Il software di Acquedotto Lucano che aiuta a ridurre le perdite idriche

È frutto di un lavoro di ricerca e sviluppo interno WaLoRe (water loss research, ovvero ricerca sulla perdita di acqua), il software messo a punto da Acquedotto Lucano per la gestione della ricerca delle perdite idriche. Un programma che si è rivelato prezioso per il gestore lucano del ciclo idrico, permettendo di migliorare l’efficienza della campagna di ricerca perdite, consentendo di utilizzare al meglio le risorse per la manutenzione delle condotte e contribuendo così a ridurre gli sprechi e i costi energetici. Risultati certificati dall’azienda che, negli ultimi sei mesi del 2018, ha effettuato oltre 1.200 interventi gestiti con questo sistema, su circa 100 chilometri di tubazioni.

Le perdite idriche rappresentano uno dei principali problemi da affrontare per la maggior parte delle società che gestiscono il servizio idrico integrato e la Basilicata, con i suoi 11.000 chilometri di tubi che distribuiscono acqua potabile, non fa eccezione. Anzi, in alcune zone della regione il fenomeno assume dimensioni preoccupanti. Ovviamente l’azienda ha come obiettivo la loro riduzione, obiettivo sottolineato anche all’inizio dell’anno all’assemblea degli azionisti dall’amministratore unico di Acquedotto Lucano, Giandomenico Marchese. Ed è proprio per raggiungere tale risultato che è stato sviluppato il nuovo software. Ma non solo. La società ha infatti anche programmato una campagna di ricerca delle perdite con la sostituzione dei tratti di rete più obsoleta, l’utilizzo di apparecchiature di regolazione per evitare gli eventuali sfiori, ovvero fuoriuscite di acqua dai serbatoi quando sono colmi, e la riduzione delle pressioni di esercizio, attraverso la distrettualizzazione delle reti.

Ancora più nello specifico, Acquedotto lucano punta per quest’anno a ottenere una significativa riduzione dei consumi idrici e, di conseguenza, energetici, sulle reti di distribuzione di 17 abitati, riducendone del 10% i volumi di acqua immessi in rete rispetto all’anno precedente. Target al quale ha dedicato investimenti per oltre 6 milioni di euro.


Leggi anche

Innovazione tecnologica, ammodernamento e potenziamento delle infrastrutture al centro del Piano presentato da Mariarosaria Altieri e Matteo Picardi, rispettivamente, presidente e direttore generale della società che gestisce il servizio idrico a Salerno. Con un focus particolare su fognature e depurazione…

Leggi tutto…

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato dal Centre on Regulation in Europe, e presentato a Roma da Utilitalia e fondazione Utilitatis, sottolinea come in tema di gestione del ciclo idrico non conti l’assetto pubblico o privato dell’operatore, ma la capacità di garantire un servizio efficiente, efficace e di alta qualità ai cittadini. E, in entrambi i casi, la presenza di una regolazione indipendente è fondamentale per stimolare gli investimenti….

Leggi tutto…

Mancano gli ultimi dettagli al progetto esecutivo per la realizzazione della rete idrica e fognaria, rispettivamente, per un’estensione di 7 e 8 chilometri, a servizio del quartiere che sorge nell’estrema periferia Ovest della Capitale. Un’opera del valore complessivo di 8,5 milioni di euro, attesa da tempo e della quale beneficeranno circa 120 utenze, che sarà messa a gara il prossimo settembre. …

Leggi tutto…

Presentato dall’AD Piero Ferrari, il nuovo piano punta a migliorare le infrastrutture dei 55 comuni gestiti e l’efficienza operativa attraverso la digitalizzazione dei processi. Una bella fetta di risorse sarà destinata all’ottimizzazione dei distretti idrici e alla riduzione e valorizzazione dei fanghi di depurazione …

Leggi tutto…