Il teleriscaldamento centrale per l’economia circolare e la transizione energetica

Oltre la metà dei consumi energetici finali è legato al riscaldamento e al condizionamento, e la stragrande maggioranza di questa energia è consumata nelle città. Se poi si aggiunge che la produzione di tale energia dipende per oltre il 70% dall’utilizzo di fonti fossili, il quadro è completo. È partendo da queste considerazioni che Lorenzo Spadoni, presidente AIRU (Associazione Italiana Riscaldamento Urbano), intervenendo alle audizioni periodiche di ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) sul Quadro Strategico 2019-2021, ha sottolineato il ruolo centrale che il teleriscaldamento può giocare per lo sviluppo dell’economia circolare e nella transizione energetica delle città.  

Riguardo l’evoluzione dell’economia circolare «il teleriscaldamento può fornire un valido contributo, valorizzando tutte le risorse di calore disponibili sul territorio altrimenti disperse o non sfruttate – ha spiegato Spadoni -. Infatti, il teleriscaldamento è l’unica tecnologia in grado di recuperare, su territori relativamente estesi, significativi quantitativi di calore di scarto non altrimenti utilizzabili, proveniente dai siti produttivi, derivante da fonti rinnovabili o prodotto in assetto cogenerativo». Per lo stesso motivo, questa tecnologia rappresenta una soluzione decisiva nell’ambito della transizione energetica in atto su scala globale. A tale proposito il presidente di AIRU ha evidenziato le opportunità che la stessa infrastruttura offre. «La rete è un tramite che mette in comunicazione la domanda di calore da parte dell’utente finale e una fonte dove si genera o si recupera calore – ha spiegato -. È qui che si apprezza al massimo la flessibilità del teleriscaldamento, che è basato su una visione semplice: connettere le risorse e i bisogni locali. Teleriscaldamento significa connettere le persone, connettere le comunità, connettere gli edifici, connettere le tecnologie».

«Il teleriscaldamento – ha concluso – potrà giocare un ruolo importante nelle sfide energetiche del futuro: non a caso il decreto legislativo 102/14 si pone come obiettivo la sua promozione e diffusione. Attenzione però alla peculiarità del settore, per non creare rigidità anziché stimoli allo sviluppo».


Leggi anche

Aperto il cantiere per la realizzazione del primo dei tre lotti della rete di distribuzione del calore a servizio del centro storico del comune dell’Amiata. L’infrastruttura, di proprietà del Comune, sarà gestita da GES (Geo Energy Service) e fornirà calore pulito proveniente dal campo geotermico di Enel Green Power a circa 1100 utenze, per un totale di oltre 4000 abitanti …

Leggi tutto…

Nell’ambito dell’estensione della rete a servizio del capoluogo altoatesino la società ha concluso un nuovo tratto che ha consentito di collegare l’ospedale cittadino all’infrastruttura di distribuzione del calore. Con una fornitura di 8.300 MWh di energia, sarà il maggiore utente di energia termica e il suo collegamento consentirà di evitare più di 1.500 tonnellate di emissioni di CO2 all’anno…

Leggi tutto…

Il Centro Interdipartimentale per l’Energia e l’Ambiente è il capofila del progetto italo-svedese che punta a mettere a punto sistemi innovativi per la gestione intelligente del teleriscaldamento, basati su tecnologie avanzate come il machine learning e il model predictive control. I lavori prenderanno il via da novembre, per una durata di tre anni, con un finanziamento di 3 milioni di euro…

Leggi tutto…

Siglato l’accordo tra Sirmione Servizi, società partecipata dal Comune della provincia di Brescia, e Cogeme per dotare la cittadina di un sistema di teleriscaldamento freddo a servizio degli edifici pubblici. Il sistema sarà alimentato principalmente da fonte geotermica e fornirà calore, acqua calda sanitaria e raffreddamento estivo al palazzo del municipio, biblioteca e scuole…

Leggi tutto…

La multinazionale francese dell’energia si è aggiudicata la progettazione e realizzazione di un sistema di teleraffrescamento, della potenza di 105 MW, a servizio del Distretto digitale di Punggol in costruzione nella città-stato. La società, inoltre, realizzerà sempre a Singapore un suo centro di competenze dedicato allo sviluppo di progetti nella regione Asia-Pacifico…

Leggi tutto…