Il teleriscaldamento di Helsinki dirà addio al carbone

Il teleriscaldamento di Helsinki si appresta ad affrontare una nuova sfida. Il Parlamento finlandese ha infatti di recente approvato una legge che mette al mando la produzione di energia da carbone a partire dal 2029. La nuova norma, parte della strategia per rendere il paese gradualmente a emissioni zero, costringe così a trovare nuove fonti per alimentare il sistema di teleriscaldamento della capitale, che, sebbene tra i più avanzati ed efficienti, è uno dei sistemi di trigenerazione più grandi al mondo, fa grande affidamento sul combustibile fossile.

Nel Paese, infatti, la domanda di energia termica, vista la posizione e il clima particolare, è particolarmente elevata. Solo nello scorso anno il sistema di teleriscaldamento di Helsinki ha prodotto circa 580 GWh di calore e 160 GWh di raffrescamento, distribuiti da una rete che si estende per ben 1380 chilometri, raggiungendo oltre il 90% degli edifici della città. Sempre lo scorso anno oltre il 50% dell’energia termica è stata generata da carbone, una quota in calo rispetto al 61% dell’anno precedente, ma pur sempre ancora rilevante.

Si pone il problema di come sostituire la fonte fossile. Una delle ipotesi allo studio è accelerare con il recupero di calore di processi dagli edifici, dove la città è già all’avanguardia. Un’altra alternativa potrebbe essere rappresentata dall’abbondante biomassa disponibile nel Paese, grazie a una delle industrie del legno e cellulosa più grandi del Vecchio Continente. Già oggi oltre la metà delle rinnovabili del Paese sono da ascrivere all’impiego di biomassa, come cippato, pellet o il “fango nero”, ovvero il sottoprodotto della trasformazione del legno in pasta. Ma non tutti sono concordi su questa scelta, in quanto il massiccio utilizzo di biomasse potrebbe portare a un incremento delle emissioni, invece che a una loro riduzione. Altra possibilità è data da un maggiore sfruttamento della geotermia e dallo sviluppo del settore dei data center, in grado di fornire il calore necessario ad alimentare la rete e per sostituire interamente il carbone. Una scelta che porterebbe a creare una rete più flessibile e integrata tra diverse tecnologie, capace comunque di garantire la sicurezza energetica e la riduzione delle emissioni.


Leggi anche

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…

Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, ha presentato il progetto per il nuovo impianto a servizio della rete di distribuzione del calore della cittadina della provincia di Bolzano. La centrale sarà alimentata a biomasse e sarà dotata di un generatore della potenza di 8 MW, in grado di produrre 27 GWh di energia termica ogni anno, sufficienti a scaldare circa 2500 appartamenti, evitando l’emissione in atmosfera di 5500 tonnellate di CO2 annue…

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…

Inaugurato e in funzione l’impianto realizzato dal gestore idrico della provincia di Monza e Brianza presso il depuratore San Rocco di Monza. Realizzato con un investimento di 4,6 milioni di euro, è frutto della partnership con Acsm Agam e produce elettricità, interamente utilizzata per alimentare le linee dello stesso depuratore e calore, che viene immesso nella rete di teleriscaldamento cittadina …

Leggi tutto…