Il teleriscaldamento di Morbegno partecipa al mercato del dispacciamento


Il sistema di teleriscaldamento di Morbegno e Talamona, in provincia di Sondrio, è pronto a partecipare al mercato per il servizio di dispacciamento elettrico (Mds). Terna ha infatti qualificato l’Unità virtuale aggregata di produzione (Uvap) di Ego, società attiva nel trading dell’energia, alla quale è collegato l’impianto di cogenerazione che alimenta la rete di distribuzione del calore, impianto che ora può operare sul mercato fornendo una flessibilità a salire e a scendere di 8 MW.
La rete di teleriscaldamento, di proprietà di S.E.M. (Società elettrica in Morbegno), si estende per oltre 35 km e alimenta l’abitato e la zona industriale di Morbegno e Talamona con una utenza allacciata di oltre 75.000 kW. Ad alimentarla è una centrale di cogenerazione con quattro motori-generatori a gas da 3.555 kW ciascuno, due caldaie a integrazione e riserva da 7500 kW termici cadauno, un sistema di accumulo calore da 1000 mc e una pompa di calore da 3700 kW termici. La sua produzione elettrica ora potrà essere utilizzata da Terna per superare momenti di picco della domanda. Partecipare al mercato di dispacciamento significa infatti essere in grado di rendere disponibile energia in tempi brevissimi. A questo scopo, ai fini della qualifica, è stato necessario modulare in incremento (e/o in decremento) l’immissione di energia dell’intera Uvap entro 15 minuti dalla ricezione dell’ordine di dispacciamento di Terna, e sostenere tale modulazione per un periodo pari a due ore e mezzo ore consecutive.
Partecipare a questo mercato garantisce importanti vantaggi per il gestore dell’impianto, a partire da una migliore remunerazione dell’energia ceduta, una grande opportunità per i proprietari di impianti di energia distribuita.
«Siamo riconoscenti a Ego che ci dà l’opportunità di partecipare a questo nuovo mercato: immettere in rete “energia elettrica pregiata”, ovvero esattamente quando Terna ne ha bisogno per esigenze di bilanciamento della rete, permette una remunerazione migliore rispetto alle condizioni di ritiro dell’energia in base alla programmazione effettuata il giorno precedente – ha commentato Michele Colli, responsabile dell’impianto di teleriscaldamento di Morbegno e Talamona -. Fino ad ora abbiamo sempre programmato il funzionamento del nostro impianto in base alla previsione di richiesta termica e la produzione elettrica era per noi un “sottoprodotto”. Da ora in avanti la produzione di energia elettrica per soddisfare le esigenze di Terna potrebbe diventare un driver importante.


Leggi anche

A realizzare e gestire il sistema, che fornirà calore a circa 800 edifici, sarà Telenergia, società nata dalla partnership tra Egea e Amag, con un investimento di 90 milioni di euro. Il progetto, che sarà ultimato in 6 anni, prevede la costruzione in città di una rete di 62 km alimentata da due centrali di cogenerazioni a gas integrato con fonti rinnovabili: una nella zona Sud e l’altra nella zona Nord…

Leggi tutto…

La giunta provinciale ha dato l’ok alla concessione all’utility energetica dell’Alto Adige delle linee di collegamento del sistema di distribuzione del calore. La concessione, della durata di 29 anni, interessa tre linee per uno sviluppo complessivo di oltre 2,5 km. Il canone di indennizzo annuo è stato fissato a circa 60.000 euro…

Leggi tutto…

L’intesa riguarda il sistema di Settimo Torinese: il big dei cosmetici cederà l’acqua recuperata, depurata e purificata del suo sito di produzione a Engie che la utilizzerà come acqua di reintegro della propria rete. Un esempio di economia circolare che permetterà soddisfare, evitando lo spreco di nuova risorsa idrica, ben il 20% del fabbisogno di acqua della rete della lunghezza di 47 km …

Leggi tutto…

Azzerare del tutto le emissioni di CO2 dei sistemi di teleriscaldamento entro il prossimo decennio. È il grande obiettivo che si è dato Fortum, società energetica finlandese, per la città di Espoo. Un lungo cammino che comincia con l’eliminazione degli attuali generatori fossili che alimentano la rete cittadina, grazie alla costruzione di una centrale a biomasse da 49 MW, che sarà completata per il 2020…

Leggi tutto…

Sarà la geotermia ad alimentare nel prossimo futuro la rete di distribuzione del calore di Aarhus, seconda città della Danimarca. È l’obiettivo dell’intesa tra l’amministrazione cittadina e AP Moller Holding, società quest’ultima che avvierà una campagna di esplorazioni per verificare la fattibilità del progetto. Secondo il programma, le prime trivellazioni saranno effettuate tra il 2019 e il 2020, mentre i primi impianti geotermici saranno costruiti a partire dal 2021…

Leggi tutto…