Il teleriscaldamento di Cinisello Balsamo diventerà più green

i

Il teleriscaldamento di Cinisello Balsamo diventerà più green. L’amministrazione del comune in provincia di Milano ha infatti approvato il progetto di Engie per il revamping della centrale di cogenerazione che alimenta la rete di distribuzione del calore. Progetto indispensabile per dare realtà all’accordo che Engie aveva siglato nel 2019 con BEA (Brianza Energia Ambiente), primo operatore nella provincia di Monza e Brianza nella produzione di energia attraverso la termovalorizzazione dei rifiuti, per alimentare l’infrastruttura con energia generata in un’ottica di economia circolare.

L’agreement tra Engie e BEA 

Questo accordo prevede che alla centrale arrivi il calore generato dal termovalorizzatore di Desio di BEA. Conseguentemente aumenterà la portata del servizio, ma al tempo stesso diminuirà la quantità di metano utilizzata nella centrale di Engie.

L’ammodernamento della centrale 

Da qui l’esigenza di ammodernare la centrale, dotandola di due nuovi serbatoi di accumulo da 1.000 mc ciascuno. Così sarà possibile stoccare l’energia termica fornita dal termovalorizzatore e di una caldaia di backup. Grazie ai minori consumi di metano, verrà evitata l’emissione in atmosfera di circa 2.400 tonnellate all’anno di CO2Il teleriscaldamento di Cinisello Balsamo sarà ancora più green.

L’estensione del servizio ad altri quartieri

Engie e l’amministrazione comunale stanno lavorando per superare i problemi legati all’estensione del servizio. I quartieri interessati sono quelli di Crocetta e Balsamo. In programma un bando per portarlo in quest’ultimo quartiere. 

 
 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

Con un investimento di 16 milioni di euro, il gestore idrico ha ammodernato l’impianto che, oltre al capoluogo, serve le frazioni di Casalecci e Principina a Terra. Focus del progetto l’upgrade della linea fanghi, in modo da ridurne la quantità da smaltire in discarica. Inoltre, grazie alle altre tecnologie implementate, il sistema è stato reso autosufficiente sul piano energetico….

Leggi tutto…

La più grande ricerca mai realizzata in Italia sul tema della sostenibilità, condotta dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, ha inserito la water utility lombarda tra le 200 società italiane più virtuose. Seconda solo dopo SNAM nella categoria “Reti Energia e Acqua”. 5 gli ambiti banco di prova: innovazione, tecnologia, sostenibilità ecologica, green economy, sostenibilità sociale. …

Leggi tutto…

Sono 31 i Comuni che hanno aderito al grande progetto di rinnovamento dell’illuminazione pubblica promosso dalla Comunità Montana di Valle Sabbia. Un piano, da 46 milioni di investimento in 16 anni, che, partendo dalla riqualificazione degli impianti, porterà all’implementazione di innovativi servizi di smart city. A realizzarlo sarà Citelum, tra le maggiori realtà internazionali del settore…

Leggi tutto…

Per ogni gestore è oggi necessario adeguarsi ai concetti di sostenibilità ed economia circolare nell’utilizzo di risorse come acqua, gas ed energia. Non solo per un dovere morale e civico, ma anche per allinearsi alle delibere imposte da ARERA. Come sappiamo, il costo dell’energia per un gestore del SII è ingente e pesa in buona percentuale sul bilancio finale. Quali sistemi e tecnologie è possibile adottare al fine di efficientare a livello energetico le proprie infrastrutture ed evitare il più possibile sprechi?…

Leggi tutto…

Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha spento il forno del termovalorizzatore. L’impianto, costruito negli anni ’80, verrà demolito per procedere alla realizzazione della Biopiattaforma, innovativo impianto green carbon neutral. I lavori inizieranno ad aprile. Presente alla cerimonia l’assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo e Riccardo Pase, presidente Commissione Ambiente della Regione…

Leggi tutto…