Il teleriscaldamento centrale per l’economia circolare e la transizione energetica

Oltre la metà dei consumi energetici finali è legato al riscaldamento e al condizionamento, e la stragrande maggioranza di questa energia è consumata nelle città. Se poi si aggiunge che la produzione di tale energia dipende per oltre il 70% dall’utilizzo di fonti fossili, il quadro è completo. È partendo da queste considerazioni che Lorenzo Spadoni, presidente AIRU (Associazione Italiana Riscaldamento Urbano), intervenendo alle audizioni periodiche di ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) sul Quadro Strategico 2019-2021, ha sottolineato il ruolo centrale che il teleriscaldamento può giocare per lo sviluppo dell’economia circolare e nella transizione energetica delle città.  

Riguardo l’evoluzione dell’economia circolare «il teleriscaldamento può fornire un valido contributo, valorizzando tutte le risorse di calore disponibili sul territorio altrimenti disperse o non sfruttate – ha spiegato Spadoni -. Infatti, il teleriscaldamento è l’unica tecnologia in grado di recuperare, su territori relativamente estesi, significativi quantitativi di calore di scarto non altrimenti utilizzabili, proveniente dai siti produttivi, derivante da fonti rinnovabili o prodotto in assetto cogenerativo». Per lo stesso motivo, questa tecnologia rappresenta una soluzione decisiva nell’ambito della transizione energetica in atto su scala globale. A tale proposito il presidente di AIRU ha evidenziato le opportunità che la stessa infrastruttura offre. «La rete è un tramite che mette in comunicazione la domanda di calore da parte dell’utente finale e una fonte dove si genera o si recupera calore – ha spiegato -. È qui che si apprezza al massimo la flessibilità del teleriscaldamento, che è basato su una visione semplice: connettere le risorse e i bisogni locali. Teleriscaldamento significa connettere le persone, connettere le comunità, connettere gli edifici, connettere le tecnologie».

«Il teleriscaldamento – ha concluso – potrà giocare un ruolo importante nelle sfide energetiche del futuro: non a caso il decreto legislativo 102/14 si pone come obiettivo la sua promozione e diffusione. Attenzione però alla peculiarità del settore, per non creare rigidità anziché stimoli allo sviluppo».


Leggi anche

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…

Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, ha presentato il progetto per il nuovo impianto a servizio della rete di distribuzione del calore della cittadina della provincia di Bolzano. La centrale sarà alimentata a biomasse e sarà dotata di un generatore della potenza di 8 MW, in grado di produrre 27 GWh di energia termica ogni anno, sufficienti a scaldare circa 2500 appartamenti, evitando l’emissione in atmosfera di 5500 tonnellate di CO2 annue…

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…