Il teleriscaldamento di Helsinki dirà addio al carbone

Il teleriscaldamento di Helsinki si appresta ad affrontare una nuova sfida. Il Parlamento finlandese ha infatti di recente approvato una legge che mette al mando la produzione di energia da carbone a partire dal 2029. La nuova norma, parte della strategia per rendere il paese gradualmente a emissioni zero, costringe così a trovare nuove fonti per alimentare il sistema di teleriscaldamento della capitale, che, sebbene tra i più avanzati ed efficienti, è uno dei sistemi di trigenerazione più grandi al mondo, fa grande affidamento sul combustibile fossile.

Nel Paese, infatti, la domanda di energia termica, vista la posizione e il clima particolare, è particolarmente elevata. Solo nello scorso anno il sistema di teleriscaldamento di Helsinki ha prodotto circa 580 GWh di calore e 160 GWh di raffrescamento, distribuiti da una rete che si estende per ben 1380 chilometri, raggiungendo oltre il 90% degli edifici della città. Sempre lo scorso anno oltre il 50% dell’energia termica è stata generata da carbone, una quota in calo rispetto al 61% dell’anno precedente, ma pur sempre ancora rilevante.

Si pone il problema di come sostituire la fonte fossile. Una delle ipotesi allo studio è accelerare con il recupero di calore di processi dagli edifici, dove la città è già all’avanguardia. Un’altra alternativa potrebbe essere rappresentata dall’abbondante biomassa disponibile nel Paese, grazie a una delle industrie del legno e cellulosa più grandi del Vecchio Continente. Già oggi oltre la metà delle rinnovabili del Paese sono da ascrivere all’impiego di biomassa, come cippato, pellet o il “fango nero”, ovvero il sottoprodotto della trasformazione del legno in pasta. Ma non tutti sono concordi su questa scelta, in quanto il massiccio utilizzo di biomasse potrebbe portare a un incremento delle emissioni, invece che a una loro riduzione. Altra possibilità è data da un maggiore sfruttamento della geotermia e dallo sviluppo del settore dei data center, in grado di fornire il calore necessario ad alimentare la rete e per sostituire interamente il carbone. Una scelta che porterebbe a creare una rete più flessibile e integrata tra diverse tecnologie, capace comunque di garantire la sicurezza energetica e la riduzione delle emissioni.


Leggi anche

Nuovi materiali e nuove opportunità portano il “concetto teleriscalmento” a slegarsi dal solo uso del metallo e Ritmo S.P.A è presente con una saldatrice dedicata: COMPACT 355….

Leggi tutto…

Il piccolo borgo in Val di Merse, in provincia di Siena, entro il 2020 potrà contare sulla sua rete di distribuzione del calore a zero impatto ambientale, grazie all’accordo siglato dal Comune di Chiusdino, del quale fa parte, con Enel Green Power. La realizzazione del sistema richiederà un investimento di 2 milioni di euro, e i lavori saranno equamente ripartiti tra il Comune e la società del Gruppo Enel…

Leggi tutto…

Procedono spediti i lavori di Telenergia per la realizzazione della centrale di cogenerazione che teleriscalderà la zona sud della città. La società ha avviato anche i primi scavi per la posa delle condotte in modo da procedere dopo l’estate con gli allacciamenti delle utenze. L’obiettivo è avviare il servizio per le con l’inizio della prossima stagione termica…

Leggi tutto…

Inizierà a breve la realizzazione di un mega impianto solare a servizio della rete di distribuzione del calore di Ludwigsburg, nel Baden-Württemberg. A progettare e realizzare il sistema è l’azienda danese Arcon-Sunmark, vincitrice del bando indetto dalla multiutility locale Stadtwerke Ludwigsburg-Kornwestheim. Pronto entro l’anno, l’impianto occuperà una superficie di 14.800 metri quadri, garantendo una produzione annua di 5.500 MWh termici…

Leggi tutto…

Lo ha sottolineato Lorenzo Spadoni, presidente di AIRU, intervenendo alle audizioni periodiche di ARERA sul Quadro Strategico 2019-2021. Una tecnologia flessibile e l’unica in grado di recuperare e integrare diverse fonti di calore, da quello di scarto dei processi produttivi a quello generato da fonti rinnovabili a quello cogenerato, fornendo un servizio efficiente e sostenibile ai cittadini …

Leggi tutto…