Il teleriscaldamento di Ferrara è amico dell’ambiente

Il teleriscaldamento è una tecnologia che fa bene all’ambiente. E i suoi benefici, in termini di riduzione delle emissioni inquinanti e aumento della qualità della vita sono noti e apprezzati dai cittadini che possono fruirne. Tra questi gli abitanti di Ferrara che possono contare su un sistema particolarmente green. Infatti, ad alimentare la rete di distribuzione del calore è per il 90% energia da fonte geotermica, quindi totalmente rinnovabile, associata al recupero del calore prodotto dal termovalorizzatore a servizio della città. Un sistema sostenibile, come testimonia la nuova certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs, tra le maggiori realtà mondiali nell’offerta di servizi di ispezione, verifica, analisi e certificazione.

 

Lo studio di Hera ed Ergo rivela gli effetti positivi per l’ambiente del teleriscaldamento di Ferrara

L’iter di certificazione è partito da uno studio condotto da Hera, che gestisce il servizio, ed Ergo, spin-off dell’Università Sant’Anna di Pisa specializzato in attività di consulenza sulla gestione ambientale e sul management della sostenibilità, che ha analizzato l’impatto del sistema sulla città. Studio, i cui risultati sono stati validati da Sgs, che evidenzia come la fornitura di 1 kWh termico del teleriscaldamento ferrarese ha un peso, in termini di CO2 prodotta, molto ridotto: appena 122 grammi. Una quantità inferiore alla metà del peso in CO2 generato da un kWh termico tradizionale, cioè generato da una caldaia domestica, pari a 270 grammi.

Una differenza che acquisisce ancora maggior rilievo estendendola all’intera città: considerando infatti che sono 25.000 le unità abitative equivalenti di Ferrara e che ciascuna di queste assorbe in media 6.000 kWh termici ogni anno, il risparmio garantito dal teleriscaldamento di Hera è superiore alle 22.000 tonnellate di CO2 emessa all’anno.

Dallo studio emerge lincidenza del carburante fossile sulle emissioni di COdel sistema

La metodologia di calcolo utilizzata nello studio di Ergo è quella prevista dalla normativa europea “from cradle to grave” (“dalla culla alla tomba”), che considera tutti i fattori emissivi coinvolti, dalla realizzazione delle infrastrutture al loro smaltimento a fine vita, dalle emissioni connesse all’utilizzo di macchine a quelle prodotte dalle caldaie a metano che, seppure in minima parte, supportano la produzione dell’energia termica distribuita dalla rete. A questo proposito, lo studio ha messo in evidenza un altro aspetto tutt’altro che trascurabile, ovvero quanta parte dei 122 grammi di CO2 emessi dal sistema derivi dal carburante fossile. E il risultato, anche in questo caso, è particolarmente significativo. Nonostante le caldaie contribuiscano solo per il 16% dell’energia prodotta totale, queste impattano per il 50% sull’impronta emissiva in CO2.

«La certificazione Carbon Footprint che il teleriscaldamento ferrarese ha ottenuto è la conferma della correttezza delle nostre scelte in questo settore – ha commentato Cristian Fabbri, direttore mercato di Gruppo Hera -. Scelte che hanno reso questa forma di riscaldamento di abitazioni e attività commerciali, rispetto a quelle tradizionali, estremamente più sostenibile sotto il profilo ambientale. Un aspetto che anche i nostri clienti, attuali e futuri, sapranno certamente cogliere e apprezzare».


Leggi anche

Snam accordo con Adnoc, Emirati Arabi

La società, in consorzio con cinque grandi fondi di investimento, ha rilevato il 49% di Adnoc Gas Pipelines, che ha in gestione 38 gasdotti. L’operazione del valore di 10,1 miliardi di dollari è una delle più importanti mai avvenute nel settore delle infrastrutture energetiche a livello globale e rappresenta la prima acquisizione di Snam, che vi parteciperà con una spesa di 250 milioni di dollari, fuori dall’Europa…

Leggi tutto…

Nuovo presidente Snam Nicola Bedin

Il neo presidente è stato nominato dall’ultima assemblea dei soci su proposta di Cdp Reti. Laurea in Economia aziendale e docente a contratto di Economia applicata presso l’Università degli Studi di Pavia, Bedin è stato amministratore delegato di importanti realtà nel campo ospedaliero e dell’assistenza sanitaria. Ha anche avuto un’esperienza nel settore gas, come amministratore non esecutivo di Italgas…

Leggi tutto…

RS Ravetti Service Dn 350 rete gas Gruppo Hera

Ancora una volta RS Ravetti Service supporta con le sue attrezzature e la sua esperienza in campo le utility e le imprese di tutta Italia in interventi su tubazioni gas Dn 350 a media pressione…

Leggi tutto…

Rete gas di Molise Gestioni a Castropignano

Partiranno in autunno, subito l’ok definitivo dell’amministrazione comunale, i lavori per estendere la rete di distribuzione gas del comune in provincia di Campobasso. Lavori che prevedono la metanizzazione della frazione di Roccaspromonte e della zona industriale del comune, attraverso la posa di 9 chilometri di nuove condotte, con un investimento di 1,6 milioni di euro …

Leggi tutto…

Camioncino Iren - Bilancio di Sostenibilità 2019

Lo studio certifica l’impegno della multiutility verso l’ambiente, pilastro sempre più strategico delle sue attività. A partire da una gestione sempre più efficiente dell’acqua, grazie alla distrettualizzazione delle reti e alla lotta alle perdite. Nello scorso anno è cresciuta anche la raccolta differenziata, arrivando al 67,3% del totale, la flotta elettrica e la volumetria teleriscaldata, arrivata a 95 mmc, mentre l’impronta carbonica del Gruppo si è ridotta dell’1,7%…

Leggi tutto…