Il teleriscaldamento di Helsinki dirà addio al carbone

Il teleriscaldamento di Helsinki si appresta ad affrontare una nuova sfida. Il Parlamento finlandese ha infatti di recente approvato una legge che mette al mando la produzione di energia da carbone a partire dal 2029. La nuova norma, parte della strategia per rendere il paese gradualmente a emissioni zero, costringe così a trovare nuove fonti per alimentare il sistema di teleriscaldamento della capitale, che, sebbene tra i più avanzati ed efficienti, è uno dei sistemi di trigenerazione più grandi al mondo, fa grande affidamento sul combustibile fossile.

Nel Paese, infatti, la domanda di energia termica, vista la posizione e il clima particolare, è particolarmente elevata. Solo nello scorso anno il sistema di teleriscaldamento di Helsinki ha prodotto circa 580 GWh di calore e 160 GWh di raffrescamento, distribuiti da una rete che si estende per ben 1380 chilometri, raggiungendo oltre il 90% degli edifici della città. Sempre lo scorso anno oltre il 50% dell’energia termica è stata generata da carbone, una quota in calo rispetto al 61% dell’anno precedente, ma pur sempre ancora rilevante.

Si pone il problema di come sostituire la fonte fossile. Una delle ipotesi allo studio è accelerare con il recupero di calore di processi dagli edifici, dove la città è già all’avanguardia. Un’altra alternativa potrebbe essere rappresentata dall’abbondante biomassa disponibile nel Paese, grazie a una delle industrie del legno e cellulosa più grandi del Vecchio Continente. Già oggi oltre la metà delle rinnovabili del Paese sono da ascrivere all’impiego di biomassa, come cippato, pellet o il “fango nero”, ovvero il sottoprodotto della trasformazione del legno in pasta. Ma non tutti sono concordi su questa scelta, in quanto il massiccio utilizzo di biomasse potrebbe portare a un incremento delle emissioni, invece che a una loro riduzione. Altra possibilità è data da un maggiore sfruttamento della geotermia e dallo sviluppo del settore dei data center, in grado di fornire il calore necessario ad alimentare la rete e per sostituire interamente il carbone. Una scelta che porterebbe a creare una rete più flessibile e integrata tra diverse tecnologie, capace comunque di garantire la sicurezza energetica e la riduzione delle emissioni.


Leggi anche

Nell’ambito dell’estensione della rete a servizio del capoluogo altoatesino la società ha concluso un nuovo tratto che ha consentito di collegare l’ospedale cittadino all’infrastruttura di distribuzione del calore. Con una fornitura di 8.300 MWh di energia, sarà il maggiore utente di energia termica e il suo collegamento consentirà di evitare più di 1.500 tonnellate di emissioni di CO2 all’anno…

Leggi tutto…

Il Centro Interdipartimentale per l’Energia e l’Ambiente è il capofila del progetto italo-svedese che punta a mettere a punto sistemi innovativi per la gestione intelligente del teleriscaldamento, basati su tecnologie avanzate come il machine learning e il model predictive control. I lavori prenderanno il via da novembre, per una durata di tre anni, con un finanziamento di 3 milioni di euro…

Leggi tutto…

Siglato l’accordo tra Sirmione Servizi, società partecipata dal Comune della provincia di Brescia, e Cogeme per dotare la cittadina di un sistema di teleriscaldamento freddo a servizio degli edifici pubblici. Il sistema sarà alimentato principalmente da fonte geotermica e fornirà calore, acqua calda sanitaria e raffreddamento estivo al palazzo del municipio, biblioteca e scuole…

Leggi tutto…

La multinazionale francese dell’energia si è aggiudicata la progettazione e realizzazione di un sistema di teleraffrescamento, della potenza di 105 MW, a servizio del Distretto digitale di Punggol in costruzione nella città-stato. La società, inoltre, realizzerà sempre a Singapore un suo centro di competenze dedicato allo sviluppo di progetti nella regione Asia-Pacifico…

Leggi tutto…

Nel mirino della Federazione Italiana produttori di energia da fonti rinnovabili l’articolo 18 della Legge Europea, che abroga l’estensione del periodo di incentivazione per la produzione elettrica da biomasse. Una misura che penalizza anche i piccoli impianti di cogenerazione alimentati con la stessa fonte proveniente dalla manutenzione dei boschi e collegati a reti di teleriscaldamento…

Leggi tutto…