 10% i volumi di acqua immessi in rete rispetto all’anno precedente. Target al quale ha dedicato investimenti per oltre 6 milioni di euro.


Leggi anche

Il gestore idrico del Basso Valdarno ha presentato il piano definitivo di ammodernamento e potenziamento dell’impianto Schiavone, a servizio del comune fiorentino. I lavori mirano ad ammodernare e potenziare il depuratore, la cui capacità di trattamento sarà portata a 6000 ae, dagli attuali 3000, con un investimento di 2 milioni di euro. Contestualmente la società avvierà la riorganizzazione della rete fognaria con una spesa aggiuntiva di 3 milioni…

Leggi tutto…

La società, che gestisce le risorse idriche calabresi, ha completato i collegamenti idraulici che consentiranno di estendere la distribuzione dell’acqua di alta qualità custodita dall’invaso costruito sull’Aspromonte anche nel cuore della città dello Stretto. Ultimo tassello di un’opera che i reggini hanno atteso per 50 anni …

Leggi tutto…

Il comune della provincia di Cagliari, che ha un livello di perdite di rete del 50%, rientra tra i primi trenta interessati da progetto Reti intelligenti, che punta ad abbattere la dispersione dell’acqua distribuita attraverso l’ingegnerizzazione delle infrastrutture. La società ha già completato il monitoraggio della rete cittadina e ora si appresta a dividerla in distretti per procedere con l’analisi delle criticità rilevate e i conseguenti interventi …

Leggi tutto…

La multiutility capitolina ha aggiornato il piano 2018-2022: gli investimenti crescono di 900 milioni di euro rispetto al documento precedente salendo a 4 miliardi. Risorse che saranno destinate principalmente al miglioramento della qualità ed efficienza del servizio idrico, circa 250 milioni, al rafforzamento della resilienza delle reti elettriche (250 milioni) e alla crescita della generazione rinnovabile…

Leggi tutto…

L’impianto, che sorge in località Pantano e serve buona parte della città dei Sassi, è oggetto di una serie di interventi per incrementarne la capacità di trattamento a 34.000 abitanti equivalenti, dagli attuali 28.000, e migliorarne l’efficienza nel processo dei reflui. L’ammodernamento del depuratore sarà concluso entro luglio con un investimento complessivo di 4,8 milioni di euro …

Leggi tutto…